Francesco Chiama, un epigono della marineria capraiese

 

Nella seconda metà dell’Ottocento, con l’avvento delle grandi navi a vela e lo sviluppo della navigazione a vapore la marineria capraiese perse la sua ragione di esistere anche perché Capraia era stata inclusa nei servizi postali del regno di Sardegna.

Lo spirito marinaresco di alcuni discendenti delle antiche famiglie capraiesi che avevano fatto la fortuna della marineria capraiese nel Settecento, non venne meno.

Alcuni personaggi emergono dagli antichi documenti: Domenico Chiama, Nicola Rinesi, Paolo Tomei, Gio Batta Salese, Lorenzo Lamberti, e Gian Leonardo Bargone, quasi tutti commercianti che frequentavano l’ambiente commerciale di Genova pur mantenendo un forte legame con l’isola. Non sappiamo quali fossero i loro commerci ma indubbiamente avevano accumulato dei capitali che gli permisero di acquistare dei carati di grosse navi a vela e successivamente anche di navi a vapore.

Nel 1870 Domenico Chiama, Nicola Rinesi, e Paolo Tomei acquistano ciascuno un carato del brigantino a palo Cileno per una cifra di circa Lire 7000 a carato. Più tardi anche Gio Batta Salese, Lorenzo Lamberti, e Gian Leonardo Bargone acquistarono altri carati dello stesso bastimento, così che i capraiesi possedevano 5,66 carati su 24 del Cileno. Nel 1886 Domenico Chiama possedeva un carato del brigantino a palo Campidoglio. Alla sua morte nel 1887 Domenico Chiama lascia ai figli una quota di navigazione del brigantino a palo Angelo.[1]

Domenico Chiama era nato a Capraia nel 1818, figlio di Francesco Chiama, discendente da un ramo dei Chiama che nel Settecento possedevano diverse imbarcazioni per lo più gondole. Francesco Chiama nel periodo francese era capitano al piccolo cabotaggio e comandava il liuto S. Giuseppe. Il figlio Domenico fece fortuna nel commercio, sposò la capraiese Germi Caterina e fu sindaco dell’isola. Ebbe una numerosa prole e tra essi i figli Elia capitano di lungo corso, nato nel 1856 morto nel 1908, Francesco capitano di lungo corso ed armatore, Isaia, primo podestà dell’isola, e Geremia commerciante e per molti anni sindaco dell’isola.

Francesco Chiama nacque a Capraia l’otto dicembre 1853 da Domenico Chiama e Caterina Germi. Nel 1892 comandava il piroscafo Capraia, di cui era proprietario l’armatore Camillo Caruta di Genova. Il Capraia era una nave da carico a vapore e a vela in ferro, costruita nei cantieri inglesi J. Wigham Richardson & Co nel 1866 con il nome Collingwood per conto degli armatori Shields SS Co Ltd, aveva una stazza netta di 373 tonnellate per trasporto merci.  Il Collingwood fu rivenduto più volte fintanto che nel 1891 fu acquistato dall’armatore genovese Camillo Caruta che lo ribattezzo Capraia. Probabilmente Francesco Chiama ne acquistò diversi carati nel corso degli anni e nel 1896 fu fondata la compagnia Camillo Caruta e Francesco Chiama che possedeva come solo piroscafo il Capraia. Nel 1898 Francesco Chiama fondò la propria compagnia di navigazione col nome di Francesco Chiama fu Domenico che inizialmente possedeva solamente il vapore Capraia. Nel gennaio del 1898 Francesco Chiama era ancora al comando del Capraia in viaggi tra Genova e la Spagna. Il sette dicembre dello stesso anno il Capraia a causa della nebbia entrò in collisione presso Parenzo col piroscafo austriaco Istria, partito da Trieste per New York, che affondò, ma il suo equipaggio si salvò dopo aver passato la notte in alto mare. Il Capraia, che era in viaggio da Brindisi per Trieste con un carico di vino e olio, subì dei danni e fu costretto a riparare nel porto di Rovigno. Nel 1900 Francesco Chiama rivendette il Capraia a un armatore di Catania. 

Nel 1900 la società Francesco Chiama acquistò la nave Clelia che l’anno successivo ribattezzò Ebe. La Clelia era sta costruita come nave da carico a vapore nel 1871 preso i cantieri inglesi Richardson, Duck & Co. Ltd., ed aveva una stazza lorda di 1556 tonnellate e una stazza netta di 994 tonnellate. Affondò il 11 luglio1908 a 25 miglia da Mahadia (Tunisia), mentre faceva rotta tra il porto di Sfax e il porto di St. Louis du Rhone con un carico di 1800 ton. di fosfati a causa di una infiltrazione d’acqua nello scafo, L’equipaggio riuscì a salvarsi.

Il 24 novembre 1908 Francesco Chiama acquistò la nave a vapore da carico Forsteck che ribattezzò Febo. La nave era stata costruita nel 1889 dai cantieri inglesi Sunderland Ship Building Company, con il nome Rheinfels aveva una stazza lorda di ton. 2843 e netta di ton. 1764. La nave entrò a far parte della nuova società Francesco Chiama e Agostino Danove nel 1911 e fu venduta nel 1917.

Stampa speciale in occasione del battesimo della nave Rheinfels poi Febo

Verso la fine del 1910 fu fondata la nuova società di trasporto marittimo Francesco Chiama e Agostino Danove con sede a Genova in salita Pollaioli. La società aveva una sua bandiera e uno stemma sul fumaiolo delle navi.

La società Francesco Chiama e Agostino Danove acquistò nel 1910 la nave da carico Arabistan, costruita da Alexander Stephen & Sons Ltd. nel 1893. La nave aveva una stazza lorda di 3194 ton. e dopo l’acquisto fu ribattezzata Giano.

La nave Giano ex Arabistan

Nel 1911, con lo scoppiò della guerra italo-turca per la conquista della Tripolitania e della Cirenaica, la nave fu commissariata dalla Marina Militare per adibirla al trasporto di carbone. La nave carica di 4000 ton. di carbone per la squadra navale italiana era partita da Augusta il 17 dicembre. All’ alba del 24 dicembre Il Giano scorsa la costa della Cirenaica, e nonostante che il mare fosse più che tempestosissimo, proseguì la navigazione. Calò intanto una fortissima nebbia, che impediva la vista fino a pochi metri di distanza e la nave procedeva a piccola velocità. Il comandante Salvatore Schiaffino comandò di rallentare ancora. La nave ad un tratto ebbe uno schianto formidabile e dopo l’urto violento, poco a poco affondò con la sola tolda fuori dall’acqua. Tutto l’equipaggio, il commissario militare e trentadue marinai della Marina che erano a bordo si rifugiarono sul ponte. Il 27 furono scorti dal piroscafo Armanda Raggio che li che li trasse in salvo e li sbarcò a Tobruk. Il Giano non era recuperabile ma era assicurato per due milioni di Lire.

Nel 1912 la società Francesco Chiama e Agostino Danove acquistò la nave da carico Lubeck che ribattezzò Lela. La nave, che aveva una stazza lorda di 2678 ton. e una stazza netta di 1732 ton., era stata costruita nei cantieri A. Stephen e Sons di Glasgow nel 1890 con il nome Queen Margaret. Il 13 novembre 1916 in viaggio da Glasgow a Genova carica di carbone, venne affondata a cannonate dal sottomarino tedesco U 50 Gerhard Berger, a Sud-Ovest dell’isola francese di Ouessant (Manica meridionale). Non ci furono vittime.

 SS. Lela (ex Queen Margaret)

Nel 1913 i due soci acquistarono la nave da carico Cyrill che era stata costruita nel 1891 nei cantieri  D & W Henderson & Co con il nome Algeria. La nave fu ribattezzata Virginia, Aveva una portata lorda di 4510 ton e una netta di 2931 ton. Fu venduta nel 1917 alla Società Ilva di Genova.

Nello stesso anno la Francesco Chiama e Agostino Danove acquistò la nave Louisianian, che fu ribattezzata Vittorio. La nave era stata costruita nel 1877 ma fu varata nel 1891 nei cantieri Barclay, Curle & Co. Ltd., Glasgow. La nave aveva una stazza lorda di 3642 ton, e una netta di 2386 ton. Fu venduta nel 1917 alla Società Vassallo & Narizzano di Genova.

La nave Vittorio ex Louisianian,

Nel settembre del 1915 Francesco Chiama morì a Genova, e nella società gli successe il fratello Geremia che però non era interessato all’attività di armatore e nel 1917 la società fu sciolta dopo aver venduto tutte le navi di sua proprietà.


[1] F. Brizi, Il ritrovamento dell’archivio della pretura di Capraia Isola – Implicazioni e prospettive per la storia sociale ed economica locale, in Un’isola “superba”- Genova e Capraia alla riscoperta di una storia comune, Genova 2012, pp.109-149.

Pubblicato in Il Novecento, Uncategorized | Contrassegnato , , | Lascia un commento

Un ricordo di Paolo Karim Amirfeiz

IMG-20200411-WA0000 (2)

Karim ci ha lasciati: il suo lungo viaggio in questo mondo è finito.  Oggi potremmo pensare che lo aveva previsto, quando, lo scorso anno, si era impegnato a scrivere e a far pubblicare la sua autobiografia (“Un lungo viaggio: Teheran, Firenze e Genova”).  A me fu chiesto di curarne la presentazione agli amici più stretti, sia a Firenze, sia a Capraia, cosa che accolsi con piacere e che mi offrì l’occasione non tanto di conoscere per primo gli avvenimenti che hanno caratterizzato la sua vita, quanto piuttosto di penetrare più a fondo nel suo mondo interiore.
Ed è così che, frugando nella memoria, ho pensato di riproporre, per quegli stessi amici, almeno un po’ di quello che mi venne di dire allora e che penso possa ora servire per rendere più nitido il suo ricordo.
Stimolato forse dalla passione che Karim dice di aver nutrito per il romanzo “Sinuhe l’egiziano “, ho definito e definisco ancora questa sua autobiografia ”una piccola piramide”, una piccola piramide costruita, però, non con i macigni della vanagloria, ma con i più modesti mattoni dei ricordi di una vita spesa per il lavoro e per gli affetti familiari.  Sì: sono convinto che l’ambizione di Karim fosse solo quella di lasciare un ricordo di sé ai suoi parenti, ai suoi amici e, soprattutto, ai suoi nipoti, come una sorta di guida per affrontare la vita con il suo stesso impegno, con la sua stessa maturità e, in particolare, con la sua stessa modestia.  Non a caso, del suo successo, Karim ha generosamente attribuito gran parte del merito a due donne: prima sua madre Pouran, poi a sua moglie Bruna.
Sua madre che lo aveva educato e che forse, convinta per sua cultura dell’esistenza di un destino predeterminato (“quadar”), ne aveva previsto le doti come evidenzia il nome da lei per lui prescelto: Karim, il 43esimo dei 99 nomi noti di Allah e che significa “il generoso”.
Sua moglie Bruna che si sarebbe “degnata” – come lui stesso non esita a scrivere – di accettarlo prima come compagno di studi, poi come amico e, poi, infine, come marito, aprendogli così la strada per una comune carriera di successo nel campo dell’architettura e, quindi per prestigiose relazioni nella società civile e imprenditoriale del suo paese adottivo.
Successo e relazioni che nulla hanno modificato della sua personalità, rimasta quella di un uomo profondo e impegnato sì, ma buono e semplice, come hanno evidenziato la sua disponibilità all’amicizia, il calore dei suoi rapporti umani, la sua lontananza da ogni albagia, il suo amore per la vita di campagna, il gusto di coltivare un orto, di fare di un isola a suo tempo semiabbandonata e diruta come Capraia il suo prediletto luogo di vacanza. Non ha stupito, così, il suo accostarsi, nel periodo degli anni della maturità, alla nostra religione, ad un Dio solo amore, come quello che ci ha proposto il Cristo, fino a divenire per battesimo “Paolo”, “Paolo Karim, “Paolo… il generoso”.  Generoso e sensibile sì, come rivela uno dei brani del poeta Saadi che credo non a caso abbia scelto per corredare la sua autobiografia:

Son membra di un corpo solo i figli di Adamo,
Da un’unica essenza quel giorno creati.
E se uno tra essi a sventura conduce il destino,
per le altre membra non resta riparo.
A te che per l’altrui sciagura non provi dolore,
non può essere dato nome di Uomo.

Superfluo dire che ci mancherà.  Il tempo passa, del nostro gruppo di amici che come lui hanno scelto Capraia come luogo del cuore, altri sono scomparsi, tutti inevitabilmente scompariremo.  Non di tutti, forse, resterà un ricordo così intenso, non di tutti, forse, resterà una rimpianto altrettanto profondo.
Folco Giusti

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Per una storia dell’emigrazione capraiese: il grande esodo verso la Corsica

J. Luffman, 1800

J. Luffmann – Corsica – 1800

Quando nel 1767 i Corsi di Pasquale Paoli occupano Capraia, per gli abitanti dell’isola inizia una nuova storia.

L’occupazione corsa non dura a lungo: Pasquale Paoli nel maggio del 1769 viene sconfitto dai Francesi a Ponte Novu e anche Capraia cade in loro mani. Con il trattato di Versailles, del 15 maggio 1768, tra la Francia e la Repubblica di Genova, che sancisce di fatto il passaggio della Corsica sotto la Francia, Capraia viene restituita alla Repubblica. La restituzione avviene soltanto nel 1771. Tra il 1767 e il 1771 si interrompono i contatti dell’isola con Genova.

Viene così a mancare il lucroso traffico marittimo e commerciale che aveva permesso alla marineria capraiese di svilupparsi e di apportare grandi benefici economici alla popolazione con la creazione di numerosi posti di lavoro.

Ma anche il ritorno di Capraia sotto la Repubblica non risolve i problemi dei Capraiesi perché vengono a mancare i traffici sulle rotte Corsica – Genova, Corsica – Riviere Liguri, e Corsica – Toscana, principalmente con il porto di Livorno. Qualche capraiese trova lavoro sui postali francesi che collegano la Corsica con la Francia, principalmente Marsiglia. Il porto di Bastia una delle basi di approdo dei Capraiesi perde importanza a beneficio di quello di Aiaccio, che per la sua posizione di fronte alla costa francese, diventa lentamente la città più importante della Corsica. Altri Capraiesi si spostano con le loro famiglie in Sardegna ed in modo particolare nell’isola de La Maddalena.

Ma questi flussi migratori sono piuttosto ridotti finché nell’ultimo decennio del secolo, con lo scoppio della Rivoluzione francese, il Tirreno settentrionale diviene uno dei teatri delle guerre navali tra la Francia e l’Inghilterra, degli spostamenti di eserciti nelle regioni bagnate da quel mare, della caduta della repubblica di Genova, e del nascere della nuova Repubblica Ligure. Capraia suo malgrado si trova in mezzo a questi avvenimenti e dopo una prima occupazione dell’isola da parte delle truppe inglesi di Nelson nel 1796, vede dopo pochi anni, nel 1801 anni l’occupazione francese e nel 1802 il passaggio dell’isola alla Francia per volere di Napoleone Bonaparte. Nel 1805 Capraia viene annessa al Dipartimento del Golo con capitale Bastia. A partire da questa data inizia il grande esodo dei Capraiesi, ormai francesi, verso la Corsica, dove sperano di trovare un lavoro: non pochi marinai, ma intere famiglie emigrano e si insediano in modo permanente nella nuova patria. A Capraia manca il lavoro: le imbarcazioni immatricolate nel porto di Capraia sono ancora molto numerose, ma poche di esse escono in navigazione per mancanza di traffici e di commerci. Diversi marinai trovano più proficuo arruolarsi nel battaglione cannonieri guardacoste 101bis che ha sede a Bastia

Questa emigrazione riguarda tutte le famiglie capraiesi: dalle più grandi ed antiche che risalgono al Cinquecento, a quello che si sono insediate a Capraia nel Settecento, e che probabilmente originano da famiglie corse che sono arrivate nell’isola quando, nel 1747, parte della popolazione di Bastia fu evacuata, durante l’assedio della città.

L’inserimento dei nuovi arrivati in Corsica non deve essere stato facile. Per buona parte di quelli fra di loro che sono esperti marinai e che hanno ricevuto una patente marittima dalle autorità francesi, non è difficile trovare un lavoro sulle Imbarcazioni francesi. Gli altri devono accontentarsi di lavorare nel commercio, piccoli negozi di calzolaio e macellaio a Bastia, venditori ambulanti nei paesini dell’interno, o semplici lavoranti in campagna retribuiti con un basso salario giornaliero. L’ottanta per cento circa degli emigrati si ferma a Bastia, dove tra l’altro vi sono più opportunità di trovare un lavoro (nel 1806 la città conta circa 8000 abitanti) e il suo porto è, nel primo periodo dell’emigrazione, rimane il più importante dell’isola. Tra l’altro per i capraiesi che si installano a Bastia è più facile mantenere rapporti con i compaesani emigrati: numerosi i matrimoni tra compaesani e tra i loro figli, le testimonianze di nascite, matrimoni e morti.

Dopo l’abdicazione di Napoleone, il 4 aprile 1814, e il ritorno al potere dei Borboni con Luigi XVIII, mentre a Vienna viene ridisegnata le mappa politica dell’Europa, ancora una volta Capraia e i suoi abitanti, compresi quelli che ormai da tempo si sono insediati in Corsica, subiscono una nuova svolta: Capraia ritorna ad essere italiana e viene assegnata al regno di Sardegna.

Il 17 ottobre 1814 Luigi XVIII promulga una legge sulla naturalizzazione degli abitanti dei territori che sono stati uniti alla Francia a partire dal 1791. La legge prevede che tutti gli abitanti di questi territori che in virtù di queste annessioni risiedono ancora su territorio propriamente  francese abbiano diritto ad ottenere la naturalizzazione se hanno risieduto in Francia da almeno dieci anni e dall’età di vent’un anni. Questa legge costringe i Capraiesi già emigrati a nascondersi ufficialmente tanto che pochi di essi sono rintracciabili nel censimento del 1818 che si tiene in tutti i comuni della Corsica. Le maggiori difficoltà le incontrano i marinai capraiesi che si sono stabiliti in Corsica: per loro, nonostante la riconosciuta esperienza marinara, diviene impossibile trovare imbarco sulle navi francesi, specialmente per l’ostilità dei marinai corsi che si vedono portare via posti di lavoro. In molti fanno la domanda di naturalizzazione ma sono pochi ad ottenerla, la maggior parte ottiene un permesso di domicilio che consente loro di rimanere in Francia e muoversi sul territorio francese.

Nonostante la Corsica faccia parte di una nazione estera l’esodo da Capraia verso la Corsica continua e tende a rallentare solamente dopo il 1830.

Abitanti e FuochiA tutt’oggi siamo riusciti a individuare 475 persone, nate a Capraia che si sono insediate in Corsica a partire dal 1767 fino agli anni ’30 dell’Ottocento. Però si può stimare, con buona approssimazione che esse siano state tra le 500 e 600. Questi numeri giustificano il rapido calo della popolazione in questo periodo anche se le fonti statistiche da cui abbiamo ricavato i dati non sono certo tra le più accurate.

Quelli che non trovano lavoro a Bastia o non si adattano alla vita cittadina si stabiliscono essenzialmente nella Corsica settentrionale (al di qua dei monti) che forse conoscevano già negli anni precedenti per esservisi recati per i loro commerci.

Bastia e Capocorso

Bastia e il Capocorso

La vita nei paesini dell’interno è facilitata per quanti non si sono adattati alla lingua francese che, come dimostrano i registri comunali, si è imposta a Bastia già alla fine del Settecento, mentre nei villaggi l’italiano rimane di uso comune, anche nei registri comunali, fino ad oltre la metà dell’Ottocento. Una delle regioni di insediamento è il Capocorso, nei villaggi di Tomino, Meria, e Cagnano, posti sulle prime pendici dei monti che degradano verso il mare e da dove in lontananza si scorge Capraia. Quasi tutti questi villaggi hanno uno sbocco sul mare. Una regione non ricca ma che produce vino in quantità e che per la sua morfologia è molto simile a Capraia. I porti di questa regione sono stati sempre frequentati dalle imbarcazioni capraiesi a partire dai primi decenni del Settecento dove si rifornivano di vino.

La Balagna con il suo centro principale in Calvi è un’altra regione dove si insediano i capraiesi emigrati. Molti sono i villaggi interessati, oltre a Calvi: L’Ile Rousse e Algaiola sul mare, e poi i villaggi sui declivi che scendono dal massiccio del Capocorso, Monticello, Santa Reparata di Balagna, Cateri, Montegrosso, Calenzana, Zilia, Speloncato, e Belgodere.

Balagna

Balagna

Una regione essenzialmente agricola ma che con i porti di Calvi, Algaiola e L’Ile Rousse ha anche una notevole attività marittima. I bastimenti capraiesi la hanno frequentata, in modo particolare, nei loro traffici verso Genova ma anche per quelli tra i porti della Corsica nella prima metà del Settecento. Dopo la caduta di Capraia nelle mani dei Corsi, tra il 1767 e il 1769, molti marinai capraiesi sono stati arruolati nella marina corsa di Pasquale Paoli che aveva la su a base a L’Ile Rousse.

La terza regione di insediamento dei Capraiesi è la vasta zona a sud di Bastia che sale verso le montagne del centro della Corsica: la Casinca nei villaggi di Prunelli di Casinca, Vescovato, Venzolasca, Penta di Casinca, Loreto di Casinca; la Castagniccia nei villaggi di Silvareccio e Lano; il distretto di Corte nel villaggio di Moltifao.

Castagniccia

Casinca, Catagniccia, Corte

 

Ajaccio

Aiaccio

I Capraiesi emigrati in Corsica, che siamo riusciti a recensire ad oggi, si sono installati essenzialmente nell’Alta Corsica, con l’eccezione di un piccolo nucleo famigliare che si installa a Sant’Andrea di Orcino nei pressi di Aiaccio e qualche sporadico matrimonio di capraiesi/e con abitanti di Aiaccio.

 

 

 

Le famiglie capraiesi nel periodo dell’emigrazione in Corsica

 

Agostini: a Capraia anche Austini: famiglia insediatasi a Capraia intorno alla metà del Settecento

Angeleri: proviene da Calvi a inizio Ottocento

Artisi: una famiglia insediatasi a Capraia nella seconda metà del Settecento

Barbazza: a Capraia anche Barbassa: Dominico Barbassa abitante a Capraia nel 1559

Bargone: nel 1556, il bottaro Batta Bargone, della guarnigione genovese dell’isola, è da diversi anni a Capraia dove era giunto con la famiglia. È un falegname esperto anche nella riparazione degli affusti dei cannoni. Più tardi arrivò anche un fratello. Domenico e Andrea Bargone, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci. Una delle più grandi famiglie dell’isola con molti rami.

Bernardini: Bernardino q, Michel’Angelo, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Biaggini a Capraia Biagini: famiglia installatasi a Capria nei primi anni del Settecento

Bugatti: famiglia insediatasi a Capraia alla fine del Settecento

Cassinelli in Corsica anche Cascinelli: Luca Casinelli, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Chiama: Bernardo, Simone, e Bartolomeo Chiama, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Colombani: Jeronimo Collombana, nel 1556, è uno degli abitanti di Capraia. Tomeo Colombano, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Compiano: Stefano e Domenico Compiano, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Costa: famiglia insediatasi a Capraia nella prima metà del Settecento

Costanza o Costanzo: Paolo di Costanzo è pescatore a Capraia nel 1575. Paolo Costanzo, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Cuneo o Cunio: Piero q. Coniio sottoscrive nel 1540 l’atto di vassallaggio al Banco di S. Giorgio. Simone, Giuseppe e Domenico Cuneo, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.  I Cuneo sovente sono eletti Padri del Comune. Una delle grandi famiglie di Capraia con diversi rami.

Danove anche Da Nove fino ai primi anni dell’Ottocento: Il tamburino Bernardo Danove è a Capraia dal 1541. Nel mese di gennaio del 1542 ritorna a Genova. Probabilmente si è innamorato di una donna di Capraia, ritorna nell’isola e la sposa; Pietro Francesco da Nove, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.  I Danove sovente sono eletti Padri del Comune.

De Franceschi: famiglia installatasi a Capria intorno alla metà del Settecento

Dominici: famiglia originaria di Sisco. Un Dominici si insedia a Capraia verso la fine del Settecento

Dussol: il primo Dussol arrivato a Capraia è Giacomo, francese nata nel 1725, sergente del reggimento Sarzana. Nel 1796 comanda il distaccamento della Torre del Porto.

Fasci anche Fascie: famiglia insediatasi a Capraia nella prima metà del Settecento

Ferrandi o Ferandi: Gio Ferandi, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Filippi o De Filippi: famiglia presente a Capraia a partire dalla seconda metà del Settecento

Gallettini o Gallettino: Giacomo Gallettino, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Garbano: famiglia presente a Capraia nella seconda metà del Settecento

Gentili: famiglia originaria di S Fiorenzo, presente a Capraia a fine Settecento

Gesta: famiglia originaria dell’Algaiola, presente a Capraia dalla metà del Settecento

Giorgi: presente a Capraia a fine Settecento

Giovannetti: famiglia presente a Capraia nella prima metà del Settecento

Gregory o Gregorio: Gio e Damiano di Gregorio, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Grimaldi: Pietr’Antono Grimaldo, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Lai: Famiglia presente a Capraia nella seconda metà del Settecento

Lamberti: Lorenzo Lamberto è uno stipendiato abitante della guarnigione nel 1569

Lucari o Luchari o Luccari: il primo Luccari a Capraia è Pietro, genovese, probabilmente è un soldato della guarnigione genovese.

Morgana: Damiano, Bartolomeo, e Domenico Morgana, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Olivieri anche Oliveri: Rifaciolo q. Oliveri e Joanni q. Oliveri, nel 1540 sottoscrivono l’atto di vassallaggio di Capraia al Banco di S. Giorgio. Lorenzo e Domenico Olivero, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Oliveto: Nicoloso e Geronimo Oliveto, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Paoletti: famiglia presente a Capraia dalla metà del Settecento

Paoli: famiglia presente a Capraia dalla prima metà del Settecento

Princivalle o Princivale: questo nome compare diverse volte tra i sottoscrittori dell’atto di vassallaggio degli abitanti di Capraia al banco di San Giorgio del 1506. Nel 1540 Theramo Princivale è uno dei sottoscrittori dell’atto di vassallaggio al Banco di S. Giorgio. Bartomeo e Giacinto Princivalle, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci Una delle famiglie più numerose dell’isola, marinai e pescatori.

Raffi: famiglia presente a Capraia negli ultimi decenni del Settecento

Ramarone: Antonio Ramarione è un abitante stipendiato nel 1559. Antonio Ramarone, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Rinesi: famiglia presente a Capraia dalla prima metà del Settecento

Roverano: famiglia presente a Capraia dalla prima metà del Settecento

Sabatini o Sabatino a Capraia anche Sabbadini o Sabatino: Filippo e Giacomo Sabbadino, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci

Santone anche Santoni: famiglia presente a Capraia dalla prima metà del Settecento

Sarzana o Zarzana: Angiolo Maria Zarzana, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Sesini: famiglia presente a Capraia dalla prima metà del Settecento

Solari o Solaro: i l soldato Rafaelino del Solaro risulta presente nell’isola già nel 1544, quando cattura un turco sbarcato nell’isola e per il suo valore viene premiato con una ricompensa di Lire 12 e gli viene affidata la custodia della porta della Fortezza. Nel 1544-1545 è uno dei tre Padri del Comune. Probabilmente sposa una donna di Capraia. Giustiniano, Domenico, Gio, e Pasqualino Solaro, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci. I Solari più volte sono stati eletti Padri del Comune.

Subrero o Sobrero: Stefano e Gio Subrero, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Sussone: Mannello q. Joanni anzi q. Suzone sottoscrive l’atto di vassallaggio di Capraia al Banco di S. Giorgio del 1540; Gio Sussone, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Tarascone: Nicroso Tarascone è uno dei sottoscrittori dell’atto di Vassallaggio degli abitanti di Capraia al Banco di San Giorgio nel 1506; Antonio Tarascone nel 1623 ottiene l’appalto per costruire nel Forte la Casa del capitano e commissario. Bastiano e Antonio Tarascone, pescatori, partecipano nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Tardi: famiglia presente a Capraia dalla prima metà del Settecento

Tomei o Tomeo: Anton Giacomo Tomeo, pescatore, partecipa nel 1657 al consorzio per l’appalto della gabella dei pesci.

Trama: Trama Costantino di Francesco (nativo di Capri) sposa a Capraia Benedetti Maria Lucia q. Antonio nel 1763

Valery o Valeri: Valeri Ambrogio di Valerio, di Brando, sposa a Capraia   Gregory Maria Caterina q. Gio Leonardo nel 1796

 Capraiesi emigrati in Corsica – Secoli XVIII-XIX

  1. Agostini Agostino

Nato a Capraia il 15 febbraio 1771 da Agostini Giovanni e Chiara Solari. Marinaio iscritto nei ruoli di capraia, celibe abita in località Cricco. Il 21/11/1803 sposa a Capraia Sussone Cattarina. Il 10/3/1804 imbarca a Capraia sulla gondola L’Annunciazione, padrone Sussone Stefano. Il 4/1/1819 muore a Bastia la figlia Marie Antoine di mesi 2. Il 11/2/1824 è presente a Bastia alle nozze della figlia Agostini Chiara. Marinaio muore a Bastia il 30/8/1826, testimoni Solari Giuseppe marinaio di anni 35, abitante au Vieux Marchè. e Raffi Giuseppe Maria marinaio di anni 24 abitante a Saint Charles.

  1. Agostini Chiara

Nata a Capraia il 13/10/1804 da Agostini Agostino e Sussone Caterina. Il 11/2/1824 sposa a Bastia, presente e consenziente il padre e la madre defunta, Rinesi Antonio Maria nativo di Capraia. Muore a Bastia, rue de la Marine, il 26/8/1877.

  1. Agostini Giuseppe

Nato a Capraia circa 1746 da Agostini Giovanni Battista. Il 29/11/1767 sposa a Capraia Lamberti Maria Giuseppa di Giuseppe. Il 29/10/1810, marinaio, muore vedovo a Bastia, dove abita.

  1. Agostini Giuseppe

Nato a Capraia il 18/10/1803 da Agostini Leonardo e Chiama Angela Maria. Il 26/2/1832, commerciante dimorante a Bastia, sposa la capraiese Dussol Francesca, donna di casa di anni 23. Muore a Capraia il 23/8/1850.

  1. Agostini Giuseppe

Nato a Capraia il 10/5/1788 da Agostini Giuseppe e Colombani Giovanna. Il 10/8/1822, marinaio, sposa a Bastia, in assenza dei genitori defunti, la capraiese Olivieri Maria. Muore a Bastia il 3/10/1822.

  1. Agostini Leonardo

Nato a Capraia il 15/7/1778 da Agostini Giuseppe di Leonardo e da Colombani Giovanna di Giuseppe. Sposato a Capraia con Chiama Angela Maria. Marinaio nei ruoli di Capraia. A Capraia abita in località Poggiolo. Dal 1805 comanda il postale tra l’isola d’Elba e Piombino. Vive a Bastia dal 1812 dove il 5 gennaio richiede al sindaco il domicilio politico. Presenta la richiesta naturalizzazione il 26/3/1817, per poter continuare a navigare sui bastimenti francesi. Ottiene il permesso di domicilio con tutti i diritti civili il 23/7/1817.[1]

  1. Angeleri Barbara

Nata a Capraia il 12/8/1797 da Angeleri Giovanni Maria di Paolo, originario di Calvi, e da Cuneo Maria Francesca q. Giuseppe. Il 25/7/1819 sposa a Calvi Alfonsi Davide, il padre è presente mentre la madre è deceduta.

  1. Angeleri Giovanni

Nato a Capraia il 22/9/1808 da Angeleri Giovanni Maria di Paolo, originario di Calvi, e da Cuneo Maria Francesca q. Giuseppe. Il 14/2/1831 sposa a Calvi Massimi Bianca. Muore a Calvi il 10/10/1869.

  1. Angeleri Maria Giuseppina

Nata a Capraia circa 1800 da Angeleri Giovanni Maria di Paolo, originario di Calvi, e da Cuneo Maria Francesca q. Giuseppe. Muore a Calvi vedova il 11/5/1879.

  1. Artisi (Anton) Giuseppe

Nato a Capraia il 2/4/1792 da Artisi Francesco di Anton Giuseppe e da Santone Maria Agostina di Giovanni. Il 13/7/1815 marinaio, testimonia a Bastia la morte di Dominici Jean, figlio di Dominici Pierre di Sisco e della capraiese Raffo Maria Caterina.

  1. Artisi Pier’Antonio (Pietro)

Nato a Capraia il 27/12/1791 da Artisi Antonio di Gio Rocco e da Olivieri Giuseppa q. Gio Francesco. Il 28/5/1812, marinaio imbarcato sullo sciabecco di Sua Maestà La Syrene muore all’ospedale militare di Bastia.

  1. Barbazza Maria Agostina

Nata a Capraia il 15/5/1759 da Barbazza Andrea q. Giovanni e Lamberti Maria di Antonio. Sposata con Grimaldi Stefano. Il 2/6/1789 nasce a Capraia la figlia Grimaldi Maria. Il 23/2/1795 nasce a Capraia la figlia Grimaldi Margarita. Il 3/5/1800 nasce a Capraia il figlio Grimaldi Stefano. Muore a Bastia, rue Saint Charles il 21/10/1822.

  1. Bargone Agostino

Nato a Capraia il 18/12/1790 da Bargone Stefano e Maddalena Cuneo. Il 15/1/1821 sposa a Capraia la capraiese Paoletti Caterina di Bartolomeo. Marinaio, muore a Bastia, rue Saint Charles, il 12/9/1832, testimoni Sabatini Antonio, marinaio di anni 24, e Sabatini Giuseppe, calzolaio di anni 24, entrambi di Capraia.

  1. Bargone Angela Maria

Nata a Capraia il 7/9/1766 da Bargone Giovanni Leonardo q. Giuseppe Maria e Bargone Anna Maria di Giuseppe Maria. Sposata con Princivalle Giuseppe Maria, marinaio nativo di Capraia. Muore a Bastia il 6/7/1811, testimone Tardi Domenico, di anni 56 marinaio nativo di Capraia e domiciliato a Bastia.

  1. Bargone Anna Maria

Nata a Capraia nel 1751. Moglie di Bargone Domenico, marinaio, Muore a Bastia dove dimora il 15/10/1811, il marito è assente. Fa la dichiarazione Cuneo Giuseppe di anni 60, marinaio.

  1. Bargone Antonio Domenico

Nato a Capraia il 22/3/1768 da Gian Leonardo Bargone di Giuseppe Maria e Cuneo Francesca di Andrea. Il 15/6/1793 sposa a Capraia Sesini Maria di Andrea. Abita in località il Bagno. Nel 1803-1804 è iscritto nel registro dei marinai di Capraia. Il 28/9/1796 nasce a Capraia il figlio Bargone Gio Leonardo. Il 6/10/1811, marinaio di 42 anni dimorante a Bastia, è testimone alle nozze di Princivalle Giuseppe Maria con Suzzone Giovanna.

  1. Bargone Barbara

 Nata a Capraia circa 1766.  Il 12/8/1779 sposa a Capraia Chiama Bartolomeo di Giuseppe. A Capraia nascono i figli Chiama Paolo Maria, Chiama Giovanna e Chiama Nicola. Risiede a Zilia dal 1826 secondo la dichiarazione del figlio Nicola. Muore a Zilia il 10/10/1840.

  1. Bargone Domenico

Nato a Capraia il 16/6/1761 da Bargone Giacomo q. Domenico e Lamberti Maria q. Giovanni Lorenzo. La prima moglie Catterina Campi muore a Capraia. Il 12/1/1805 (21 frimaio anno XI), capitano di bastimento e dimorante a Bastia di passaggio, sposa in seconde nozze Olivieri Maria Catterina nata a Sestri Levante ma dimorante da diversi anni a Bastia. Il 4/4/1816, marinaio, presenta una prima domanda di naturalizzazione che rinnova il 15/2/1819.[2]

  1. Bargone Domenico

Nato a Capraia il 15/9/1748 da Bargone Paolo q, Domenico e da Oliveri Caterina di Gio Lorenzo. Mercante, sposato con Vicagnani Maria nativa di Portofino. Il 27/4/1819 muore a Bastia la moglie di anni 60 circa, testimone il capraiese Gregory Giovanni di anni 70. Il 2/10/1830 entra nell’ospizio di Bastia e vi muore il 10/10/1830.

  1. Bargone Francesca

Nata a Capraia nel 1813, ma battezzata il 12/3/1816, dal q. Bargone Anton Giuseppe e dalla q. Cuneo Caterina. Sposata con Morgana Giuseppe. Il 18/2/1840 risiede a Moltifao con il marito e gli nasce il figlio Morgana Giovanni Antonio. Nel 1907, alla morte del figlio a Capraia, vedova, risiede a San Francisco.

  1. Bargone Francesca

Nata a Capraia. L’8/9/1796 sposa a Capraia Sussone Agostino. Il 13/3/1820 muore a Bastia il figlio Antoine Joseph di anni 5.

  1. Bargone Francesca Maria

Nata a Capraia il 6/2/1801 da Bargone Domenico e Romarone Angelina Maria. Il 24/5/1837, domiciliata a Bastia sposa, presenti i genitori, Giovannetti Pasquale nativo di Capraia.

  1. Bargone Giuseppe Maria

Nato a Capraia il 14/11/1786 da Bargone Domenico q. Giuseppe Maria e da Romarone Angelica Maria di Gregorio. Il 6/7/1815, marinaio, sposa a Bastia dove abita, Grimaldi Margherita, nata a Capraia il 23/2/1795, figlia del fu Grimaldi Stefano q. Girolamo e di Solari Maria Giustina, abitante a Murato. Sono testimoni del matrimonio i marinai capraiesi Danove Giuseppe di anni quaranta, Colombani Giovanni Tommaso di anni 42, Olivieri Antonio Giuseppe di anni 42. Il 2/7/1826 nasce il figlio Pierre Dominique. Sono testimoni Princivalle Giuseppe di anni 53 e Princivalle Giuseppe di anni 24, entrambi marinai dimoranti a Bastia, e Olivieri Domenico marinaio, cognato del padre assente. L’11 agosto 1824 muore a Bastia la figlia Angelique Marie Antoinette di 14 mesi. Il 9/10/1826, marinaio, è testimone a Bastia alle nozze di Danove Domenico. Il 2/11/1833 vedovo e nostromo sul bastimento a vapore della corrispondenza della Corsica, sposa ad Aiaccio Bastelica Marie Dominique Il 14/12/1850 marinaio fuori servizio, registrato al dipartimento marittimo di Aiaccio, fuochista a bordo del piroscafo Il Telegrafo, muore a Livorno nell’ospedale civile.

  1. Bargone Maria Caterina

Nata a Capraia il 18/12/1769, figlia di Bargone Domenico Bartolomeo q. Gio Leonardo e di Roverano Maria di Michele. Sposata con Cuneo Girolamo. L’8/3/1805 nasce a Capraia il figlio Cuneo Girolamo. Secondo il Censimento del 1818 abitano in Bastia (Terra Nuova), Cuneo Girolamo ha 55 anni ed è marinaio mentre la moglie ha 47 anni, non hanno figli conviventi. Muore a Bastia il 13/12/1821, dichiara la morte il marito.

  1. Bargone Maria Felice

Nata a Capraia il 1° marzo 1778 da Bargone Domenico Bartolomeo e Roverano Maria di Michele. Muore a Bastia il 10 maggio 1817.

  1. Bargone Maria Girolama

Nata a Capraia da Bargone Nicolò e Compiano Caterina. Il 5/10/1807 sposa a Capraia Sabatini Giovanni Battista. Il 22/1/1814 nasce a Capraia la figlia Sabbatini Maria Agostina. Il 1/6/1822 nasce a Bastia la figlia Marie Antoinette che ivi muore il 12/9/1824 in rue Saint Charles.

  1. Bargone Maria Giuseppa

Nata a Capraia il 27/10/1745 da Bargone Giuseppe Maria q. Angelo Domenico e Princivalle Maria Maddalena q. Angelo Padouano. Il 13/10/1773 sposa a Capraia Subrero Giuseppe Maria. Madre di Subrero Nicola (30/11/1776), Subrero Giuseppe (26/3/1784), Subrero Maria Agostina (5/9/1786), Subrero Maddalena (22/5/1792). Muore a Bastia il 3/3/1830.

  1. Bargone Maria Maddalena

Nata a Capraia circa 1778 da Bargone Gio Leonardo. Sposata con Olivieri Antonio Giuseppe. Il 14/10/1804 nasce a Capraia il figlio Olivieri Michele. Il 10/8/1822, naturalizzata francese, è presente alle nozze della figlia Olivieri Maria. Muore a Bastia il 13/2/1862 in piazza San Nicola dove dimora.

  1. Benedetti Maria

Nata a Capraia circa 1769 da Benedetti Antonio Domenico e da Bargone Maria Antonietta. Il 27/11/1798 sposa a Capraia Bugatti Paolo. Il 14/10/1803 nasce a Capraia la figlia Bugatti Maria. Muore vedova a Bastia rue du Mole, il 17/7/1836.

  1. Bernardini Agostino

Nato a Capraia il 21/8/1792 figlio maggiore di Bernardini Paolo e Sobrero Margherita. Il 15/6/1837, marinaio domiciliato a Bastia, sposa Paoli Paolina Maria. Entrambi i genitori sono defunti. Sono testimoni Raffi Giuseppe Maria capitano marittimo di anni 32 e Princivalle Giuseppe marinaio di 63 anni, dimorante a Bastia.

  1. Bernardini Angela Maria

Nata a Capraia. Sposata con Rinesi Antonio. Il 20/9/1826 muore a Bastia il figlio Rinesi Joseph di anni 13.

  1. Bernardini Benedetta

Nata a Capraia. Il 20/9/1826 a Bastia denuncia la morte del nipote Rinesi Giuseppe.

  1. Bernardini Bernardo (Bernardino)

Nato a Capraia il 15/7/1763 da Bernardini Domenico q. Bernardo e Lamberti Angela Maria q. Alessandro. Il 30/6/1786 sposa a Capraia Rinese Maria Francesca di Giuseppe. Il 20/9/1803 nasce a Capraia la figlia Maria.

  1. Bernardini Bernardino

Nato a Capraia il 24/9/1799 da Bernardini Paolo e Sobrero Margherita. Il 20/10/1824, marinaio residente a Bastia naturalizzato francese, sposa la capraiese Colombani Maria Giuseppa. Il padre è defunto mentre la madre è presente al matrimonio. Sono testimoni Suzzoni Pietro Giovanni di anni 53 marinaio, Giovannetti Pasquale di anni 38 padrone marittimo e parente della sposa, Cuneo Simone di anni 38 marinaio, Cuneo Giacomo di anni 40 marinaio, tutti e quattro nativi di Capraia naturalizzati francesi e domiciliati a Bastia. Il 30/9/1828 muore a Bastia, rue du Marchè, la figlia Marie Jeanne Dominique di mesi 10, testimoni Sabatini Antonio, padrone marittimo di anni 38 e Giovanetti Pasquale, padrone marittttimo di anni 76. Il 18/3/1834 muore la figlia Claire Marie di anni 7, testimone Sabatini Giuseppe, calzolaio di anni 24. Il 30/9/1838 muore la figlia Marie Jeanne Dominique di 10 mesi in rue du Viex Marché, testimoni Sabatini Antonio, padrone marittimo di anni, e Giovannetti Pasquale, padrone marittimo di anni 76. Muore a Bastia il 23 aprile 1879.

  1. Bernardini Caterina

Nata a Capraia il 27/10/1764 da Bernardini Giuliano q. Antonio e De Paoli Maria Agostina q. Francesco. Il 22/4/1807 sposa a Bastia, presente la madre e il padre defunto, Marescaux Ferdinand Joseph Henry, gendarme di 34 anni.

  1. Bernardini Elisabetta

Nata a Capraia il 6/7/1760 da Bernardini Giovanni Domenico q. Bernardino e di Lamberti Angela Maria q. Alessandro. Muore, vedova domiciliata a Bastia, il 26/1/1808.

  1. Bernardini Elisabetta

Nata a Capraia il 29/6/1788 da Bernardini Paolo q. Bernardino e Subrero Margherita q. Agostino. Il 3/1/1816, dimorante e domiciliata a Bastia, sposa Biaggini Angelo, il padre è defunto mentre la madre è presente al matrimonio.

  1. Bernardini Gio Domenico

Nato a Capraia il 22/3/1791 da Bernardini Bernardino di Gio Domenico e Rinesi Giovanna di Giuseppe. Muore a Cateri, celibe, il 21/7/1818. Il padre è già morto mentre la madre, vivente, è domiciliata in Bastia.

  1. Bernardini Margherita

Nata a Capraia il 30/3/1768 da Bernardini Giuliano e De Paoli Maria Agostina q. Francesco. Sposa in prime nozze Journée Claude, gendarme a cavallo, che muore a Corte il 16/6/1807. Il 16/9/1807 sposa a Bastia Jovigoyen Pierre, gendarme a cavallo.

  1. Bernardini Maria Agostina

Nata a Capraia il 16/3/1738 da Bernardini Francesco q. Paolo q. Francesco e Giovannetti Margherita q. Gio. Sposata con Bernardini Giuliano. Muore a Bastia il 7/6/1827, domiciliata e dimorante in rue dit la Grand Rue.

  1. Bernardini Maria Domenica

Nata a Capraia il 21/7/1804 da Bernardini Paolo e Morgana Maria Orsola q. Gio Batta. Sposata con Filippi Paolo di Capraia. Il 18/8/1832 nasce a Bastia, rue de la Colonetta il figlio Antonio. Il 7/12/1840 nasce a Bastia, rue St, Joseph, la figlia Maria Padovana.

  1. Bernardini Maria Giuseppina

Nata a Capraia il 8/10/1793 da Bernardini Bernardino di Giovanni Domenico e Rinese Giovanna. Il 27/10/1821 sposa a Bastia, il padre defunto la madre presente, Martini Bartolomeo, calzolaio nativo di Portoferraio di anni 34. Testimone Princivalle Giuseppe marinaio di anni 48. Gli sposi e la madre della sposa dichiarano di non saper scrivere. Muore a bastia

  1. Bernardini (Maria) Maddalena

Nata a Capraia il 12/7/1799 da Bernardini Paolo e Morgana Maria Orsola. Il 6/3/1819 sposa a Bastia, presenti il padre Bernardini Paolo, marinaio e la madre Morgana Maria Orsola entrambi abitanti a Bastia, Ferrari Jean Baptiste, mulattiere, nato a Bastia nel 1793. Il 19/12/1822 nasce a Bastia il figlio Ferrari Francois. Il 17/8/1844, vedova è presente alle nozze del figlio a Bastia.

  1. Bernardini Paolo Bartolomeo

Nato a Capraia il 27/5/1772 da Bernardini Gio Domenico di Gio Tomaso e Cassinelli Maddalena q. Bartolomeo. Il 16/10/1796 sposa a Capraia Morgana Maria Orsola di Gio Batta. Presenta domanda di naturalizzazione il 13/7/1816. Marinaio. Ottiene il permesso di domicilio il 23/10/1816.[3] Muore a Bastia, rue Colonetta, vedovo, il 16/1/1844.

  1. Bernardini Simone

  Nato a Capraia. Sposato con Solari Margherita.

  1. Biaggini Angelo

Nato a Capria il 4/5/1788 da Biagini Gio Giacomo q. Angelo e Sussone Maria Giuseppina q. Angelo Francesco. Il 3/1/1816, marinaio domiciliato a Bastia dal 1804, sposa la capraiese Bernardini Elisabetta. Il padre è defunto, consente al matrimonio Subrero Giuseppe di anni 60, zio germano dello sposo. Sono testimoni Princivalle Stefano di anni 34 commerciante, Lamberti Stefano di anni 30 commerciante, Rinesi Benedetto di anni 50 padrone marittimo, tutti di Capraia e dimoranti a Bastia. Il 13/8/1816 presenta domanda di domicilio. Marinaio. Ottiene il permesso di domicilio il 25/12/1816.[4]

  1. Bugatti Maria

Nata a Capraia il 14/10/1803 da Bugatti Paolo e da Benedetti Maria. Il 22/8/1827 sposa a Vescovato Albertini Giovan Giuseppe coltivatore, il padre defunto e la madre consenziente.

  1. Bugatti Paolo

Nato a Capraia. Il 27/11/1798 sposa a Capraia Benedetti Maria di Antonio Domenico. Muore prima del 1827.

  1. Cassinelli Agata

Nata a Capraia il 7/3/1795 da Cassinelli Matteo e da Costa Elisabetta. Il 10/8/1824 sposa a Santa Reparata di Balagna Liccia Domenico, guardia campestre. Il padre della sposa, marinaio, la madre giornaliera dimora a Santa Reparata.  Muore il 1/9/1864, giornaliera, a Santa Reparata di Balagna

  1. Cassinelli Caterina

Nata a Capraia circa 1819 da Cassinelli Domenico e da Sabatini Maria. Il 14/8/1844, sarta, sposa all’Algaiola, i genitori defunti, Laurent Luigi. Muore all’Algaiola il 7/12/1889.

  1. Cassinelli Domenico

Nato a Capraia da Cassinelli Matteo e da Solari Francesca Maria. Sposato con Sabatini Maria. Il 29/5/1818 nasce all’Algajola la figlia Francesca Maria. Il 12/31822 nasce all’Algajola il figlio Leonardo. Muore all’Algaiola il 23/5/1833, dichiarazione del figlio Cassinelli Matteo.

  1. Cassinelli Emanuele

Nato a Capraia circa 1799 da Cassinelli Matteo e Costa Elisabetta. Il 4/3/1830, giornaliero, sposa a Santa Reparata di Balagna Olivi Maria Francesca. I genitori dello sposo sono defunti. Muore a Santa Reparata di Balagna il 9/11/1831.

  1. Cassinelli Giovan Battista

Nato a Capraia il 11/5/1808 da Cassinelli Domenico e Solari Francesca Maria. Secondo il Censimento del 1848 risiede all’Algajola.

  1. Cassinelli Matteo

Nato a Capraia il 23/2/1805 (4 ventoso anno 13) da Cassinelli Domenico e Sabatini Maria.  Il 30/9/1837, calzolaio, sposa all’Algaiola Amadei Nunzia Maria, il padre defunto e la madre vivente Nel 1833 risiede all’Algaiola.

  1. Chiama Angela Francesca

Nata a Capraia il 29/6/1766 da Chiama Giuseppe q. Bartolomeo e Susini Maria q. Bartolomeo. Sposa in Capraia, il 30/3/1788, Danove Giuseppe Andrea morto a Capraia? nel dicembre 1814. Il 4/7/1827 sposa a Bastia il vedovo SpitsMillert Sebastian.

  1. Chiama Antonio Giuseppe

Nato a Capraia il 19/5/1779 da Chiama Benedetto e Bargone Maria Antonia q. capitan Giuseppe. Sposato con Sussone Gerolama. Nel 1803-1804 è iscritto nel ruolo dei marinai di Capraia. L’8 maggio 1804 è imbarcato sulla gondola La Vergine di Lavasina, padrone Bargone Domenico. Marinaio, muore a Bastia il 13/11/1823.

  1. Chiama Antonio Maria

Nato a Capraia il 15/8/1757 figlio di Chiama Leonardo e di Rosa Berti di Anton Maria di Bastia. Il 18/11/1807, marinaio, sposa a Bastia Lorenzi Ange nativa di Bastia di anni 26, i genitori dello sposo sono morti. La prima moglie Lorenzi Ange muore il 14/3/1809. Il figlio Leonardo di sette giorni muore il 18/3/1809, il padre assente.  Il 27/10/1810, padrone marittimo, sposa in seconde nozze a Bastia, dove risiede, Poggi Marie Ange. È testimone per lo sposo Lamberti Geronimo, padrone marittimo di Capraia di anni 54 domiciliato a Bastia. Muore a Bastia il 19/10/1821. Il 12/8/1837 muore a Bastia, rue du Vieux Marché la moglie Poggi Marie Ange.

  1. Chiama Bartolomeo

Nato a Capraia il 29/4/1755 da Chiama Giuseppe di Benedetto e da … Giovanna. Sposato con Bargone Barbara.

  1. Chiama Caterina

Nata a Capraia il 28/4/1781 da Chiama Antonio di Bartolomeo e da Danove Angela di Angelo. Il 17/10/1800 sposa a Capraia Sabatini Giuseppe Maria di Gio Domenico. Il 22/6/1820 gli muore a Bastia il figlio di mesi 1 e dieci giorni, testimoni Solari Giuseppe marinaio, e Solari Giuseppe padrone marittimo di Capraia.

  1. Chiama Francesco

Nasce a Capraia il 5/12/1775 da Chiama Francesco di Giuseppe e da Lamberti Maria Agostina di Giuseppe. Il 24/10/1802 sposa a Capraia Gallettini Margherita di Domenico. Nel 1810-1812 comanda la gondola L’Assunzione e nel 1813 il leudo S. Giuseppe. Il 25/6/1817 dichiara al Comune di Bastia di voler prendere domicilio politico, con la moglie e i suoi due figli (uno Chiama Francesco nato a Capraia il 17/7/1807), in quella citta, dichiarazione che ripete lo stesso giorno e il 12/7/1817. Il 23/7/1817 da Bastia scrive al Ministero di Giustizia di Parigi per chiedere la naturalizzazione. Il 20/8/1818 ottiene il permesso di domicilio.[5]

  1. Chiama Francesco

Nasce a Capraia il 17/7/1807 da Chiama Francesco di Giuseppe e da Gallettini Margherita di Domenico. Il 25/6/1817 è a Bastia con i genitori che dichiarano di voler prendere il domicilio politico in quella città.

  1. Chiama Giovanna

Nata a Capraia circa 1792 da Chiama Bartolomeo e da Bargone Barbara. Il 13/11/1824 sposa a Zilia Marchetti Giovanni. Il padre è defunto. Abitano a Zilia da più di sei anni.

  1. Chiama Giovanna

Nata a Capraia nel 1779 da Chiama Benedetto. Il 28/9/1796 sposa a Capraia Dussol Francesco (Francois) di Giacomo. A Capraia nascono i figli Dussol Rosa (21/4/1798), Dussol Benedetto (1800), Dussol Maria Antonia (1807), Dussol Giuseppa (1808), e Dussol Giovanna (1810). Il 27/4/1819 muore a Bastia, dove dimora, il marito Dussol Francesco, capitano a mezzo servizio, di anni 42, nato ad Annevert (sic). Il 3/7/1819 a Bastia, dove abita, è presente al matrimonio della figlia Dussol Rosa. Muore a Bastia a Saint Charles il 6/4/1829.

  1. Chiama Giuseppe

Nato a Capraia il 13/3/1744 da Chiama Francesco di Antonio e da Lamberti Batistina di Gio Lorenzo. Sposato con Olivieri Maria Agostina. Marinaio, muore a Bastia dove dimora il 2/5/1809. Sono testimoni Subrero Giuseppe di anni 50 mercante in Bastia e Suzzone Simone di anni 58 nativo di Capraia.

  1. Chiama Maria Domenica

Nata a Capraia circa 1814. Sposata con Morgana Giovanni. Muore a Loreto di Casinca il 15/3/1864.

  1. Chiama Maria Girolama

Nata a Capraia il 24/9/1756 da Chiama Francesco e da Chiama Maria Batistina. Sposata con Suzzone Stefano. Il 6/10/1811 si sposa a Bastia la figlia Suzzone Giovanna nata a Capraia il 21/4/1783. Muore vedova a Bastia, rue du Pontetto, il 10/5/1828.

  1. Chiama Nicola

Nato a Capraia circa 1804 da Chiama Bartolomeo e da Bargone Barbara. Il 22/2/1846, lavorante e dimorante a Cassano, sposa a Lunghignano Marchetti Maria Francesca, i genitori sono defunti e risiedevano a Capraia. Muore il 14/4/1876.

  1. Chiama Paolo

Nato a Capraia il 23/10/1784 da Chiama Simone e Sabadini Maria q. Paolo. Marinaio. Il 15/7/1804 sposa a Capraia Olivieri Caterina di Antonio. Il 23/7/1808 muore a Bastia il figlio Simone di mesi 4, padre marinaio dimorante al Neuf Marchè. Sono testimoni Bargone Domenico, di anni 60 giudice di pace a Capraia momentaneamente a Bastia, e Cuneo Giuseppe di anni 60 negoziante. Il 16/9/1815 nasce a Bastia la figlia Maria, assente il padre. L’infante viene presentato da Olivieri Antonio di Capraia, commerciante, abitante a Bastia, che non sa scrivere né firmare.

  1. Chiama Simone

Nato a Capraia il 12/8/1787 da Gio Leonardo di Simone e da Lamberti Caterina q. Principio. Sposato con Roverano Maria Agostina. Marinaio dimorante a Bastia, il 21/11/1815 nascono i figli Raphael e Joseph. Chiama Raffaele muore a Bastia il 24/8/1816, dichiarazione fatta da Subrero Giuseppe, mercante di anni 65 e Princivalle Stefano commerciante di anni 41. Il 31/1/1821 muore la figlia Marie Antoinette di mesi 1, testimoni Suzzoni Pietro Giovanni, marinaio, e Agostini Giuseppe, mercante.

  1. Colombani Angelo

Nato a Capraia 2/9/1776 da Colombano Domenico q. Antonio e da Oliveri Caterina q. Antonio. Sposato con Sabatini Maria. Il 15/11/1809, marinaio, è testimone della morte di Solari Maria. Il 19/9/1825 muore il figlio Antoine Joseph di giorni 18.

  1. Colombani Caterina

Nata a Capraia circa 1767. Il 12/11/1792 sposa a Bastia Agostini Charles Joseph di Croce di Ampugnano. Il 31/1/1808 nasce a Bastia la figlia Marie.

  1. Colombani Giovanni Tommaso

Nato a Capraia il 10/9/1771 da Colombano Domenico di Nicroso e da Bernardini Maria Giuseppa di Gio Tomaso. Il 26/7/1799 sposa a Capraia Santone Chiara Maria di Giuseppe Maria di Anton Giuseppe e di Gregorj Angela Maria q. Gio Leonardo. Il 10/8/1800 nasce a Capraia la figlia Colombani Maria Giuseppa. Il 9/9/1801 nasce a Capraia il figlio Colombani Domenico. Il 10/8/1806 nasce a Capraia la figlia Colombani Maria Giuseppa. Il 4/11/1809 dichiara al Comune di Bastia di essere marinaio e di voler prendere domicilio in quella città. Il 4/12/1812 muore a Bastia il figlio Dominique di 3 mesi, dichiarazione di morte fatta dal capraiese Raffo Giovanni Battista, padrone marittimo. di anni 50 e dimorante a Bastia. Il 29/12/1814 muore a Bastia la moglie Santone Chiara Maria.  Si sposa in seconde nozze con Santone Maria Caterina a Capraia? Nel 1815, marinaio, è testimone a Bastia alle nozze di Bargone Giuseppe Maria e Grimaldi Margherita. Il 18/5/1816 e il 6/8/1816 si presenta nuovamente al Comune di Bastia per dichiarare di voler risiedere in quella città. Il 6/8/1816 scrive al Ministero di Giustizia di Parigi per richiedere la naturalizzazione che gli è necessaria per continuare a navigare sui vascelli francesi.  Il 20/11/1816 gli viene concesso il permesso di domicilio a Bastia. Il 24/10/1827 gli muore a Bastia, rue du Pontetto, il figlio Colombani Ange di giorni 8. Il 5/1/1830 gli muore alla Fontanicchia il figlio Ange Michel di anni 1 e mesi 6. Il 11/10/1836, marinaio, è testimone a Bastia della nascita di Cuneo Marie Josephine[6]Muore il 24/1/1855 a Bastia, rue Pontetto.

  1. Colombani Maria Giuseppa

Nata a Capraia il 11/6/1806 (10/8/1806) da Colombani Giovanni Tommaso e Santone Chiara Maria. Il 20/10/1824, naturalizzata francese, sposa a Bastia Bernardini Bernardino, il padre è presente alle nozze e la madre è defunta. Muore a Bastia il 17/5/1870 in rue St. Francois.

  1. Colombani Maria Nicoletta

Nata a Capraia nel 1749. Muore, miserabile, all’ospizio civile di Bastia il 30/10/1808.

  1. Compiano Francesco

Nato a Capraia nel 1784 da Compiano Giovan Leonardo e — Lucrezia. Il 28/12/1803 (6 nivoso anno XII), molinaro dimorante a Bastia, sposa a Bastia la cittadina Maria di anni 24 nata a Bastia da genitori incerti e abitante come serva in casa del cittadino Petruccioni Bartolomeo in caruggio Spinola. Il padre è marinaio.

  1. Compiano Leonardo

Nato a Capraia circa 1789. Muore a Bastia, di professione falegname, all’ospizio civile il 17/8/1819.

  1. Costa Elisabetta

Nata a Capraia circa 1772 da Costa Domenico e — Maria Antonia. Muore a L’Ile Rousse il 3/3/1827.

  1. Costa Filippo

Nato a Capraia il 2/4/1768 da Costa Emanuele q. Domenico e Costa Lucia q. Filippo. All’età di anni 18 (1786 circa) si iscrive nei ruoli della marina francese a Bastia per la quale naviga per circa 15 anni. Il 16/8/1800 sposa a Capraia Tarascone Geronima di Girolamo che muore Capraia il 4/6/1808. Dal 31/7/1803 al 1806 fa parte della Compagnia Franca di Capraia e poi fino al 1810 fa parte della Compagnia dei cannonieri guardacoste a Bastia.  Il 30/8/1810 sposa a Bastia Sisco Marie Antonia, bastiese, di anni 19. Il 25/11/1811 nasce a Bastia il figlio Antoine. Il 7/1/1812 si imbarca sullo sciabecco La Fortune della Marina Francese come marinaio a 30 franchi/mese e vi rimane fino al 22/1/1813. A partire dal mese di ottobre,1830 per sei anni è imbarcato nella Marina Militare Francese. Imbarcato sulla fregata La Didon partecipa alla presa di Algeri. L’11/9/1837 dichiara al Comune di Bastia di voler stabilire definitivamente il suo domicilio in Francia. Muore a Bastia, rue du Zephir, il 21/4/1848.[7]

  1. Costa Giovanni Battista

Nato a Capraia il 30/10/1776 da Costa Angelo q. Francesco e da Morgana Maria Barbera q. Damiano. Marinaio, il 8/5/1823 è testimone a Bastia della morte di Olivieri Antonio.

  1. Costa Giovanni Domenico

Nato a Capraia il 4/10/1802 da Costa Domenico q. Emanuele e Bargone Maria Rosa q. Gio Domenico. Il 2/2/1831, marinaio domiciliato a Bastia, sposa a Bastia la capraiese Giovannetti Maria Antonietta, il padre è defunto mentre la madre è presente al matrimonio. Testimoni Princivalle Giuseppe marinaio di anni 61 e Danove Domenico di 25.

  1. Costa Lucia

Nata a Capraia nel 1799 da Costa Domenico e da Olivieri Maria Rosa. Il 10/4/1820 sposa a Bastia Dellacasa Antonio nativo di Genova ma abitante a Bastia, presente la madre, il padre defunto. Muore a Bastia il 3/9/1821.

  1. Costa Maria Antonia

Nata a Capraia il 10/10/1791 da Costa Domenico di Emanuele e da Subrero Maria Rosa di Gio Domenico. Il 23/4/1816, domestica, sposa a Bastia, il padre marinaio defunto e la madre presente, il bastiese Giannettini Jean Antoine lavorante.

  1. Costanza Pietro Antonio

Nato a Capraia circa 1755 da Costanza Domenico q. Pietro Antonio e da Gregorj Maria q. Giuseppe. Il 20/4/1800 sposa a Bastia, dove risiede da venticinque anni la bastiese Maria Marinetti. Marinaio.

  1. Cuneo Andrea

Nato a Capraia il 17/1/1804 da Cuneo Domenico e Cuneo Angela Maria. Domiciliato a Bastia dal 1816, commerciante. Il 24/11/1827 sposa a Bastia, con il consenso scritto della madre probabilmente a Capraia, Sabatini Maria, capraiese, naturalizzata francese; sono testimoni Trama Costanzo di anni 30, marinaio, e Cuneo Francesco commerciante di anni 29, fratello dello sposo, tutti e due dimoranti e domiciliati a Bastia. Il 24/1/1830 nasce a Bastia in Rue St. Charles Cuneo Dominique loro figlio, sono testimoni Bargone Agostino commerciante di anni 40, e Agostini Giuseppe, marinaio di anni 25. Il 7/6/1831 muore il figlio Dominique testimoni Sabatini Gian Domenico, marinaio di anni 23, e Sabatini Giuseppe, calzolaio, entrambi domiciliati a Bastia. Il 21/1/1833 nasce a Bastia la figlia Lucie. Il 11/10/1836 nasce a Bastia la figlia Marie Josephine, sono testimoni Giovannetti Pasquale capitano marittimo di anni 65 e Colombani Giovanni Tommaso marinaio di anni 61. Commerciante, muore a Vescovato il 9/2/1865.

  1. Cuneo Angela Maria

Nata a Capraia circa 1758 da Cuneo Andrea. Sposata con Cuneo Domenico di Giuseppe. Il 17/4/1798 nasce a Capraia il figlio Cuneo Francesco. Il 17/1/1804 nasce a Capraia il figlio Cuneo Andrea. Il 1/11/1806 nasce a Capraia la figlia Cuneo Maria Giuseppa. Secondo il Censimento 1818 di Bastia è vedova e ha due figli di 15 e 13 anni, giornalieri, e tre figlie di 20,18, e 7 anni. Muore a Bastia nel 1827.

  1. Cuneo Bartolomeo

Nasce a Capraia il 14/2/1753 da Cuneo Andrea di Giuseppe e Sesini Maria Caterina di Bartolomeo. Sposato con Roverano Paola Maria. Nel 1804 emigra in Corsica con tutta la famiglia e si stabilisce a Penta di Casinca. Il 29/5/1817, marinaio, si presenta alla Mairie di Bastia per chiedere il domicilio politico per sé e per la sua famiglia composta dal figlio Cuneo Michele di anni 26 e dalla figlia Cuneo Maria di anni 22 che vivono con lui. Richiesta che rinnova il 6/6 e il 22/8/1817. Il 7/4/1819 presenta domanda di naturalizzazione al Ministero di Giustizia dichiarando di risiedere in Corsica da più di 15 anni; il curatore della gente di mare di Bastia, il 17/8/1819, certifica che risiede a Bastia da 3 anni con i suoi tre figli di cui due sono sposati e una figlia vive con il padre. Muore a Bastia il 21/2/1829, testimone Cuneo Francesco commerciante di anni 31.[8]

  1. Cuneo Caterina

Nata il 9/5/1791 da Cuneo Emanuele q. Simone e Franceschi Maria Francesca q. Giuseppe. Domiciliata a Bastia dal 1818. Il 9/3/1825 sposa a Bastia Grimaldi Giovanni Battista.

  1. Cuneo Chiara Francesca

Nata a Capraia il 20/4/1789 da Cuneo Francesco di Giuseppe e da Princivalle Chiara q. Giuseppe. Moglie di Danove Stefano. Il 20/8/1824 muore a Bastia il figlio Dominique di giorni 11.

  1. Cuneo Domenico

Nasce a Capraia il 20/2/1760 figlio di Cuneo Andrea e Sesini Maria Caterina q. Bartolomeo. Sposato con Simone Caterina. Il 20/4/1774 si imbarca come mozzo sul battello di posta francese Saint Jean Baptiste a 12 franchi mese. L’1/8/1780 è promosso marinaio a 30 franchi/mese. Naviga sul Saint Jean Baptiste fino al 16/2 /1788, per poi passare sul battello di posta Marbeuf dal quale sbarca il 27/1/1790. Il 27/4/1809 il Ministero della Marina Francese certifica che ha il diritto di comandare i battelli di commercio per il piccolo cabotaggio (Maitre au petit cabotage) e anche i battelli (vascelli, fregate e altri) al servizio dell’Imperatore. Nel 1809 viene catturato da un corsaro. Nel 1813 rientra da una prigione di Malta. Presenta domanda di naturalizzazione il 20/10/1819. La naturalizzazione gli viene concessa il 27/11/1819.[9]

  1. Cuneo Domenico

Nato a Capraia il 22/4/1753 da Cunio Stefano di Domenico q. Gio Simone e da Bargone Maria di Giuseppe Maria. Sposato con Cuneo Angela Maria. Negoziante e abitante in rue Saint Charles a Bastia muore il 29/1/1818 testimoni Dussol Francesco, capitano a mezzo servizio di anni 36, e Olivieri Antonio Giuseppe padrone marittimo di anni 49.

  1. Cuneo Domenico

Nato a Capraia il 14/7/1797 da Cuneo Paolo e Gallettini Maria Francesca. Secondo il Censimento del 1818 risiede a Cateri, celibe di anni 20, negoziante. Il 24/2/1821, marinaio, sposa a Bastia la capraiese Lamberti Maria Francesca. Il padre è defunto. Sono testimoni Cuneo Gaspare di anni 36 commerciante cugino dello sposo, Solari Giuseppe commerciante di anni 54, domiciliati e dimoranti a Bastia. Il 3/5/1824 muore a Bastia il figlio Dominique di 6 giorni testimone Princivalle Giuseppe di anni 52.

  1. Cuneo Elisabetta

Nata a Capraia il 20/3/1798 da Cuneo Stefano e da Cuneo Giovanna. Giornaliera, il 30/6/1819 a Santa Reparata di Balagna sposa Cruciani Stefano, il padre defunto, entrambi i genitori dimoranti a Capraia, la madre dal consenso per dichiarazione davanti al curato di Capraia. Muore, vedova, il 10/8/1855 a Santa Reparata di Balagna

  1. Cuneo Francesca

Nata a Capraia nel 1804 da Cuneo Simone q. Domenico e Roverano Giovanna di Nicolò.  Il 9/1/1842 dà alla luce un figlio naturale di nome Cuneo Simone che viene presentato alla registrazione della nascita da Cuneo Giovanna.

  1. Cuneo Francesco

Nato a Capraia il 17/4/1798 da Cuneo Domenico di Giuseppe e Cuneo Angela Maria q. Andrea. Sposato con Lamberti Maria? Il 24/11/1827, commerciante dimorante e domiciliato a Bastia, è testimone delle nozze del fratello Cuneo Andrea. Il 21/2/1829 è testimone della morte di Cuneo Bartolomeo. Muore, negoziante e proprietario, il 8/10/1888 a Silvareccio.

  1. Cuneo Francesco Antonio

Nato a Capraia il 8/9/1791 da Cunio Domenico di Stefano e di Federici Francesca di Gaspero. Il 24/4/1824, commerciante dimorante e domiciliato a Bastia rue du Mole è testimone del matrimonio di Lai Maria Felicia sua parente.

  1. Cuneo Gasparo

Nato a Capraia il 7/4/1783 da Cunio Domenico di Domenico di Stefano e da Federici Maria Francesca di Gaspero. Il 24/2/1821, commerciante dimorante e domiciliato a Bastia è testimone alle nozze del cugino Cuneo Domenico. Il 24/4/1824, commerciante dimorante e domiciliato a Bastia è testimone del matrimonio di Lai Maria Felicia sua parente

  1. Cuneo Gaspare

Nato a Capraia il 21/6/1845 da Cuneo Gaspare, capitano marittimo domiciliato a Capraia, e Princivalle Giuseppina, non sposata nata e residente a Bastia. Il 27/12/1871, commerciante, sposa a Bastia Anna Galibardi nata e residente a Bastia.

  1. Cuneo (Cunio) Gaspare Domenico

Nasce a Capraia il 4/4/1775 da Cuneo Domenico e Federici Maria Francesca di Gasparo (fratello di Cuneo Giuseppe Maria e Cuneo Gasparo). Succede al padre nella carica di preposto all’iscrizione marittima a Capraia. La domanda di naturalizzazione a Bastia porta la data del 30/5/1816, registrato come marinaio.[10] Ottiene la nazionalità il 2/10/1816.

  1. Cuneo Giacomo

Nato a Capraia il 27/7/1783 da Cuneo Giuseppe di Andrea e da Bargone Paola di Giacomo. Nel 1803-1804 è iscritto nel registro dei marinai di Capraia. Il 17/1/1809 sposa a Capraia Filippi Maria Orsola di Stefano. Il 9/3/1810 nasce a Bastia, assente il padre, la figlia Paola, testimoni Princivalle Stefano, mercante di anni 29 e Sabadini Giuseppe Maria marinaio di anni 36, entrambi di Capraia. Il 11/4/1810 muore a Bastia la figlia Cuneo Paola di un mese, testimone del decesso Romarone Gregorio, mercante, e Sabatini Leonardo, mercante, entrambi nativi di Capraia. Il 11/2/1824, marinaio dimorante a Bastia è testimone delle nozze di Rinesi Antonio Maria. Il 20/10/1824, marinaio naturalizzato francese domiciliato a Bastia, è testimone delle nozze di Bernardini Bernardino e Colombani Maria Giuseppina. Il 12/11/1825, marinaio abitante in rue du Vieux Marchè, Bastia, è testimone della morte di Lamberti Paola Maria.

  1. Cuneo Giovanna

Moglie di Sussone Stefano. Il 9/8/1819 è presente alle nozze del figlio Sussone Pasquale.

  1. Cuneo Giovanni Matteo

Nato a Capraia nel 1794 da Cuneo Nicolò e —Francesca. Il 7/6/1822 sposa, a Calenzana, Grugnirdi Maria Pacifica vedova Fraticelli. Il padre è defunto e la madre è assente.

  1. Cuneo Girolamo

Nato a Capraia il 22/8/1759 da Cuneo Giuliano e Francesca, sposato con Bargone Maria Caterina. Marinaio, messo fuori servizio il 25/11/1809. Si trasferisce a Bastia con la moglie. Secondo il censimento del 1818 abitano in Bastia (Terra Nuova): Cuneo Girolamo ha 55 anni ed è marinaio mentre la moglie ha 47 anni, non hanno figli conviventi.

  1. Cuneo Giuliano

Nato a Capraia il 27/6/1753 da Cuneo Simone di Domenico e Morgana Francesca di Stefano Emanuello. Il 15/8/1782 sposa a Capraia Ramarone Giovanna Caterina.  Marinaio di Capraia messo fuori servizio tra il 1802-1803. Nel 1814, padrone marittimo, dimora a Bastia dove si sposa il figlio Cuneo Simone.  Non è presente al matrimonio ma lascia lettera di consenso.

  1. Cuneo Giuseppe

Nato a Capraia il 9/9/1749 da Cunio Andrea di Giuseppe e da Sesino Maria Caterina di Bartolomeo (fratello di Cuneo Domenico). A partire dal 1764 naviga sui battelli postali francesi che fanno servizio tra la Corsica e la Francia. Il 18/10/1790 il direttore generale dei bastimenti postali tra la Corsica e la Francia certifica che Cuneo Giuseppe ha navigato sui battelli di Posta come marinaio prima e poi padrone nocchiero per anni 17 con zelo, intelligenza e fedeltà. Il 13/8/1816, marinaio, presenta domanda di naturalizzazione per potere continuare a navigare sui bastimenti francesi. Il 9/11/1817 ottiene il permesso di domicilio in Francia.

  1. Cuneo Giuseppe

Nato a Capraia. Il 15/11/1809, marinaio, è testimone a Bastia della morte di Solari Maria.

  1. Cuneo Giuseppe Maria

Nato a Capraia il 30/12/1781 da Domenico e da Federici Maria Francesca. Sposa Biagini Maria Agostina. Il 27/4/1809 il Ministero della Marina francese lo autorizza a comandare tutti i battelli per il piccolo cabotaggio e di essere riconosciuto come mastro al piccolo cabotaggio nelle squadre navali, vascelli, fregate ed altro al servizio dell’imperatore. Comanda il bovo Carolina nel 1811. Il 28/7/1811 dichiara al Comune di Bastia di voler prendere il domicilio politico in quella città; il 22/3/1816 rinnova la dichiarazione. Il 6/10/1811 è testimone alle nozze di Princivalle Giuseppe Maria e di Suzzone Giovanna dichiarando di essere proprietario. Il 4/8/1814 gli viene affidato da L. Sapey di Bastia il comando di uno dei battelli della posta tra la Corsica ed Antibe. Il 28/5/1816 fa domanda di naturalizzazione a Bastia dichiarando che suo padre Cuneo Domenico è stato agente consolare di Francia a Capraia dal 1794, il quale per le sue funzioni a rinunciato alla cittadinanza del Repubblica Ligure e ha ottenuto quella francese. Il 16/10/1816 gli viene concesso il domicilio in Francia con decreto reale. Il 19/3/1820, negoziante, testimonia a Bastia la morte di Sussone Maria Stefania.

  1. Cuneo Giuseppe Maria

Nato a Capraia nel 1788. Il 24/2/1821, commerciante dimorante e domiciliato a Bastia, è testimone delle nozze di Cuneo Domenico suo parente.

  1. Cuneo Giustino

Nato a Capraia circa 1801. Muore all’ospizio civile di Bastia il 7/8/1835 dove è stato ricoverato il 4 agosto.

  1. Cuneo Gregorio

Nasce a Capraia il 13/12/1787 da Cunio Giuliano q. Simone e da Romarone Giovanna Caterina di Gregorio. Sposa a Capraia il 12/11/1808 Lamberti Maria Battina. Muore a Bastia il 18/11/1827.

  1. Cuneo Maddalena

Nata a Capraia nel 1767 da Cuneo Stefano e Bargone Maria. Sposata con Danove Giuseppe. Il 25/2/1827 muore in Bastia, rue Saint Charles.

  1. Cuneo Maddalena

Nata a Capraia nel 1793 da Cuneo Bartolomeo e Cuneo Maria Giuseppina. Nubile, muore a Bastia il 18/4/1838. Alla morte serviva in casa Patrimonio alla Fontanecchia.

  1. Cuneo Maddalena

Nata a Capraia da Cuneo Andrea.  IL 9/8/1788 sposa a Capraia Sesini Giovanni Girolamo di Andrea.  Il 5/3/1812 muore a Bastia il figlio Sesini Andrea di anni 10, nato a Capraia.

  1. Cuneo Maria

Nata a Capraia nel 1789 da Cuneo Anton Gio. Il 14/4/1799 sposa a Capraia Lamberti Gian Domenico q. Francesco Maria. A Capraia nascono i figli Lamberti Francesco Maria e Lamberti Gian Antonio. Il 15/8/1819, abitante e dimorante all’Isola Rossa, muore la figlia Caterina di anni cinque. Muore a Belgodere il 19/7/1841.

  1. Cuneo Maria

Nasce a Capraia il 15/3/1806 da Cuneo Domenico e da Sussone Caterina, Il 5/4/1826 sposa a Bastia Salvolini Michel Vincent nativo di Roma. I genitori della sposa sono presenti. Testimoni Princivalle Giuseppe q. Giuseppe di 53 anni, Lamberti Antonio di anni 54, e Cuneo Simone di anni 41, tutti marinai e domiciliati a Bastia.

  1. Cuneo Maria

Nasce nel maggio 1797 a Capraia figlia di Cuneo Bartolomeo e di Roverani Paola. Il 12/4/1828 sposa a Bastia Filippi Stefano di Capraia. Nel 1829 abita con il marito a Bastia in Rue du Vieux Marché. Il 20/4/1829 nasce il figlio Cuneo Antonio. È testimone Sussone Pietro Giovanni marinaio di 59 anni e Santone Giuliano marinaio di 42 anni. Muore a Valona Orneto il 17/1/1856.

  1. Cuneo Maria Caterina

Nasce a Capraia il 6/5/1770 da Cuneo Domenico di Simone e da Lamberti Francesca q. Angelo. Sposa Susini Francesco di Capraia. Muore a Bastia dove abita in Rue la Colonella il 31/8/1832, vedova di Susini Francesco. La dichiarazione di morte è fatta da Filippi Paolo, marinaio di 26 anni, e Sabatini Antonio, marinaio di 24 anni, entrambi di Capraia e abitanti a Bastia.

  1. Cuneo Maria Caterina

Nata a Capraia il 13/10/1787 da Cuneo Domenico di Andrea e da Sussone Caterina di Domenico. Sposata con Sabatini Giuseppe. Nel 1844 vive a Meria con il marito e la figlia Sabatini Angelica Maria.

  1. Cuneo Maria Domenica

Nata a Capraia il 31/8/1779 da Cuneo Gio Tomaso di Domenico e da Subrero Geromima di Agostino. Il 13/4/1799 sposa a Capraia Princivalle Michele q. Gio Batta. Il 24/1/1824 è presente a Bastia alle nozze della figlia Princivalle Maria.

  1. Cuneo Maria Francesca

Nasce a Capraia. Il 7/6/1831 dà luce a Bastia, dove abita in Rue dit du Pontetto, a una figlia naturale a cui dà il nome di Cuneo Marie Antoinette e che viene riconosciuta dal padre Dominique Antoine Ciattini, cannoniere dei veterani di Bastia il 31/5/1856.

  1. Cuneo Maria Francesca

Nata a Capraia da Cuneo Giuseppe. Sposa a Capraia Angeleri Giovanni. Muore a Calvi 11/11/1812.

  1. Cuneo Maria Giovanna

Nata a Capraia nel 1782 circa. Moglie di Cuneo Simone. Muore a Bastia, rue Napoleon, giornaliera e vedova, il 21/4/1852.

  1. Cuneo Matteo

Nato a Capraia nel 1792 da Cuneo Paolo e Gallettini Maria Francesca? Secondo il Censimento del 1818 risiede a Cateri, celibe di anni 26 e mercante.

  1. Cuneo (Cunio) Michele

Nato a Capraia il 29/1/1795 da Cuneo Bartolomeo q. Michele e Roverano Paola Maria di Michele. Sposato con Morgana Maria. Il 18/4/1830 danno alla luce a Bastia, dove risiedono in Rue St. Charles, la figlia Paula Marie, testimoni residenti a Bastia Princivalle Giuseppe, marinaio di anni 60, e Filippi Stefano di anni 32 commerciante. Il 25/9/1831 danno alla luce a Bastia, il padre commerciante, dove risiedono in Rue St. Charles, il figlio Barthelemy testimone Cuneo Andrea, cugino germano del padre, di anni 26, commerciante ed abitante a Bastia. Il figlio Barthelemy muore il 27/6/1832, testimoni Sabatini Paolo commerciante assistito da Sabatini Giuseppe calzolaio. Il 22/1/1846, vedovo e rivenditore, sposa in seconde nozze, a Penta di Casinca, Corbuccia Barbara. Muore a Penta di Casinca il 1/2/1875.

  1. Cuneo Nicola

Nato a Capraia il 17/5/1778 da Cuneo Domenico q. Gio Batta e da Cuneo Paola Francesca. Sposa Gallettini Elisabetta di Capraia. Il 20/1/1815 nasce a Bastia il figlio Antonio, assente il padre, che viene presentato da Olivieri Antonio di Capraia di anni 50 abitante a Bastia che non sa firmare.

  1. Cuneo Simone

Nato a Capraia il 18/2/1793 da Cunio Giuliano e Romarone Giovanna Caterina. Il 23/8/1814 sposa a Bastia Subrero Maddalena, nata a Capraia il 22/5/1792 ma naturalizzata francese; il padre Cuneo Giuliano, dimorante in Bastia non è presente ma ha dato il suo consenso per iscritto il 16/8/1814; sono testimoni Danove Giuseppe di Capraia, padrone marittimo di 39 anni, abitante a Bastia, e Olivieri Antonio Giuseppe di Capraia, di 40 anni, marinaio abitante a Bastia che non sa scrivere e firmare. Presenta una prima domanda di domicilio a Bastia il 27/9/1815. Il 31/1/1816 rinnova la domanda. Presenta una terza domanda di domicilio a Bastia il 15/2/1817. Ottiene il domicilio il 23/7/1817. Marinaio di professione.[11]Secondo il Censimento del 1818 risiede a Bastia (Terra Nuova) ha anni 30, è marinaio, è sposato con Subrero Maddalena di anni 24 ed ha un figlio di 2 anni e una figlia di un anno. Il figlio Antoine Joseph nasce il 20/2/1816 a Bastia, il padre è marinaio, testimone Chiama Paolo di anni 30 marinaio. Il 13/8/1818 nasce a Bastia la figlia Jeanne Catherine, il padre si dichiara mercante, è testimone Cuneo Francesco di 26 anni (fratello di Simone?). Il 29/1/1822 nasce il figlio Francois Marie, testimone Princivalle Giuseppe marinaio dimorante a Bastia. Il 27/3/1822 muore il figlio Francois Marie di due mesi.

  1. Danove Domenico

Nato a Capraia il 28/7/1795 da Danove Giuseppe e Cuneo Maddalena di Stefano. Il 2/10/1823, marinaio immatricolato nella marina di Bastia naturalizzato francese, sposa presenti il padre e la madre, la capraiese Giovannetti Angela Maria. Testimone Bargone Giuseppe Maria, marinaio di anni 35.[12] Il 21/11/1833 nasce a Bastia il figlio Gregoire in rue Saint Charles, testimoni il nonno Giovannetti Pasquale e Princivalle Giuseppe, marinaio di anni 62. Gregoire muore il 22/11/1833 testimoni il nonno Giovannetti Pasquale di anni 72 e Tardi Antonio, commerciante di 55 anni. Marinaio di 3a classe imbarcato sul mistico commerciale Le Pipi, Dipartimento di Bastia, comandato dal mastro di equipaggio Guaitella Gaetan, muore a bordo del vascello ancorato nella rada di San Cipriano nei pressi di Bonifacio il 7/10/1844.

  1. Danove Domenico

Nato a Capraia il 8/4/1804 da Danove Giuseppe e Cuneo Maddalena. Il 9/10/1826, marinaio naturalizzato francese, sposa a Bastia, dove è domiciliato, Princivalle Maria Maddalena figlia di Giuseppe Princivalle nata il 24/2/1803 e di Sussone Maria Domenica. La madre è presente il padre assente. Testimone alle nozze Bargone Giuseppe Maria, marinaio di anni 40, dimorante e domiciliato a Bastia.

  1. Danove Giuseppe

Nato a Capraia il 27/12/1773 da Danove Domenico e da Maria Colombani, sposato con Cuneo Maddalena. Marinaio nel 1808-1809, nel 1810 comanda la gondola San Leonardo, dal 1811 al 1813 comanda il leudo S. Antonio. Il 23/8/1814 è testimone a Bastia delle nozze di Cuneo Simone e Subrero Maddalena, padrone marittimo di 39 anni, abitante a Bastia. Il 13/7/1816 dichiara al Comune di Bastia di voler fissare il suo domicilio politico in quella città con la sua famiglia composta dalla moglie e dai suoi 4 figli Domenico di anni 22 che fa la stessa dichiarazione, Stefano, Giuseppe, e Domenico. La dichiarazione viene ripetuta il 20/7/1816 e il 2/6/1817. Il 3/6/1817 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione per sé e la sua famiglia dichiarando di risiedere a Bastia da più di 9 anni, di aver sempre navigato su bastimenti francesi, come il figlio maggiore, che ha anche comandato dopo aver ricevuto il brevetto di Mastro al piccolo cabotaggio. La naturalizzazione che gli viene accordata il 29/10/1817. Si dichiara mastro di piccolo cabotaggio.[13]

  1. Danove Stefano

Nato a Capraia il 7/4/1797 da Danove Giuseppe e Cuneo Maddalena di Stefano. Sposato con Cuneo Chiara Francesca. Marinaio, il 20/8/1824, gli muore a Bastia il figlio Dominique di giorni 11, testimoni lo zio Cuneo Francesco commerciante di anni 25 abitante in rue Saint Charles, e Trama Costanzo di anni 27 marinaio abitante rue du Vieux Marchè.[14]

  1. De Franceschi Francesco Maria

Nato a Capraia nel 1776 da De Franceschi Francesco. Il 20/11/1803 sposa a Capraia Chiama Angela Maria di Benedetto. Il 28/8/1812, marinaio, dichiara a Bastia la morte di Solari Lucia sua parente.

  1. De Franceschi Giacomo

Nato a Capraia il 3/7/1805 da De Franceschi Giuseppe e da Bargone Maria Giuseppa vedova Vigna.

 Il 19/6/1843 sposa a Tomino Rancelli Maria Domenica. Muore, commerciante, a Tomino il 30/9/1885

  1. De Franceschi Giuseppe

Nato a Capraia nel 1776. Il 16/2/1805 sposa a Capraia Bargone Maria Gironima. Marinaio, muore a Bastia il 30/6/1810, mentre la moglie dimora a Capraia. Sono testimoni della morte Princivalle Giacomo, padrone marittimo di 34 anni, e Gallettini Angelo, marinaio di anni 40, entrambi di Capraia.

  1. De Franceschi Maria Giovanna

Nata a Capraia nel 1762? Sposata con Giovannetti Sebastiano. Secondo il Censimento del 1818 vive a Ile Rousse, vedova di Giovannetti Sebastiano marinaio con tre figli maschi rispettivamente di anni 29, 19 e 15, e con tre figlie rispettivamente di anni 27, 25, e 11; una figlia risiede a Bastia, e i tre figli sono fuori territorio. Muore a l’Ile Rousse il’11/10/1820.

  1. Dominici Maria Maddalena

Nata a Capraia il 16/1/1796 da Dominici Pietro (di Sisco) e Lai Maria Caterina di Gaetano. Il 24/4/1821 sposa a Bastia, presenti i genitori, Rogliano Joseph Marie. Muore a Bastia

  1. Dussol Benedetto

Nato a Capraia il 10/5/1800 da Dussol Francesco di Giacomo e da Chiama Giovanna di Benedetto. Il 12/2/1822 sposa a Brando Marianni Marie Dominique. Muore a Bastia, rue dell’Intendance, brigadiere di Dogana in pensione, il 7/6/1865.

  1. Dussol Francesca

Nata a Capraia il 8/9/1809 da Dussol Francesco e Chiama Giovanna. Il 26/2/1832, donna di casa dimorante a Bastia, sposa il capraiese Agostini Giuseppe.

  1. Dussol Francesco

Nato a Annevert o Genova nel 1787 o 1778. Figlio di Dussol Giacomo. Il 28/9/1796 sposa a Capraia Chiama Giovanna di Benedetto. Capitano a mezza paga il 30/1/1818 è testimone della morte di Cuneo Domenico. Muore a Bastia il 27/4/1819.

  1. Dussol Maria Antonietta

Nata a Capraia il 10/8/1807 da Dussol Francesco e Chiama Giovanna. Il 24/8/1822, a Bastia dove è domiciliata, sposa, il padre defunto e la madre presente, Nicoli Antoine, doganiere reale di anni 34. Testimonio Olivieri Antonio Giuseppe marinaio di anni 48.

  1. Dussol Maria Giuseppina

Nata a Capraia il 10/8/1807 da Dussol Francesco e Chiama Giovanna. Il 31/1/1830 a Bastia sposa Valerj Joseph, calzolaio nato e domiciliato a Bastia. Testimoni alle nozze Raffi Giuseppe Maria, capitano marittimo di anni 25, e Agostini Giuseppe, marinaio di anni 25, abitanti e domiciliati in Bastia.

  1. Dussol Rosa

Nata a Capraia il 20/4/1798 da Dussol Francesco e Chiama Giovanna. Il 3/7/1819 sposa a Bastia dove abita, il padre capitano in pensione defunto e la madre presente, Galtè Joseph, doganiere, nato a Mont-Lovis, dipartimento dei Pirenei Orientali di anni 27, testimone Gallettini Domenico, negoziante di anni 29.

  1. Fasci Domenico

Nato a Capraia il 23/5/1789 da Fascie Domenico di Francesco e da Colombani Maria Giuseppa. Il 18/-/1827 residente a Venzolasca, venditore ambulante, testimonia la nascita di Tardi Silvestre.

  1. Fasci Francesco Maria

Nato a Capraia il 6/11/1753 dal fu Francesco Maria q. Gio Domenico e da Agostini Maria Maddalena q. Giuseppe Leonardo. Sposato con Bargone Francesca. Il 6/1/1807, commerciante, muore a Bastia in rue de la Punta, testimoni i capraiesi Sabatini Leonardo, marinaio di anni 27, e Cuneo Giovan Battista, padrone di anni 55.

  1. Fasci Giuseppe Maria.

Nato a Capraia il 29/1/1797 da Fasci Francesco Maria e da Ferrandi Francesca. Il 23/4/1820 marinaio, sposa a Bastia Giannò (Giannoni) Claire. I genitori del marito sono morti a Bastia. Muore a Bastia il 13/8/1880.

  1. Ferrandi Domenico

Nato a Capraia nel 1774? da Ferrandi Giuseppe e — Maria. Il 16/4/1835, marinaio, muore a Bastia, testimone Giovannetti Pasquale capitano marittimo di anni 75.

  1. Ferrandi Francesca

Nata a Capraia. Sposata con Fasci Francesco Maria. Muore a Bastia prima del 1820.

  1. Ferrandi Maria

Nata a Capraia circa 1772 da Ferrandi Pasqualino fu Damiano e da Ramarone Maria di Gregorio. Sposata con il capraiese Garbano Antonio. Alla morte del marito, il 12/8/1807 sposa in seconde nozze a Bastia Canessa Antonio originario di La Spezia.

  1. Ferrandi Maria Stefana

Nata a Capraia. Sposata con Sussone Pietro Giovanni. Il 12/1/1830, naturalizzata francese, è presente in Bastia alle nozze del figlio Sussone Giovanni Leonardo.

  1. Filippi Antonio

Nato a Capraia il 8/5/1778 da Filippi Paolo di Filippo e da Subrero Maria Francesca q. Antonio. Nel Censimento del 1818, negoziante, risiede a Cateri con la moglie Sesini Maria Padovana e i figli il primo Filippi Paolo nato a Capraia il 29/4/1805, il secondo Filippi Francesco nato a Capraia il 8/10/1809, il terzo Filippi Filippo nato a Cateri il 4/7/1818.

  1. Filippi Antonio.

Nato a Capraia il 2/9/1749 da Filippi Stefano e da – Maria Francesca. Il dossier di naturalizzazione viene aperto il 5/6/1817, dichiarato marinaio.[15]

  1. Filippi Francesco

Nato a Capraia il 21/9/1809 da Filippi Antonio e Sesini Maria Padovana. Secondo il Censimento del 1818 risiede a Cateri con i genitori.

  1. Filippi Maria Giuseppa

  Nata a Capraia il 29/7/1779 da Filippi Antonio q. Stefano e da Biagini Maria Giuseppa di Antonio.  Il 2/9/1799   sposa a Capraia Sussone Leonardo. Il 18/2/1810 nasce a Capraia il figlio Sussone Nicola. Il 9/10/1811 gli   muore a Bastia il figlio Sussone Nicola di mesi 21.

  1. Filippi Maria Antonietta

Nata a Capraia il 3/8/1795 da Filippi Antonio e Biaggini Maria Giuseppina. Il 11/8/1825, domiciliata a Bastia, sposa Trama Costanzo nativo di Capraia.

  1. Filippi Maria Orsola

Nata a Capraia il 29/7/1784 da Filippi Giuseppe q. Filippo e da Oliveto Maria Caterina q. Gio Domenico. Il 17/1/1809 sposa a Capraia Cuneo Giacomo. Il 4/11/1830 muore a Bastia, rue Colonella, dove abita e risiede.

  1. Filippi Paolo

Nato a Capraia il 29/4/1805 da Filippi Antonio e Sesini Maria Padovana. Secondo il Censimento del 1818 risiede a Cateri con i genitori. Sposa Bernardini Maria Domenica. Il 18/8/1832 nasce a Bastia, rue de la Colonetta il figlio Antonio. Nel 1832, marinaio, risiede a Bastia e testimonia la morte di Cuneo Maria Caterina. Il 7/12/1840 nasce a Bastia, rue St, Joseph, Filippi Maria Padovana. Il padre è mulattiere.

  1. Filippi Stefano

Nato a Capraia il 4/7/1796 figlio di Filippi Antonio e Biagini Maria Giuseppina. Il 12/4/1828 sposa Cuneo Maria a Bastia, sono testimoni Cuneo Andrea commerciante di anni 24 e Cuneo Francesco commerciante di anni 30. Nel 1829 abita con la moglie a Bastia in Rue du Vieux Marché, commerciante. Il 20/4/1829 nasce il figlio Filippi Antoine. È testimone Sussone Pietro Giovanni marinaio di 59 anni e Santone Giuliano marinaio di 42 anni. Secondo il censimento del 1846 risiede a Velone Orneto, mercante di anni 48, con la moglie Maria di anni 46, e i figli Antoine di anni 16 (21/4/1829), Joseph di anni 14 (20/9/1831), Marie Josephine di anni 7. Muore a Valona Orneto il 8/2/1854.

  1. Gallettini Agostino

Nato a Capraia nel 1755. Sposato con Mattei Mariange nativa di Astima cantone di Pietrabugno. Marinaio domiciliato in Bastia, rue de la Citadelle, muore il 8/4/1808.

  1. Gallettini Angelo

Nato a Capraia il 17/11/1770 da Gallettini Antonio q. Grimaldo e da Tarascone Giovanna di Angelo. Il 30/6/1810, marinaio, testimonia la morte di De Franceschi Giuseppe a Bastia.

  1. Gallettini Carlo

Nato a Capraia il 2/3/1786 da Gallettini Gio Grimaldo di Carlo e da Rinesi Maddalena di Gio. Sposato con Solari Maria Giuseppa. Muore a Loreto di Casinca il 1/1/1868.

  1. Gallettini Domenico

Nato a Capraia nel 1794 da Gallettini Domenico e Sussone Francesca Maria. Il 3/7/1819, negoziante a Bastia, è testimone alle nozze di Dussol Rosa. Commerciante, il 11/5/1820 sposa a Bastia Ricciardi Maria Geltrude originaria di Macerata.

  1. Gallettini Giovanni

Nato a Capraia il 14/5/1834 da Gallettini Carlo e da Solari Maria Giuseppa Il 19/11/1856, sarto, sposa a Loreto di Casinca Turrini Angela.

  1. Gallettini Giuseppe

Nato a Capraia il 4/5/1839 da Gallettini Carlo e da Solari Maria Giuseppa. Il 22/4/1864 sposa a Loreto di Casinca Solari Nunzia Maria, che muore il 15/4/1869. Il 11/10/1871 sposa in seconde nozze, a Loreto di Casinca, Mattei Angela Maria.

  1. Gallettini Nicola

Nato a Capraia il 22/3/1780 da Gallettini Domenico di Nicola e da Sussone Francesca Maria. Il 22/4/1809 sposa a Capraia Bargone Maria Antonia. Il 5/8/1813, commerciante, dichiara al comune di Bastia di voler stabilire il suo domicilio in quella città, dichiarazione che rinnova il 15/2/1816. Il 3/4/1816 presenta la domanda di naturalizzazione al Procuratore del Re a Bastia che trasmette la domanda al Ministero di Giustizia a Parigi. Il 2/5/1816 il Ministero di Giustizia chiede al prefetto della Corsica informazioni su Gallettini Nicola. Il 9/6/1816 il Prefetto risponde che Gallettini Nicola gode di buona reputazione. Nel marzo del 1817 sollecita dal Ministero di Giustizia una risposta alla sua domanda. Il 2/7/1817 gli viene accordato il permesso di domicilio in Francia. Secondo il Censimento del 1818 risiede a Bastia (Terra Nuova) ha anni 37, è negoziante, è sposato con Bargone Maria Antonietta di anni 36, ha un figlio di anni 8 e una figlia di anni 5. Il 27/8/1818, commerciante abitante e domiciliato a Bastia, è testimonio alle nozze di Tomei Maria.

  1. Gallettini Pietro Antonio

Nato a Capraia il 3/9/1786 da Gallettini Domenico di Nicola e da Sussone Francesca Maria. Il 5/4/1817, marinaio dichiara al Comune di Bastia di stabilire il suo domicilio politico in quella città, dichiarazione che rinnova il 12 e il 25 dello stesso mese. Il 16/5/1817 la sua domanda di naturalizzazione viene inviata a Parigi specificando che gli serve per poter continuare a navigare nella marina francese. Il 31/5/1820 il Ministero di Giustizia sollecita una risposta dal Ministero della Marina alla richiesta di informazione sul Gallettini. L’8 /7/1820 il Ministero della Marina risponde che il Gallettini gode di ottima reputazione secondo un rapporto dell’Intendente della Marina di Tolone dell’11/4/1817 (grande disguido). Il 9/10/1820 gli viene accordata la naturalizzazione.

  1. Garbano Anton Giuseppe

Nato a Capraia il 19/7/1783 da Garbano Paolo e da Sussone Maria Francesca q. Stefano. Il 13/3/1805, marinaio, sposa a Bastia Pianelli Maria Domenica. Imbarcato sul vascello Neptune, muore all’Ospedale Aterazanas di Barcellona, il 17/11/1813, a causa di ferite.

  1. Garbano Caterina

Nata a Capraia circa 1779 da Garbano Paolo e Sussone Maria Francesca. Il 11/9/1796 sposa a Bastia Gianno Domenico, pescatore di Procida.

  1. Garbano Paolo

Nato a Capraia. Sposato con Sussone Maria Francesca. Il 13/3/1805, pescatore, è presente con la moglie al matrimonio del figlio Garbano Anton Giuseppe a Bastia.

  1. Gentili Maria Antonietta

Nata a Capraia circa 1767. Sposata con Raffi Giovan Battista. Levatrice, muore a Bastia il 29/9/1847.

  1. Gesta Domenico

Nato a Capraia circa 1754 da Gesta Gio Batta e Musso Catarina Cecilia. Il 28/1/1782 sposa nella chiesa di San Giovanni in Terravecchia a Bastia Firpo Maria Caterina.

  1. Gesta Francesco

Nato a Capraia circa 1759 da Gesta Gio Batta e Musso Catarina Cecilia. Il 31/3/1801, mercante vedovo di Guegnier Maria, sposa a Bastia Niccolini Maria Maddalena.

  1. Giorgi Lucia

Nata a Capraia nel 1797. Il 18/-/1827 residente a Venzolasca, giornaliera, testimonia la nascita di Tardi Silvestre.

  1. Giovannetti Andrea

Nato a Capraia il 17/9/1800 da Giovannetti Pasquale e Sussone Maria Stefania. Il 30/6/1827, marinaio in Bastia naturalizzato francese, sposa la capraiese Olivieri Maria Domenica. Il padre, padrone marittimo, è presente alle nozze. Sono testimoni Suzzoni Pietro Giovanni, marinaio di anni 56, e Trama Costanzo, marinaio di anni trenta, parente della sposa, entrambi domiciliati e dimoranti in Bastia. Il 20/4/1844, marinaio, sposa in seconde nozze a Bastia la capraiese Sabatini Angelica Maria. Muore a Bastia, rue des Zephirs, il 21/5/1848, testimone della morte Costa Giovanni Domenico, marinaio di anni 48.

  1. Giovannetti Angela Maria

Nata a Capraia l’8/6/1782 da Giovannetti Pasquale e Sussone Maria Stefania. Il 2/10/1823, naturalizzata francese, presente il padre e la madre defunta, sposa Danove Domenico. Il 21/11/1833 nasce a Bastia il figlio Gregoire, testimone il nonno Giovannetti Pasquale. Muore a Bastia, dove dimora in rue Saint Charles, il 21/3/1837, testimone Cuneo Andrea marinaio di anni 37, dimorante e domiciliato a Bastia.

  1. Giovannetti Angela Maria

Nata a Capraia il 28/4/1798 da Giovannetti Sebastiano e Costa Giovanna. Il 21/5/1831 sposa, all’Isola Rossa, Carpaneto Francesco di Speloncato.

  1. Giovannetti Bastiano (Sebastiano)

Nato a Capraia il 6/9/1801 da Giovannetti Sebastiano q. Stefano e da De Franceschi Giovanna. Il 23/9/1823, marinaio, sposa a L’Ile Rousse Costa Maria Francesca. Sposa in seconde nozze Fratacci Caterina. Muore a L’Ile Rousse il 24/12/1882.

  1. Giovannetti Caterina

Nata a Capraia il 11/1/1784 da Giovannetti Sebastiano e da De Franceschi Giovanna. Il 28/12/1827, giornaliera, sposa a L’Ile Rousse Costa Giovan Battista, marinaio e vedovo, nato a San Michele di Pagana. Muore a L’Ile Rousse il 10/1/1855.

  1. Giovannetti Elisabetta

Nata a Capraia circa 1759 da Giovannetti Pietro Antonio e — Margherita. Sposata in prime nozze con Lai Domenico. Sposata in seconde nozze con Giovannetti Domenico. Muore a Bastia il 2/7/1854 a Bastia, donna di casa vedova, in rue Pontetto.

  1. Giovannetti Francesca

Nata a Capraia il 10/11/1809 (27/11/1809) da Giovannetti Pasquale e da Sussone Maria Stefania. Il 27/12/1860 sposa a Bastia Citti Dominique André. I genitori sono defunti.

  1. Giovannetti Gregorio

Nato a Capraia il 5/8/1803 da Giovannetti Pasquale e Sussone Maria Stefania.

  1. Giovannetti Maria Antonietta

Nata a Capraia il 23/9/1810 (26/4/1805) da Giovannetti Pasquale e Sussone Maria Stefania. Il 2/2/1832 domiciliata a Bastia, sposa alla presenza del padre mentre la madre è defunta, il capraiese Costa Giovanni Domenico. Muore a Bastia rue Saint Charles, il 28/2/1863. Donna di casa.

  1. Giovannetti Maria Domenica

Nata a Capraia il 25/8/1782 da Giovannetti Pietro Antonio di Nicola e da Tardi Margherita q. Domenico. Il 11/3/1837 fa registrare a Bastia la morte del fratello Giovannetti Nicola.

  1. Giovannetti Maria Elisabetta

Nata a Capraia da Giovannetti Pietro Antonio. Sposata con Lai Domenico. Madre di Lai Maria Felice e Lai Maria Elisabetta. Muore a Bastia il 2/7/1854.

  1. Giovannetti Maria Giuseppa

Nata a Capraia circa 1793 da Giovannetti Bastiano e da Olivieri Giovanna. Il 10/9/1820 sposa a Venzolasca Togneri Bartolomeo Stefano Nicolao. Muore a Venzolasca il 27/9/1845.

  1. Giovannetti Michele

Nato a Capraia circa 1797 da Giovannetti Sebastiano e da — Maria Francesca. Sposato con Grevasi Marie Nonciade. Muore a Speloncato il 21/12/1875.

  1. Giovannetti Nicola

Nato a Capraia il 5/12/1786 da Giovannetti Pietro Antonio e Tardi Margherita. Dimorante a Bastia. Il 29/5/1823, capo timoniere (chef conducteur) della marina, muore nell’isola di Cuba. L’atto di morte viene trascritto a Bastia il 11/3/1837 su richiesta della sorella Giovannetti Maria Domenica, casalinga dimorante a Bastia, che non sa scrivere.

  1. Giovannetti Pasquale

Nato a Capraia il 19/5/1765 da Giovannetti Stefano e Cuneo Angela Maria. Sposato a Capraia con Sussone Maria Stefania. Il 22/6/1816 fissa il suo domicilio politico a Bastia. Il 23/7/1816 chiede al Ministero di Giustizia di essere naturalizzato, specificando di essere marinaio e di avere tre figli Pasquale di anni 19, Andrea di anni 15 e Gregorio di anni 9. Ottiene il permesso di domicilio il 25/12/1816. Il 18/3/1820, padrone marittimo, gli muore a Bastia la moglie Suzzone Maria Stefania. Il 11/2/1824 padrone marittimo, è testimone a Bastia delle nozze di Rinesi Antonio Maria. Il 20/10/1824, padrone marittimo naturalizzato francese domiciliato a Bastia, è testimone delle nozze di Bernardini Bernardino e Colombani Maria Giuseppina. Il 30/9/1828, padrone marittimo di anni 76, testimonia a Bastia la morte di Bernardini Marie Jeanne Dominique, figlia di Bernardini Bernardino. Il 21/11/1833 è testimone a Bastia della nascita del nipote Danove Gregoire figlio di Giovannetti Angela Maria e Danove Domenico. Il 11/10/1836, padrone marittimo è testimone a Bastia della nascita di Cuneo Marie Josephine.[16] Muore a Bastia rue St. Charles il 1/10/1842, testimoni Olivieri Antonio Giuseppe di 70 anni e Morgana Giuseppe di anni 27 commerciante.

  1. Giovannetti Pasquale

Nato a Capraia l’8/8/1796 da Giovanetti Pasquale e Sussone Maria Stefania. Il 24/5/1837, marinaio domiciliato a Bastia, sposa, presente il padre e defunta la madre, Bargone Maria Francesca, nata a Capraia.

  1. Giovannetti Pietro Antonio

Nato a Capraia il 29/7/1859 da Giovannetti Antonio e da Costa Francesca. Marinaio il 17/11/1885 sposa a Bastia Mortea Marie Jeanne. Il padre, marinaio, è morto a Bastia, la madre, residente a Bastia è presente.

  1. Giovannetti Sebastiano

Nato a Capraia. Sposato con Franceschi Maria Giovanna. Secondo il Censimento del 1818 dell’Ile Rousse risulta deceduto a quella data, marinaio con tre figli maschi rispettivamente di anni 29, 19 e 15 (Giovannetti Bastiano), e con tre figlie rispettivamente di anni 27, 25, e 11; una figlia risiede a Bastia, e i tre figli sono fuori territorio.

  1. Giovannetti Stefano

Nato a Capraia il 27/12/1856 da Giovannetti Antonio e Costa Francesca. Marinaio il 12/11/1887 sposa a Bastia Benedetti Eugenie Cesanne. Il padre, marinaio, è morto a Bastia, e la madre, residente a Bastia è presente.

  1. Gregory Angela Francesca

Nata a Capraia il 19/6/1805 da Gregory Stefano e da Ghio Giovanna di Angelo. Orfana di padre muore a Bastia il 24/9/1816.

  1. Gregory Apollonia

Nata a Capraia il 28/1/1791 da Gregorj Pietro q. Stefano e da Oliveri Maria Battina di Stefano. Sposata con Agostini Charles Mathieu. Il 12/8/1822 muore a Bastia il figlio Nicodeme di anni 4.

  1. Gregory Giovanni

Nato a Capraia il 31/1/1750 da Gregory Giuseppe q. Bernardino e da Sussone Maria Francesca di Pietro Gio. Il 14/11/1811, marinaio dimorante a Bastia testimonia la morte di Princivalle Maddalena. Il 26/4/1819 testimonia la morte di Vicagnani Maria.

  1. Gregory Maria

Nata a Capraia il 6/4/1793 da Gregory Giuseppe e Sesino Maria Stefania. Il 24/9/1820 sposa a Prunelli di Casacconi Rezzi Agostino. Muore a Prunelli di Casaccone il 27/2/1854

  1. Gregory Maria

Nata a Capraia. Il 27/2/1818 muore a Bastia, a la Punta de la Pesa, la figlia naturale Elisabeth di mesi due.

  1. Gregory Maria Apollonia

Nata a Capraia il 30/5/1784 da Gregory Giuseppe q. Stefano e da Sesino Maria Stefania q. Antonio. Il 30/10/1815 sposa Agostini Carlo Matteo a Prunelli di Casacconi.

  1. Gregory Maria Caterina

Nata a Capraia il 23/3/1763 da Gregory Giovanni Leonardo q. Giovanni Domenico e da Sarzana Angela di Giovanni Domenico. Sposata con Valery Ambroise. Il 24/2/1817 assiste a Bastia alle nozze della figlia Valerj Maria Domenica Bernardina.

  1. Gregory Stefano

Nato a Capraia il 10/10/1766 da Gregory Giovanni Leonardo q. Giovanni Domenico e da Sarzana Angela di Domenico. Il 5/8/1815, marinaio, muore all’ospizio civile di Bastia.

  1. Grimaldi Giovanni

Nato a Capraia. Sposato con Lamberti Maria Antonietta. Il 10/7/1819, marinaio abitante a Bastia, gli muore il figlio Grimaldi Jean di mesi 7. Il 9/8/182 nascono a Bastia i gemelli Domenico e Cristoforo. Il 15/7/1821 muore il figlio Cristofaro di mesi 6. Muore prima del 1850.

  Grimaldi Giovanni Battista

Nato a Capraia il 9/12/1764 da Grimaldi Bartolomeo q. Antonio e da Agostini Caterina q. Giovanni. Il 25/4/1808 riceve dal Ministero della Marina Francese l’autorizzazione a comandare imbarcazioni commerciali al piccolo cabotaggio e di poter essere imbarcato come Mastro al piccolo cabotaggio nelle squadre, vascelli, fregate ed altro al servizio dell’imperatore. Il 10/7/1815, capitano marittimo e commerciante, dichiara al Comune di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico in quella città insieme alla sua famiglia. Nel dicembre dello stesso anno invia al Ministero di Giustizia, tramite il Procuratore del Re a Bastia, la domanda di naturalizzazione per poter continuare a navigare sui bastimenti francesi. Il 25/4/1816 gli viene concesso il domicilio in Francia.[17]

  1. Grimaldi Giovanni Battista

Nato a Capraia il 5/8/1795 da Grimaldi Giovanni e Rainboldi Maria Benedetta di Bastia. Il 19/5/1825, naturalizzato francese e abitante a Bastia, marinaio, sposa a Bastia Cuneo Caterina, residente a Bastia da sette anni. I genitori dello sposo sono presenti al matrimonio, testimonio Agostini Pasquale marinaio di anni 34. Muore a Bastia, rue des Jesuites, il 5/3/1843.

  1. Grimaldi Margherita

Nata a Capraia il 23/2/1795 da Grimaldi Stefano q. Girolamo e da Solari Maria Agostina q. Andrea. Il 6/7/1815 sposa a Bastia, Bargone Giuseppe Maria, presente la madre, che abita a Murato, il padre defunto. Muore a Bastia il 22/7/1833 all’età di anni 34 circa.

  1. Grimaldi Maria

Nata a Capraia il 2/6/1789 da Grimaldi Stefano q. Girolamo e Barbazza Maria Agostina di Andrea. Il 15/11/1824, sposa a Bastia Olivieri Domenico, nativo di Capraia.

  1. Grimaldi Stefano

Nato a Capraia il 17/3/1757 da Grimaldi Girolamo e — Margarita. Sposato con Barbazza Maria Agostina.  A Capraia nascono i figli Grimaldi Maria (2/6/1789), Grimaldi Margherita (23/2/1795), e Grimaldi Stefano (3/5/1800). È defunto quando il 21/10/1822 muore a Bastia, rue Saint Charles, la moglie, testimone Bargone Giuseppe Maria marinaio di anni 35 abitante in rue Saint Charles.

  1. Lai Maria Elisabetta

Nata a Capraia il 16/6/1806 da Lai Domenico e Giovannetti Maria Elisabetta. Il 24/2/1830 sposa a Bastia, il padre defunto e la madre presente, Princivalle Salvatore nativo di Capraia.

  1. Lai Maria Caterina

Nasce a Capraia da Lai Gaetano. Sposa a Capraia Dominici Pietro di Sisco. Il 24/11/1821 è presente a Bastia alle nozze della figlia Dominici Maria Maddalena.

  1. Lai Maria Felice

Nata a Capraia il 20/4/1797 da Lai Domenico di Antonio e Giovannetti Elisabetta di Pier’Antonio. Il 27/4/1824 sposa a Bastia dove è domiciliata da 12 anni, Paoli Philippe di Castineta (Rostino). La madre è presente al matrimonio. Testimoni Cuneo Gaspare commerciante di anni 38, Cuneo Francesco Antonio commerciante di anni 31, entrambi parenti della sposa, Suzzoni Pietro Giovanni marinaio di anni 52 e Sabatini Giovanni Battista marinaio di anni 53, entrambi conoscenti dello sposo, tutti dimoranti e domiciliati a Bastia.

  1. Lamberti Angelica Maria

Nata a Capraia nel 1813 da Lamberti Giovanni Agostino e Sabatini Maria. Muore a Bastia il 8/1/1830

  1. Lamberti Angela Francesca

Nata a Capraia il 14/4/1798 (24/8/1797) da Lamberti Principio di Gio e da Solari Maria Caterina q. Gio Girolamo. Il 29/6/1816 sposa a Bastia il bastiese Rossi Sebastiano lavorante; il padre della sposa, marinaio, è defunto mentre la madre è presente. Testimoni Subrero Giuseppe, negoziante di anni 60 e Girolamo Ramarone commerciante di anni 34, entrambi domiciliati in Bastia. Muore a Bastia il 13/12/1845 in rue Colle.

  1. Lamberti Antonio

Nato a Capraia il 28/4/1768 da Lamberti Andrea Leonardo q. Emanuelle e da Sarzana Francesca q. Angelo Maria. Il 15/11/1796 sposa a Capraia Sesini Maria Giuseppa di Gio Francesco. Il 30/5/1817 dichiara al Comune di Bastia di voler prendere domicilio in quella città. Rinnova la dichiarazione il 9/7 e il 17/7/ dello stesso anno. Il 23/9/1817 scrive al Ministro della Giustizia per chiedere la naturalizzazione dicendo di aver navigato sui bastimenti commerciali francesi per 16 anni e di risiedere in Bastia da oltre 11 anni e che desidera continuare a navigare nella Marina Francese per sovvenire ai bisogni della sua famiglia, cosa che gli è impedita per mancanza della naturalizzazione. Secondo una lettera del 15/1/1818 dell’intendente di Marina di Tolone non risulta che il Lamberti sia mai stato iscritto nei ruoli della Marina Francese. Il 25/2/1818 gli viene concesso il domicilio in Francia. Il 24/2/1821 è presente a Bastia alle nozze della figlia Lamberti Maria Francesca.[18]

  1. Lamberti Bernardino

  Nato a Capraia. Sposato con Rinesi Francesca. Marinaio, muore prima del1809.

  1. Lamberti Elisabetta

Nata a Capraia nel 1800? da Lamberti Angelo e — Maria Giuseppina. Muore a Bastia, serva abitante in rue Saint Angelo, il 10/5/1846.

  1. Lamberti Francesco detto Pernicedo

Nato a Capraia il 9/12/1729 da Lamberti Principio di Lorenzo e da Sarzana Maria q. Gio. Abitante a Bastia, muore nell’ospizio di Bastia il 9/4/1809.

  1. Lamberti Francesco

Nato a Capraia nel 1769. Sposato con Solari Maria Caterina. Di professione giornaliero. Il 16/2/1814 nasce a Bastia la figlia Louise Nonce Marie.

  1. Lamberti Francesco Maria

Nato a Capraia il 24/4/1800 da Lamberti Gian Domenico e da Cuneo Maria. Il 17/4/1843, rivenditore, sposa a Belgodere, presente il padre, Morgana Maria Caterina di Capraia. Muore vedovo a Belgodere il 4/9/1872.

  1. Lamberti Gian (o Gio) Domenico

 Nato a Capraia nel 1776.  Il 14/4/1799 sposa a Capraia Cuneo Maria q. Anton Gio. Il 15/8/1819, abitante e dimorante all’Isola Rossa, marinaio, dichiara la morte della propria figlia Catterina di anni cinque. Il 22/10/1832 è presente a Belgodere al matrimonio del figlio Antonio. Muore a Belgodere il 25/3/1845 all’età di anni 79 negoziante.

  1. Lamberti Giovanna

Nata a Capraia. Sposa a Capraia il 12/7/1803 (26/1/1809), Sabatini Giovanni Domenico di Giuseppe. Il 29/12/1833 è presente a Bastia alle nozze del figlio Sabatini Giuseppe.

  1. Lamberti Giovanna

Nata a Capraia il 13/11/1773 da Lamberti Domenico q. Padovano e da Solari Maddalena q. Domenico. Il 19/10/1789 sposa a Capraia Lamberti Francesco Maria. Il 5/6/1826, vedova, è presente a Bastia alle nozze della figlia Lamberti Maddalena.

  1. Lamberti Giovanni Agostino?

Nato a Capraia. Sposato con Sabatini Maria. L’8/1/1830 muore a Bastia la figlia Lamberti Angelica Maria di anni 17, orfana di padre, testimoni Sabatini Giuseppe, calzolaio cugino della defunta di anni 22 e Agostini Giuseppe marinaio di anni 25.

  1. Lamberti Giovanni Antonio

Nato a Capraia da Lamberti Gian Domenico e da Cuneo Maria. Il 22/10/1832 sposa a Belgodere Marchetti Maria Lucia di Belgodere, presenti i genitori

  1. Lamberti Girolamo (Geronimo)

Nato a Capraia il 2/9/1755 da Lamberti Gio e da Lamberti Maria.  il 13 febbraio 1790 sposa Alessandri Maria Pasquina di Bastia nella parrocchia di San Giovanni Battista. Il 9/3/1804 (18 ventoso anno XII) nasce a Bastia il figlio Simone Giovanni. Nel 1810 risiede a Bastia ed è testimone alle nozze di Chiama Antonio. Padrone marittimo, muore in Bastia, rue Saint Jean, il 13/8/1823. La moglie muore a Bastia, rue Saint Jean, il 14/5/1848.

  1. Lamberti Lorenzo

Nato a Capraia il 29/4/1774 da Lamberti Francesco di Principio, marinaio e da Tardi Maria Geronima. Il 23/4/1818, marinaio, sposa a Bastia Lagomaggiore Maria originaria di Genova. Il padre e la madre sono morti a Bastia.

  1. Lamberti Lucia

Nata a Capraia nel 1766 da Lamberti Antonio e — Maria. Il 13/8/1799 sposa a Capraia Sabbatini (Sabadini) Paolo di Gio Leonardo. Il 24/11/1827 presenzia a Bastia alle nozze della figlia Sabbatini Maria con Cuneo Andrea. Muore a Bastia il 27/9/1836 in rue del Pontetto.

  1. Lamberti Maddalena

Nata a Capraia il 9/11/1798 da Lamberti Francesco Maria e Lamberti Giovanna, Il 5/6/1826 sposa a Bastia, presente la madre, il padre Princivalle Giovanni Leonardo nativo di Capraia è defunto.

  1. Lamberti Maddalena

Nata a Capraia il 14/3/1801 da Lamberti Principio e Solari Caterina. Il 25/7/1819, a Bastia dove abita da molti anni, sposa, presente il padre Lamberti Principio, giornaliere, e la madre Solari Caterina, entrambi abitanti a Bastia, Cermolaccie Mathieu, parrucchiere di anni 23 nativo di Bastia

  1. Lamberti Maria

Nata a Capraia nel 1804 da Lamberti Bernardino e Rinesi Francesca. Muore a Bastia il 13/10/1809. Il padre, marinaio, è defunto. È testimonio Filippi Antonio, marinaio capraiese di anni 31.

  1. Lamberti Maria

Nasce a Capraia nel 1772? Moglie di Monterrain Giacomo, fornaio con il quale risiede a Bastia nel 1794. Muore a Bastia il 24/8/1805 (6 fruttidoro anno XIII).

  1. Lamberti Maria Antonia

Nata a Capraia il 29/8/1778 da Lamberti Francesco di Principio e da Tardi Maria Geronima di Antonio. Sposata con Guerini Cristoforo di Lucca. Il 11/7/1812 muore a Bastia il marito Guerini Cristoforo. Il 15/7/1817 muore a Bastia la figlia Cristine di anni 4, orfana di padre.

  1. Lamberti Maria Antonietta

Nata a Capraia. Sposata con Grimaldi Giovanni. Il 10/7/1819, abitante a Bastia, muore il figlio Grimaldi Jean di mesi 7. Il 9/8/1820 nascono a Bastia i gemelli Domenico e Cristoforo. Il 15/7/1821 muore il figlio Cristofaro di mesi 6. Muore prima del 1850.

  1. Lamberti Maria Francesca

Nata a Capraia il 7/3/1800 da Lamberti Antonio e Suzzini Maria Giuseppina. Il 24/2/1821 sposa a Bastia Cuneo Domenico, presenti i genitori.

  1. Lamberti Maria Giovanna

Nata a Capraia nel 1766. Sposata con Giannardi Antonio di Genova, infermiere presso l’ospizio civile di Bastia. L’8 dicembre 1806 nasce a Bastia la figlia Maria Antoinette. Muore a Bastia il 14/12/1816.

  1. Lamberti Maria Paola

Nata a Capraia il 16/5/1800 da Lamberti Angelo e Sabbatini Maria Giuseppina. Il 7/11/1829, domestica dimorante a Bastia, defunti i genitori, sposa a Bastia Martineau Jean, lavoratore dimorante a Bastia,

  1. Lamberti Paola Maria

Nata a Capraia nel 1785 da Lamberti Domenico e Suzzone Chiara. Il 12/11/1825, orfana di padre, muore a Bastia, testimoni Cuneo Giacomo marinaio di anni 40 abitante in rue du Vieux Marchè, e Raffi Giuseppe Maria marinaio di anni 22 abitante in Saint Charles.

  1. Lamberti Paola Maria

  Nata a Capraia il 22/6/1776 da Lamberti Paolo di Natale e da Sussone Chiara di Giovanni.Sposata con Pontana   Gio Batta. Muore ad Ajaccio, rue du Glacis, il 13/2/1834.

  1. Lamberti Principio

Nato a Capraia. Sposato con Solari Maria Caterina. Il 25/1/1817 muore a Bastia la figlia Marie Louise di anni 4, testimoni Michele e Leonardo Roverano marinai nativi di Capraia. Il 25/7/1849, giornaliero abitante a Bastia, è presente alle nozze della figlia Lamberti Maddalena.

  1. Lamberti Stefano

Nato a Capraia nel 1751. Marinaio, muore all’Ospizio di Bastia il 18/5/1811.

  1. Lamberti Stefano

Nato a Capraia il 6/11/1785 da Lamberti Giovanni e Solari Angela Maria. Il 3/1/1816, commerciante, è testimone a Bastia delle nozze di Biaggini Angelo e Bernardini Elisabetta.

  1. Lucari Angelo

  Nato a Capraia il 18/6/1789 da Luccari Pietro q. Angelo di Sarzana e Lavaschi Maria di Genova. Sposato   con       Agostini Lucia nata a Morsiglia. Il 28/7/1828 nasce a Centuri il figlio Pierre. Il 26/9/1830, pittore abitante a            Bastia, rue des Zephirs, gli muore il figlio Pierre, testimone Danove Domenico marinaio abitante a Bastia   di         anni 25.

  1. Lucari Domenico

  Nasce a Capraia il 26/6/1814 da Luccari Nicola e di Maria Domenica Solari.  Il 20/5/1838 sposa a Rogliano   Dominici Marie Dominique.  Secondo il Censimento di Rogliano del 1848 abita alla Marina di Macinaggio dove   esercita la professione di carpentiere e con lui vivono la moglie, una figlia di anni 6, e due figli di anni 4 e anni   2. Muore a Bastia il 12/3/1870.

  1. Lucari Natale

  Nasce a Capraia il 27/4/1809 da Luccari Nicola e da Solari Maria Domenica. Viene battezzato il 4/5/1809.   Tra il 1815 e il 1818 si trasferisce con la famiglia a Bastia. Nel 1826 emigra a Porto Rico e si stabilisce nella   città di Anasco, dove prende il nome Nadal e si dedica all’agricoltura. Nel 1830 chiede il certificato di domicilio   allegando alla domanda il certificato di battesimo rilasciatogli nel febbraio del 1826 dal parroco di Capraia   Morgana Domenico. Sposa in prima nozze Carrero Gregoria dalla quale ha sette figli. Dopo la morte per colera   della moglie nel 1856, si risposa con Espinet Francisca.

  1. Lucari Nicola (o Nicolò)

  Nato a Capria il 21/2/1783 da Luccari Pietro e Lavaschi Maria entrambi di Genova. Sposa a Capraia Solari   Maria Domenica. Risulta che Luccari Nicola, di Genova, dimorante a Capraia. si imbarca sul nel 1814 sul brick   Incostant della marina elbana di Napoleone, come aiutante calafato di 1a classe. Sbarca dal brick a Tolone la   sera del 30 giugno e viene congedato il 3 luglio 1815. Il 5 luglio dichiara di voler lasciare a suo padre Luccari   Pietro (Pierre) il saldo di quanto ha guadagnato sul brick l’Inconstant come mastro calafato. A Capraia   nascono i figli Lucari Maria (2/7/1805), Lucari Natale (27/4/1809), Lucari Domenico (26/6/1814). Si   trasferisce con la famiglia a Bastia dove nascono i figli Lucari Pierre il 27/2/1818; Lucari Francoise Maria il   18/3/1820 testimone Cuneo Giuseppe Maria di anni 27 commerciante; Lucari Marie Dominique il 7/1/1822,   la denuncia viene fatta da Cuneo Gaspare commerciante in assenza del padre Lucari Nicola di Capraia, è   testimone Gallettini Nicola, commerciante. Tra il 1824 e il 1826 risiede a Tomino dove nascono i figli Jean   Leonard il 8/2/1824 e Nicolas il 27/1/1826.  Il 23/4/1832 muore a Cagnano la moglie Solari Maria Domenica. Il   3/3/1835 sposa a Cagnano Agostini Marie Dominique. Secondo il censimento del 1846 risiede a Cagnano   (Porticciolo marino di Cagnano) dove esercita la professione di calafato. Vive con la moglie Agostini Marie   Dominique di anni 36 e il figlio Jean Baptiste di anni 12, la figlia Marie di anni 10, nata il 1/3/1839, la figlia   Philomene di anni 6 nata il 8/6/1840, e il figlio Antoine di anni 4 nato il 12/10/1842.

  1. Morgana Antonia

  Nata a Capraia circa 1804 da Morgana Giovanni e da Bargone Angela Maria. Il 20/5/1824 sposa ad Aiaccio   Pontana Ascagne Joseph. Il padre è deceduto, la madre è presente al matrimonio, abita ad Aiaccio rue du   Centre.

  1. Morgana Caterina

  Nata a Capraia circa 1766. Sposata con Rogliano Pasquale, viticultore. Muore vedova il 4/10/1831 a Bastia,   rue dite Giulietta.

  1. Morgana Giovanna

  Nata a Capraia il 22/10/1810 da Morgana Giovanni q. Giuseppe e da Bargone Angela Maria q. Stefano. Il   4/8/1822 sposa ad Aiaccio Rossi Joseph Mathieu.

  1. Morgana Giovanni

  Nato a Capraia circa 1810. Sposato con Chiama Maria Domenica. Secondo il Censimento 1846 risiede a Loreto di            Casinca, rivenditore, con la moglie e i figli Morgana Giovanni, Antonio e Giuseppe. Muore a Lano il   15/12/1862

  1. Morgana Giovanni

  Nato a Capraia il 28/12/1837 da Morgana Giovanni e da Chiama Maria Domenica. Il 8/2/1866 sposa a Loreto   di Casinca Cassoli Therese. Muore a Loreto di Casinca il 23/3/1866.

  1. Morgana Giovanni

  Nato a Capraia circa 1825 da Morgana Giovan Battista e da Solari Maria Giuseppa. Muore a Loreto di   Casinca il 18/4/1837

  1. Morgana Giovanni Antonio

  Nato a Multifao il 18/2/1840 da Morgana Giuseppe e da Bargone Francesca. Sposato con Tomei Antonia. Si   trasferisce a Capraia dove per molti anni è segretario comunale. Muore a Capraia il 30/3/1907.

  1. Morgana Giovanni Battista

  Nato a Capraia. Sposato con Solari Maria Giuseppa   Nel 1837 a Loreto di Casinca muoiono i figli Antonio di   mesi 3 e Giovanni nato a Capraia di anni 12.Nel 1854, risiede a Bastia con la moglie Solari Maria Giuseppina   ed ivi lavora come mercante ambulante. Nello stesso anno rifiuta con la moglie il consenso al matrimonio del   figlio Morgana Giuseppe Ambrogio. Nel 1866 risiede a Lano, rivenditore, e nella sua casa muore il fratello   Chiama Giovanni

  1. Morgana Giuseppe

  Nato a Capraia il 15/1/1815 da Morgana Giovanni q. Gio Batta e da Rinesi Maria Giuseppa di Giovanni. Sposato   con Bargone Francesca. Mercante, abitante a Moltifao con la moglie, il 18/2/1840 gli nasce il figlio Morgana   Giovanni Antonio.

  1. Morgana Giuseppe Ambrogio

  Nato a Capraia il 6/12/1827 da Morgana Giovan Battista e da Solari Maria Giuseppina. Il 27/12/1854 sposa   a Bastia Bargone Dorotea Teresa Caterina nata a Tolone il 22/10/1834 da Bargone Maria Giuseppe e da   Bastelica Maria Domenica. I genitori dello sposo, residenti a Bastia non danno il consenso al matrimonio. Gli   sposi hanno un figlio Bargone Giovanni nato a Bastia il 22/9/1852. Sono testimoni Dussol Benedetto, brigadiere   di dogana a riposo e Solari Giacomo commerciante. Morgana Giuseppe Ambrogio e il padre sono entrambi   mercanti ambulanti.

  1. Morgana Maria.

  Nata a Capraia il 23/5/1805 da Morgana Giovanni e da Rinesi Maria Giuseppa di Giovanni. Sposata con Cuneo   Michele. Muore, rivenditrice, a Penta di Casinca il 15/11/1843.

  1. Morgana Maria Caterina

  Nata a Capraia il 27/6/1794 da Morgana Domenico e da —. Il 17/4/1843 sposa a Belgodere Francesco Maria   Lamberti. Muore a Belgodere il 19/7/1846.

  1. Morgana Maria Orsola

  Nata a Capraia il 22/1/1773 da Morgana Gio Batta q. Domenico e da De Filippi Giulia di Filippo. Il 16/10/1786   sposa a Capraia Bernardini Paolo. Il 6/3/1819 è presente a Bastia dove abita con il marito, alle nozze della   figlia Bernardini Maria Maddalena.

  1. Oliveti Giovanni

  Nato a Capraia il 21/4/1792 da Oliveti Giuseppe e Solari Vittoria. Sposa a Bastia il 3/7/1817 Urbani Marie   Antoinette. Macellaio, muore a Bastia, rue Canto dell’Olivo, il 13/2/1843.

  1. Olivieri Antonio

  Nato a Capraia nel 1767 o 1764? figlio di Olivieri Antonio, padrone marittimo, e di Negroso Caterina. Il   20/12/1809, uomo di mare, dichiara al Comune di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico in quella città   dove vive con la moglie e 5 figli, il più anziano dei quali si chiama Stefano e ha 12 anni. Sposa in prime nozze   la capraiese Solari Maria Vittoria deceduta a Bastia il 13/4/1813. Il 17/2/1814 commerciante domiciliato a   Bastia dal 1812, sposa in seconde nozze Solari Giovanna, nata a Capraia il 2/5/1782 da Solari Luca e Mara   Futtia? abitante come serva presso il Signor Curiani. Il 29/5 e il 12/6/1816 rinnova la sua dichiarazione di voler   stabilire il suo domicilio politico in Bastia. Il 5/5/1817 scrive al Ministero di Giustizia per ottenere la   naturalizzazione per sé e per il figlio Stefano. Ottiene il permesso di domicilio il 10/12/1817. Marinaio di   professione. Il 30/12/1814, è testimone a Bastia della morte di Santone Chiara Maria. Il 12/7/1815 nasce a   Bastia la figlia Maria. Il padre presente non sa scrivere e firmare. Secondo il Censimento del 1818 risiede a   Bastia (Terra Vecchia), è sposato con Solari Giovanna di anni 30, ha due figli rispettivamente di anni 10 e di   mesi 6, e due figlie rispettivamente di anni 15 e 3. Muore a Bastia il 8/5/1823.[19]

  1. Olivieri Antonio Domenico

  Nato a Capraia il 11/5/1741 da Oliveri Gio di Gio Francesco e da Sesino Maria Giuseppa q. Angelo. Muore   all’ospizio civile di Bastia il 13/8/1808.

  1. Olivieri Antonio Giuseppe

  Nato a Capraia l’8/4/1774 da Olivieri Michele e da Chiama Maria. Sposato con Bargone Maddalena. Il 7/5/1799   nasce a Capraia la figlia Olivieri Maria. Il 4/11/1809 dichiara al Comune di Bastia di voler stabilire per sé e la   sua famiglia il domicilio politico in quella città. Il 23/8/1814 è testimone delle nozze tra Cuneo Simone e Subrero   Maddalena, ha 40 anni, è marinaio abitante a Bastia. Il 26/9/1815 nasce a Bastia il figlio Olivieri Antonio   Giovanni, e alla dichiarazione sono presenti i capraiesi Olivieri Francesco e Colombani Giovanni Tomaso.  Il   1/12/1815 viene iscritto nei ruoli della marina commerciale francese come marinaio a 24 Franchi/mese. Il   18/5/1816 rinnova la sua dichiarazione al comune di Bastia Il 13/8/1816 scrive al Ministero di Giustizia per   chiedere la naturalizzazione. Il 20/11/1816 ottiene il permesso di domicilio in Francia. Il 30/1/1818 a Bastia,   padrone marittimo di 49 anni, è testimone della morte di Cuneo Domenico. Il 10/8/1822 è presente alle nozze   a Bastia della figlia Olivieri Maria. Muore a Bastia, rue Saint Erasme, il 13/2/1846, testimone Olivieri Francesco,   mercante di vestiti di anni 40, dimorante e abitante a Bastia.[20]

  1. Olivieri Caterina

  Nata a Capraia il 1/2/1808 da Olivieri Antonio Giuseppe e Bargone Maddalena. Il 12/1/1830, domiciliata a   Bastia e naturalizzata francese, il padre assente e la madre presente entrambi naturalizzati francesi, sposa   Sussone Giovanni Leonardo nativo di Capraia.

  1. Olivieri Domenico

  Nato a Capraia il 23/12/1788 da Olivieri Antonio e Olivieri Maria Costanza. Il 15/11/1823, commerciante, sposa   a Bastia la capraiese Grimaldi Maria, testimoni Cuneo Giacomo marinaio di anni 40, Cuneo Gaspare   commerciante di anni 40.

  1. Olivieri Elisabetta

  Nata a Capraia nel 1797 da Olivieri Michele. Domestica, abitante(demeurant) nubile a Bastia, muore a   Montpellier, dove era impiegata alla Maison Centrale, il 11/7/1829.

  1. Olivieri Francesco

  Nato a Capraia il 10/2/1761 da Olivieri Gerolamo di Giovanni Francesco e Agostini Maria di Agostino. Il   21/7/1785 sposa a Bastia nella chiesa di San Giovanni Battista in Terra Vecchia la bastiese Rossi Maria di anni   18. L’8/10/1799 viene iscritto nei ruoli di mastro al piccolo cabotaggio di Bastia e passa l’esame il 5/7/1802.Il   5/3/1817 dichiara al Comune di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico e quello dei suoi otto figli,   dichiarazione che ripete il 22 e il 31/3/1817. Presenta domanda di naturalizzazione il 28/3/1817. Il 23/71823 gli   viene accordata la naturalizzazione mentre è capitano comandante il battello di posta l’Assumption. Paga a   Bastia le tasse sul reddito. Capitano mercantile domiciliato a Bastia, muore vedovo a Tolone dove si trova di   passaggio, il 29/9/1831, per dichiarazione fatta dal genero Thay Vincent medico di anni 47.[21]

  1. Olivieri Giovanni Battista

  Nato a Capraia il 29/5/1763 da Olivieri Antonio Domenico e Solari Paola. Il 26/3/1834, marinaio addetto al   servizio di dogana a Bastia dove è domiciliato, vedovo di Stagni Caterina morta il 26/3/1827, sposa Solari Maria   Giuseppina nata a Capraia. Muore a Bastia, rue Giuliette, il 16/12/1841.

  1. Olivieri Lorenzo

  Nato a Capraia nel 1787. Il 15/1/1809, merciaio, è testimone a Bastia della morte di Romaroni Maria   Giuseppina.

  1. Olivieri Maria

  Nata a Capraia il 7/5/1799 da Olivieri Antonio Giuseppe e Bargone Maddalena. Il 10/8/1822 sposa a Bastia   il capraiese Agostini Giuseppe, presenti i genitori naturalizzati francesi. Testimone Cuneo Gasparo   commerciante di anni 38 e parente della sposa. Morto il primo marito il 3/10/1822, il 4/3/1824 sposa a Bastia   Cambiaggio Philippe, marinaio nativo di Bastia.

  1. Olivieri Maria Agostina

  Moglie di Chiama Giuseppe.

  1. Olivieri Maria Agostina

  Nata a Capraia il 25/1/1773 da Olivieri Michele q. Stefano e da Tomei Maria Caterina q. Andrea. Il 9/1/1796   sposa a Capraia Solari Giuseppe q. Giustiniano. Secondo il censimento del 1818 vive a l’Ile Rousse con il   marito, due figli di 16 e 9 anni, quattro figlie di 17, 15, 9, 6 anni. Il 30/4/1831 è presente alle nozze della figlia   maggiore Solari Caterina con Orsoni Dominique a l’Ile Rousse. Secondo il censimento del 1846 vive a l’Ile   Rousse, ha 62 anni, con il marito e una figlia Solari Agostina di anni 33.

  1. Olivieri Maria Antonietta

  Nata a Capraia nel 1741 da Olivieri Simone? e Cuneo Maria. Sposata con Solari Giovanni Ognisanti. Muore a   Bastia il 8/10/1826, testimone Danove Domenico marinaio di anni 22 abitante a Saint Charles.

  1. Olivieri Maria Giuseppa

  Nata a Capraia nel 1771? da Olivieri Antonio Domenico e — Paola. Sposata prima del 1834 con Desanti   Sebastiano. Il 4/4/1835, rivenditrice di 64 anni, sposa ad Aiaccio, dove risiede, il corso Solari Pietro Antonio.

  1. Olivieri Maria Domenica

  Nata a Capraia il 15/3/1801 da Olivieri Antonio q. Stefano e Solari Maria Geronima. Il 30/6/1827, abitante a   Bastia e naturalizzata francese, sposa il capraiese Giovannetti Andrea, I genitori sono defunti. Muore a Bastia   il 15/2/1843.

  1. Olivieri Michele

  Nato a Capraia il 14/10/1804 da Olivieri Antonio Giuseppe q. Michele e Bargone Maria Maddalena di Gio   Leonardo. Il 3/10/1831, marinaio, sposa a Bastia dove è domiciliato, Agostini Assomption di Bastia. Il padre è   presente al matrimonio; sono testimoni Olivieri Francesco, mastro sarto di anni 26 cugino in 3°grado dello   sposo, Cuneo Andrea commerciante di anni 26 parente dello sposo, Danove Domenico marinaio di anni 25   parente dello sposo, tutti dimoranti e domiciliati a Bastia. Muore A Marsiglia il 17/11/1874.

  1. Olivieri Padovano

  Nato a Capraia nel 1759? da Olivieri Giuseppe e Sarzana Bianca Maria. Risiede a Bastia dal 1779. Il 20/1/1784   sposa a Bastia, nella chiesa di San Giovanni Battista in Terra Vecchia, Stagno Angela Maria di Bastia che   muore il 8/6/1801 (19 pratile anno XI). Secondo la dichiarazione di un certo Luigi Cecconi, possedeva con la   moglie una bottega di commestibili al Mercato Nuovo e più tardi fu iscritto nei ruoli come pizzicagnolo, attività   per la quale pagava regolarmente le tasse, finchè mantenne detta attività. L’8/10/1799 ottiene a Bastia il   brevetto di Mastro di piccolo cabotaggio e si imbarca come marinaio su bastimenti francesi fino al 1807. Dal   1807 al 1816 continua a navigare sui bastimenti francesi come Padrone. Dopo aver subito un esame il brevetto   gli viene confermato il 23/11/1800. Il 12/10/1803 (19 vendemmiaio anno XII), padrone di bastimento e dimorante   al Guadello (Bastia) sposa in seconde nozze la vedova Reboul Maria Teresa di Bastia, testimone Rinesi Antonio   commerciante di anni 30. Il 10/12/1817 gli viene accordato il domicilio in Francia. Il 22/3/1817 dichiara al comune   di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico in quella città. Rinnova la dichiarazione il 29/3 e il 31/3/1817.   Muore a Bastia il 14/4/1820.[22]

  1. Olivieri Stefano

  Nato a Capraia il 19/1/1798 da Oliveri Antonio q. Stefano e Solari Maria Geronima di Lucca. Il 20/12/1809,   insieme al padre dichiara alla Marie di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico in quella città, dichiarazione   che rinnova il 29/5/1816. Nel mese di luglio del 1816 scrive con il padre al Ministero di Giustizia per ottenere la   naturalizzazione, necessaria per poter continuare a navigare sui bastimenti francesi. Il 9/4/1817 ottiene la   naturalizzazione. Il 10/10/1829, marinaio domiciliato a Bastia, sposa Deneri Marie di Bastia, testimoni Cuneo   Andrea commerciante di anni 25, Cuneo Giacomo marinaio di anni 44, dimoranti e domiciliati a Bastia. Il   26/6/1831 nasce a Bastia la figlia Assomption che muore Il 3/10/1832 a Bastia, rue de Zephirs. Muore a Bastia   il 26/10/1832.[23]

  1. Paoletti Maria Caterina

  Nata a Capraia il 24/9/1801 da Paoletti Bartolomeo q. Angelo e Olivieri Caterina. Il 15/1/1827 sposa a Capraia   Bargone Agostino marinaio. Nel 1832 abita con il marito a Bastia in rue Saint Charles.

  1. Paoli Chiara Maria

  Nata a Capraia 19/5/1781 da Paoli Stefano e Tardi Francesca Maria. Il 16/7/1828 sposa a Bastia il capraiese   Sussone Pietro Giovanni.

  1. Paoli Francesco

  Nato a Capraia il 3/7/1756 da Paoli Gian Domenico. Sposato con Solari Maria di Capraia. Marinaio messo fuori   servizio dai ruoli di Capraia il 21/5/1803, si trasferice a Bastia. Il 29/6/1816 dichiara alla Marie di Bastia di voler   stabilire il suo domicilio politico in quella città, dichiarazione che ripete il 16/7/1816. Nell’agosto del 1816 scrive   al Ministero di Giustizia per chieder la naturalizzazione dichiarando di risiedere a Bastia da 15 anni. Il   25/12/1816 gli viene concesso di stabilire il proprio domicilio in Francia Il 18/2/1818 muore a Bastia la moglie di   anni 60. Il 8/1/1836 muore all’ospizio di Bastia dove è stato ricoverato il 23/10/1835.[24]

  1. Paoli Giovanni

  Nato a Capraia il 17/10/1754 da Paoli Stefano e Solari Chiara Maria. Sposato con Tardi Maria Francesca.   Marinaio, messo fuori servizio dai ruoli di Capraia il 29/71803. Il 10/10/1811, marinaio dimorante a Bastia,   testimonia la morte di Suzzone Nicola.

  1. Paoli Marcantonio

  Nato a Capraia circa 1751 da Paoli Francesco. Muore il 13/7/1776 a Monticello ed è sepolto nel cimitero di S.   Quirico.

  1. Paoli Paolina Maria

  Nata a Capraia il 15/6/1792 da Paoli Giovanni e Tardi Maria Francesca. Il 15/6/1837, dimorante a Bastia,   sposa Bernardini Agostino, i genitori sono defunti.

  1. Princivalle Agostino

  Nato a Capraia il 26/4/1805 da Princivalle Nicola e Sabatini Francesca di Giuseppe. Il 29/9/1831, di   professione mercivendolo, sposa a Speloncato Salducci Maria Domenica.

  1. Princivalle Angela Maria

  Nata a Capraia da Princivalle Gio Leonardo. Il 28/12/1803 sposa a Capraia Gavrin (a Capraia Gheren) Jean   Pierre, comandante della piazza dell’Isola di Capraia. Il 9/11/1804 nasce a Capraia il figlio Pietro Giovanni   Napoleone. Il 10/1/1812 muore a Bastia il figlio Gavrin Jean Pierre di anni 7, il padre defunto. Testimonianza di   Subrero Giuseppe di anni 60.

  1. Princivalle Francesco

  Nato a Capraia il -/9/1813 da Princivalle Nicola e Sabatini Maria Giuseppa. Il 19/5/1838 sposa a Speloncato,   presenti i genitori ivi domiciliati, Filippi Maria Francesca. Secondo il Censimento del 1846 di Speloncato risulta di   professione giornaliero, sposato con Filippi Marie Francoise di anni 32 di avere una figlia Pasqualine di anni 6   ed un figlio Antoine di anni 4.  Muore, mulattiere, nella sua casa di Speloncato, rue dite Calanche il 30/12/1858.

  1. Princivalle Giacinto

  Nato a Capraia il 12/8/1776 (1772) da Princivalle Giuseppe e Cassinelli Maria Giuseppa. Secondo il Censimento   1818 di Calvi risulta essere marinaio sposato con Rossi Maria Angela e di avere 3 figli maschi di anni 15   (Princivalle Giuseppe nato a Calvi il 2/2/1803), uno di anni 12, di anni 5 (Princivalle Antonio nato a Calvi il   15/5/1813) e una figlia di anni 1 (Princivalle Maria Geronima nata a Calvi il 8/10/1817), e una sorella di anni 26.   Il 10/4/1824, marinaio, vedovo di Rossi Maria Angela di Calvi, sposa a Calvi Santucci Maria Giovanna.

  1. Princivalle Giacomo Filippo

  Nato a Capraia il 28/2/1778 da Princivalle Giacinto e da Sabadini Maria Antonia q. Giuseppe. Il 5/10/1806 sposa   a Capraia Chiama Barbara di Antonio. Iscritto nei ruoli di Capraia nel 1808 è marinaio, nel 1809 comanda la   gondola San Leonardo e nel 1813 comanda la gondola Sant’Antonio. Il 30/6/1810, padrone marittimo, testimonia la morte di De Franceschi Giuseppe a Bastia.

  1. Princivalle Giovanni Leonardo

  Nato a Capraia il 26/10/1790 da Princivalle Giuseppe Maria e Bargone Angela Maria. Il 5/2/1826, marinaio   in Bastia, sposa, presente il padre e la madre defunta, Lamberti Maddalena nativa di Capraia, testimoni Raffo   Giuseppe Maria marinaio di anni 22 cugino in terzo grado dello sposo, Trama Costanzo marinaio di 29 anni,   entrambi dimoranti e domiciliati in Bastia.

  1. Princivalle Giovanni Leonardo

  Nato a Capraia circa 1818 da Princivalle Leonardo e Sabatini Maria Giuseppa. Muore celibe a Speloncato il   19/3/1895.

  1. Princivalle Giovanni Matteo

  Nato a Capraia. Sposato con Giovanna Suzzoni. Il 29/1/1835 nasce a Bastia il figlio Ange Marie, testimoni   Agostini Giuseppe e Morgana Giuseppe.

  1. Princivalle Giuseppe

  Nato a Capraia il 5/2/1771 da Princivalle Giuseppe di Gio Leonardo e Solari Maddalena q. Giuseppe. Il   28/12/1796 sposa a Capraia Sussone Maria Domenica di Antonio. Intorno al 1807, marinaio si stabilisce con   la famiglia nel comune di Sant’Antonino (Balagna) e poi nel 1815 si trasferisce nel comune di Santa Reparata   di Balagna. Il 23/7/1816 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione. Ottiene il permesso di   domicilio in Francia il 2/1//1817. Secondo il censimento del 1818 risiede a Bastia (Terra Vecchia) ha 40 anni, è   sposato con Sussone Maria Domenica di anni 34, ha 3 figli rispettivamente di anni 16 (marinaio), 8 (studente)   e 3, due figlie rispettivamente di anni 13 e 9.[25]

  1. Princivalle Giuseppe

  Nato a Capraia nel 1773 da Princivalle Giuseppe e Solari Maria. Sposato con Solari Maria Domenica.   Marinaio, muore a Bastia, rue Saint Charles, dove dimora, il 15/10/1838, testimone Sabbatini Giuseppe,   calzolaio di anni 30.

  1. Princivalle Giuseppe

  Nato a Capraia il 20/9/1798 da Princivalle Giuseppe e Sussone Maria Domenica. Il 10/3/1830, marinaio   domiciliato a Bastia e naturalizzato francese, sposa, la madre presente, la bastiese Giudici Marie Elise Victoire,   testimone Danove Domenico, marinaio di anni 25 dimorante e domiciliato a Bastia, cognato dello sposo. Il   26/8/1830 nasce a Bastia il figlio Giuseppe.

  1. Princivalle Giuseppe Maria

  Nasce a Capraia nel 1773? Sposato con Nicolaj Jeanne. Marinaio abita a Bastia rue du Pontetto. Muore il   8/8/1833 a Bastia, testimone Raffi Antonio, marinaio capraiese dimorante a Bastia di anni 30.

  1. Princivalle Giuseppe Maria

  Nato a Capraia nel 1769 da Princivalle Salvatore e da Sabadini Caterina. Marinaio. Risiede a Bastia dal 1805   ed è mercante. Il 6/7/1811 rimane vedovo a Bastia di Bargone Angela Maria. Il 6/10/1811 sposa a Bastia   Sussone Giovanna nata a Capraia il 21/4/1783 da Sussone Stefano, padrone marittimo che vive a Bastia da   10 anni, e da Chiama Maria Geronima. Sono testimoni Cuneo Giuseppe Maria proprietario nato a Capraia di   anni 27 dimorante a Bastia, Bargone Antonio Domenico di anni 42 nato a Capraia dimorante a Bastia   marinaio. Il 20/4/1816 nasce il figlio Princivalle Francois, il padre assente, sono testimomi Suzzone Stefano,   marinaio di anni 58 dimorante a Bastia, e Solari Francesco Maria, marinaio di anni 56, e Tardi Gio Domenico,   marinaio di anni 54, tutti dimoranti a Bastia. Il 13/10/1819 muore il figlio Jean Leonard di giorni 3. Il 12/7/1821   muore il figlio Princivalle Etienne di giorni 19, testimone Tardi Domenico marinaio. Il figlio Francois, marinaio,   muore a Bastia il 19/8/1850.

  1. Princivalle Leonardo

  Nato a Capraia nel 1796? da Princivalle Giuseppe Maria e Bargone Angela Maria. Sposato con Sabbatini   Maddalena. Il 16/7/1837, marinaio, muore a Bastia dove dimora in rue du Viex Marché.

  1. Princivalle Maddalena

  Nata a Capraia nel 1745. Vedova Princivalle, muore a Bastia il 13/11/1811. Testimoni Gregory Giovanni,   marinaio di 62 anni, e Sarzana Giuseppe, marinaio di anni 66, entrambi nativi di Capraia e dimoranti a Bastia.

  1. Princivalle (Maria) Maddalena

  Nata a Capraia il 13/6/1815 da Princivalle Nicola e Sabatini Maria Giuseppa q. Giuseppe. Il 22/7/1830 sposa   a Speloncato il corso Abraini Gioan Marie. Il 28/4/1834 residente a Speloncato sposa in seconde nozze Filippi   Giacomo di Speloncato. Muore, vedova, a Speloncato il 19/1/1892.

  1. Princivalle Maria

  Nata a Capraia il 1/3/1802 da Princivalle Michele e Cuneo Maria Domenica. Il 24/1/1824 sposa a Bastia, il   padre defunto e la madre presente, Terascone Jerome marinaio di Bastia. Il 30/11/1829 muore a Bastia, au   Pontetto, il figlio Terascone Jean.

  1. Princivalle Maria Antonia

  Nata a Capraia nel 1788 da Princivalle Giuseppe e — Maria Giuseppa. Il 1/12/1821 muore nubile a Calvi dove   vive con il fratello Princivalle Giacinto.

  1. Princivalle Maria Caterina

  Nata a Capraia. Sposata con Tardi Michele. Il 14/3/1826 muore a Bastia vedova, testimoni Princivalle   Giuseppe Maria, marinaio cugino germano, e Bargone Giuseppe Maria, commerciante di anni 38 e dimorante   in Bastia a Saint Charles.

  1. Princivalle Maria Francesca

  Nata a Capraia il 23/5/1806 da Princivalle Giuseppe e Sussone Maria Domenica. Il 29/8/1831 sposa a Bastia,   presenti i genitori, Tomei Giuseppe nativo di Capraia.

  1. Princivalle Maria Giovanna

  Nata a Capraia nel 1819 da Princivalle Nicola e Sabatini Maria Giuseppa. Il 9/5/1842 sposa a Speloncato   Del Grosso Paolo, presenti i genitori.

  1. Princivalle Maria Maddalena

  Nata a Capraia il 24/2/1803 da Princivalle Giuseppe e Sussone Maria Domenica. Il 9/10/1826, naturalizzata   francese, sposa a Bastia Danove Domenico, presente la madre. Muore a Bastia, rue Funtuine, il 15/2/1848.

  1. Princivalle Nicola (Nicolò)

  Nato a Capraia. Il 28/8/1809 sposa a Capraia Sabatini Maria Giuseppa. A Capraia nascono i figli Francesco   (-/9/1813), Maddalena (13/6/1815), Maria Giovanna (1819). Nel 1834, mercante, risiede a Speloncato dove   assiste al matrimonio della figlia Princivalle Maddalena. Nel 1838 risiede a Speloncato dove assiste al   matrimonio del figlio Princivalle Francesco. Nel 1842 sempre a Speloncato, negoziante ivi domiciliato, assiste   alle nozze della figlia Princivalle Maria Giovanna.

  1. Princivalle Padovano

  Nato a Capraia circa 1735. Nel Censimento di Bastia del 1769 risulta essere sposato con — Maria Benedetta   e di avere tre figli, Giuseppe nato nel 1763, Francesco nel 1766, e Maria Maddalena nel 1768. Padrone di un   postale.

  1. Princivalle Salvatore

  Nato a Capraia il 15/11/1800 da Princivalle Giuseppe Maria e Bargone Angela Maria. Il 24/2/1830, marinaio   domiciliato a Bastia, sposa la capraiese Lai Maria Elisabetta, il padre presente e la madre deceduta, testimoni   Agostini Giuseppe marinaio di anni 25, Tomei Giuseppe marinaio di anni 25, dimoranti e domiciliati a Bastia.   Il 2/5/1834 dichiara alla Marie di Bastia di volere stabilirsi definitivamente in quella città. Il 11/6/1836 scrive   al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione dichiarando che suo padre lo ha portato a Bastia   appena nato, di aver sempre vissuto a Bastia esercitando il mestiere di marinaio sui bastimenti commerciali   francesi e per 4 anni sui bastimenti dello stato. Il 6/8/1836 il prefetto marittimo di Tolone certifica            che   Salvatore ha navigato per molti anni sui bastimenti commerciali godendo di una buona reputazione e poi per   30 mesi sui vascelli di stato come marinaio di 3° classe. Il 28/11/1836 gli viene concessa la naturalizzazione   previo il pagamento della tassa di spedizione della lettera di naturalizzazione. Il 3/1/1837 la Marie di Bastia   attesta che Salvatore, padre di due figli in tenera età è indigente. Il 12/1/1837 chiede che           gli venga accordato           uno sconto sulla tassa essendo indigente e non possedendo alcun immobile. Gli viene accordato uno sconto di      7/8 della tassa e così il 4/4/1837 paga al Tesoro 15 franchi e 25 centesimi.[26]Muore il 18/101846, vedovo di Lai      Maria Elisabetta, all’ospizio di Bastia.

  1. Princivalle Salvatore

  Nato a Capraia circa 1813. Sposato con Raffi Maria Elisabetta. Marinaio. Il 15/4/1831 nasce il figlio Joseph   Marie che muore il 19/4/1831 muore a Bastia, rue Saint Charles. Il 6/4/1837 nasce a Bastia la figlia Angeline   Marie che muore il 5/7/1838 a Bastia, in rue du Pontetto. Il 14/3/1844 muore a Bastia, rue du Pontetto, la figlia   Angeline Marie di giorni 5.

  1. Princivalle Stefano

  Nato a Capraia il 22/10/1780. Figlio di Princivalle Giovan Battista e di Tomei Maria Francesca. Nel 1808 il padre   è defunto e la madre vive a Capraia. L’8/6/1808, padrone marittimo abitante a Bastia, sposa a Bastia Tissot   Louise Jeanne di 17 anni nata a Bastia. Sono testimoni dello sposo Subrero Giuseppe, di 52 anni nativo di   Capraia e residente a Bastia, e Sarzana Padovano, di anni 44 nativo di Capraia e residente al presente a   Bastia. Il 24/2/1811, commerciante, gli muore a Bastia la figlia Marie Antoine di cinque giorni e nello stesso   giorno la figlia Maria di mesi 17.

  1. Raffi Antonio

  Nato a Capraia il 29/3/1804 da Raffi Domenico e Giovannetti Elisabetta. Il 25/8/1831, marinaio, sposa a Bastia   Sisco Anne, donna di casa nata a Bastia; la madre dello sposo è presente. Muore a Bastia rue du Vieux Marches   il 27/1/1834, vedovo.

  1. Raffi Giovanni Battista

  Nato a Capraia nel 1760? da Raffi Antonio e Raffi Maria Felice. Il 4/12/1812, padrone marittimo, dichiara a   Bastia la morte di Colombani Dominique. Il 16/7/1822 come comandante del postale francese L’Assomption   stila il certificato di morte di Tardi Michele. Sposato con Gentili Maria Antonietta. Il 9/8/1823 muore a Bastia,   la madre vivente.

  1. Raffi Maria Caterina

  Nata a Capraia. Sposata con Dominici Pierre, calafato di Sisco. Il 13/7/1815 muore a Bastia dove abita, il figlio   Dominici Jean di anni 8 nato a Bastia. Testimone il capraiese Artisi Giuseppe, marinaio di anni 22.

  1. Raffi Maria Elisabetta

  Nata a Capraia nel 1806 (1810) da Raffi Domenico e Giovannetti Maria Elisabetta. Sposata con Princivalle   Salvatore. Muore a Bastia, rue Saint Charles, il 19/3/1844, madre e sposo viventi.

  1. Raffi Maria Felicita

  Nata a Capraia circa 1800 da Raffi Giovan Battista e da Gentili Maria Antonietta. Sposa a Bastia Gottuso   Giovanni costruttore di bastimenti

  1. Ramarone Antonio Natale

  Nato a Capraia il 1/3/1763 da Ramarone Gregorio q. Antonio e da Tomei Maria Francesca q. Stefano. Sposato   con Cuneo Maria. Il 15/1/1809 muore a Bastia la figlia Ramaroni Maria Giuseppina di anni 4 nata a Capraia.

  1. Ramarone Bartolomeo

Ramarone

Nato a Capraia 12/2/1761. Sposato con Chiama Maria Agostina. Mastro al piccolo cabotaggio, ha servito nella   marina francese per quasi 27 anni. Il 1/1/1844 è messo in pensione dalla marina francese (31.5 franchi/mese).   Il 10/2/1846 per decreto reale è autorizzato a risiedere a Capraia. Muore a Capraia il 14/5/1848 e una lapide in   suo ricordo viene murata nella chiesa di S. Antonio,

  1. Ramarone Bartolomeo

  Nato a Capraia il 31/1/1773 da Ramarone Gregorio q. Gregorio e Sesini Maria Francesca q. Bartolomeo. Il   30/8/1791 sposa a Capraia Cuneo Maria Caterina di Giuseppe. Iscritto nel ruolo marittimo di Capraia, tra il   1808 e il 1813, comanda il leudo l’Annonciation. Il 22/8/1813, padrone marittimo e commerciante, dichiara alla   Mairie di Bastia di voler fissare il suo domicilio politico a Bastia, dichiarazione che rinnova il 29/12/1815. Il   30/12/1812 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione. A seguito di richiesta di informazioni   il prefetto della Corsica dichiara che Ramaroni Bartolomeo e uomo probo e onesto e che commercia in grano.   Il 25/4/1816 viene concesso il domicilio in Francia. Il 12/2/1820 è testimone a Bastia alle nozze di Rinesi   Benedetto con Solari Margherita. [27]

  1. Ramarone Giovanna Caterina

  Nata a Capraia il 3/4/1762 da Ramarone Gregorio e Sesini Francesca Maria. Il 13/8/1782 sposa a Capraia   Cuneo Giuliano. Il 23/8/1814 è presente a Bastia alle nozze del figlio Cuneo Simone.

  1. Ramarone Girolamo

  Nato a Capraia il 10/10/1782 da Ramarone Gregorio e Sesini Francesca Maria q. Bartolomeo. Il 6/4/1809 sposa   a Capraia Solari Maria Caterina. Il 9/5/1815, commerciante, dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il   suo domicilio politico in quella città, dichiarazione che rinnova il 29/12/1815. Il 29/12/1815 scrive al Ministero di   Giustizia per chiedere la naturalizzazione. Il 23/4/1816 gli viene concesso il domicilio in Francia. Il 27/8/1818,   commerciante abitante e domiciliato a Bastia, è testimonio alle nozze di Tomei Maria.[28]Il 1/9/1820 muore a   Bastia il figlio Romaroni Francesco, testimone Solari Giuseppe commerciante di Capraia.

  1. Ramarone Giuseppe

  Nato a Capraia il 2/5/1758 da Ramarone Gregorio q. Gregorio e da Sesini Francesca Maria di Bartolomeo. Il   1/10/1776 entra nella marina francese sul bastimento della posta reale Monteynard come secondo e poi sulla   feluca La Légère fino al 30/9/1782. Dal 1/10/1782 diventa tesoriere (computiste) dell’ospizio dei fanciulli   abbandonati e orfani di Bastia. L’1/11/1789 sposa a Bastia Ruelle Marguerite. Il 1/11/1791 viene nominato   direttore dell’ospizio dei fanciulli abbandonati e orfani di Bastia. Tra il 1792 e il 1793, entrato a far parte   dell’armata di terra in Corsica partecipa a diverse spedizioni contro gli insorti e alla difesa di Bastia contro gli   Inglesi, sempre in prima linea nei combattimenti. Nel 1793 passa sul continente dove partecipa alle campagne   nelle Alpi Marittime e a Garessio e Ormea.  Il 29/5/1794 viene nominato segretario generale della commissione   del governo per i paesi conquistati in Piemonte e della stessa commissione ne diviene membro il 8/2/1796. Tra   il 1795 e il 1796, aggregato all’Armata d’Italia comandata da Napoleone, partecipa ai fatti di Rovereto, Trento,   Lavis, Neumark, Bolzano e all’assedio di Verona contro gli Austriaci. Il 26/10/1797 prende servizio nella   Repubblica Cisalpina come capo ufficio al Ministero della Guerra. Tra il 1798 e il 1799 partecipa ai fatti di   Carmagnola, Cuneo e Mondovi. Il 13/4/1799 viene nominato capo battaglione. Nel 1800 partecipa alle   operazioni della destra dell’Armata d’Italia e alla difesa di Genova assediata da Austriaci e Inglesi: si distingue   il 30 aprile (10 floreale anno VIII) nell’attacco generale contro gli Austriaci in Albaro, dove dopo un   combattimento accanito, avendo riunito le truppe che erano rimaste indietro, le conduce in prima linea; il nemico   viene sconfitto con una perdita di settemila uomini. L’undici maggio (21 floreale anno VIII9 si distingue al   passaggio del ponte dello Sturla e alla presa del monte Ratti. Tra il 1807 e il 1808 partecipa alla spedizione   contro lo Stato Pontificio e Roma.  Il 26/8/1806, col grado di colonello, viene nominato sotto ispettore   all’intendenza di 3° classe e successivamente sottoispettore di 2° classe. Il 16 marzo 1809 è nominato colonello   comandante del reggimento dei veterani e degli invalidi. Si ritira dal servizio attivo il 5/8/1814 e gli viene   assegnata una pensione annua di 1200 franchi e stabilisce la sua residenza a Bastia. Il 18/11/ 1819 gli viene   accordata la naturalizzazione. Muore a Bastia l’11/4/1821. Per un decreto reale del 1823 alla moglie vedova   viene assegnata una pensione annua di 600 franchi.[29]

  1. Ramarone Gregorio

  Nato a Capraia il 5/3/1775 da Romarone Gregorio q. Gregorio e da Sesino Francesca Maria q. Bartolomeo. Il   23/11/1806 sposa a Capraia Paoletti Angela di Bartolomeo. Il 12/4/1810, mercante, è testimone a Bastia della   morte di Cuneo Paola.

  1. Ramarone Maria Giuseppina

  Nata a Capraia nel 1805 figlia di Ramarone Antonio Natale e Cuneo Maria. Il 15/1/1809 muore a Bastia dove   dimora. Il padre è marinaio. Sono testimoni Sobrero Giuseppe, mercante di anni 57, e Olivieri Lorenzo,   merciaio, di anni 22, entrambi nativi di Capraia.

  1. Ramarone Maria Giuseppina

  Nata nel 1807? da Ramaroni Giuseppe e da … Agostina. Sposata con Morgana Giovanni Battista. Il 8/7/1891   muore a Lama all’età di anni 84,

  1. Ramarone (Antonio) Natale

  Nato a Capraia il 1/3/1763 da Ramarone Gregorio q. Antonio Natale e da Tomei Maria Francesca q. Stefano.   Marinaio, muore all’Ospizio Civile di Bastia il 19/11/1812.

  1. Rinesi Antonio

  Nato a Capraia. Sposato con Bernardini Angela Maria. Commerciante, il 20/9/1826 muore a Bastia il figlio   Rinesi Joseph di anni 13, dichiarazione fatta dalla zia Bernardini Benedetta, che non sa scrivere.

  1. Rinesi Antonio Maria

  Nato a Capraia il 7/1/1803 da Rinesi Francesco e Sussoni Benedetta. Il 11/2/1824, commerciante, sposa a   Bastia, il padre defunto e la madre presente e consenziente, Agostini Chiara nativa di Capraia. Sono testimoni   Cuneo Gaspare commerciante di anni 38, Cuneo Giacomo marinaio di anni 40 e Giovannetti Pasquale   padrone marittimo di anni 52, tutti dimoranti a Bastia. Il 25/6/1825 muore il figlio Antoine Francois di anni 1. Il   14/11/1830 muore a Bastia, rue du Vieux Marchè, la figlia Catherine di anni 2 e mesi 2. Muore a Bastia;   marinaio, rue de la Marine, il 24/1/1877.

  1. Rinesi Benedetto

  Nato a Capraia nel 24/3/1765 figlio di Rinesi Giovanni di Francesco e di Berti Maria Luisa q. Antonio. Nel 1820   risiede a Belgodere in Balagna. Il 12/2/1820 sposa per procura a Bastia la capraiese Solari Margherita. Non è   presente al matrimonio e nomina suo procuratore Romaroni Girolamo, capraiese negoziante con dimora a   Bastia, Sono testimoni al matrimonio Romaroni Bartolomeo, di anni 46, Cuneo Gaspare di anni 37, Danove   Giuseppe di anni 47, Gallettini Nicola di anni 37, tutti commercianti abitanti e domiciliati in Bastia.

  1. Rinesi Benedetto

  Nato a Capraia il 21/5/1799 da Rinesi Pasquale di Giuseppe e da Bargone Maria Giuseppa di Nicola. Sposato   con Trama Maria Lucia. A Cagnano dove abita ed esercita la professione di commerciante nascono i figli   Pasquale (16/1/1825) battezzato nella parrocchia di S. Giovanni, e Francesco (2/10/1826) battezzato nella   chiesa di S. Fruttuoso.

  1. Rinesi Giovanna

  Nata a Capraia da Rinese Giuseppe. Il 15/8/1790 sposa a Capraia Tomei Antonio Giuseppe di Anton Giacomo.   Il 29/8/1831 è presente a Bastia alle nozze del figlio Tomei Giuseppe.

  1. Rinesi Giuseppe

  Nato a Capraia nel 1813 da Rinesi Antonio e Bernardini Angela Maria. Muore a Bastia il 20/9/1826.

  1. Rinesi Gregorio

  Nato a Capraia da Rinesi Benedetto e Ramaroni Maria. Marinaio muore a Costantinopoli il 3/1/1826. L’atto di   morte, secondo sentenza del tribunale di Bastia, viene presentato dal padre Rinesi Benedetto il 21/10/1837 alla   Marie di Bastia per la registrazione. Il padre, antico marinaio, è domiciliato a Capraia ma si trova   momentaneamente a Bastia per affari. Testimone alla registrazione Sabbatini Giuseppe calzolaio di anni 29.

  1. Rinesi Maria

  Nata a Capraia. Sposata con Trama Giovan Girolamo. A Cagnano dove risiede con il marito dà alla luce i figli   Francesco (11/9/1825) padrini di battesimo Rinesi Nicola e Trama Maddalena capraiesi residenti a Bastia,   Maria Giuseppa (15/1/1827) e Maria Cattarina (30/1/1830).

  1. Rinesi Maria Francesca

  Nata a Capraia nel 1764 da Rinese Giuseppe. Il 30/7/1786 sposa a Capraia Bernardini Bernardo. Il 21/7/1818,   muore a Cateri il figlio Bernardini Gian Domenico di anni 21, mentre lei è domiciliata a Bastia. Muore a Bastia,   rue du Mole, vedova il 11/9/1846

  1. Rinesi Nicola

  Nato a Capraia il 4/8/1804 da Rinesi Pasquale di Giuseppe e da Bargone Maria Giuseppa di Nicola. Il 11/9/1825   a Cagnano è padrino al battesimo di Trama Francesco, risulta risiedere a Bastia. Il 3/2/1831 sposa a Capraia   Morgana Maria Luisa di Giovanni.

  1. Rinesi Pietro

  Nato a Capraia nel 1772 da Rinesi Giovanni. Il 15/4/1795 sposa a Capraia Morgana Maria Battina di Gio Batta.   L’8 maggio 1815, marinaio commerciante, dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico   in quella città. Rinnova la dichiarazione il 10/6/1816 e il 23/9/1816 aggiungendo che detta dichiarazione vale   anche per sua moglie e i suoi 6 figli di cui due maschi, uno Rinesi Francesco di anni 10 e uno Rinesi Giovanni   Battista di anni 6. Ai primi di luglio del 1816 scrive al Ministero di Giustizia per chieder di essere naturalizzato   dichiarando di aver sempre navigato su bastimenti francesi. La lettera viene registrata a Bastia il 9/7/1816. Il   23/10/1816 gli viene concesso il domicilio in Francia.[30]

  1. Roverano Angela Maria

  Nata a Capraia il 18/4/1796 da Roverano Antonio e Sabatini Maria Giuseppina, Il 24/3/1820 a Bastia dove   dimora, padre, marinaio, e madre viventi, sposa Molfino Antonio, calzolaio, nativo di Camogli di anni 26. Gli   sposi dichiarano di non sapere scrivere. Il padre è marinaio. Muore a Bastia il 13/12/1822 in rue dite Cumpanari.

  1. Roverano Francesca

  Nata a Capraia il 15/1/1792 da Roverano Ventura e Cuneo Paola Maria. Il 7/10/1822 a Bastia dove dimora,   sposa, padre e madre viventi, il bastiese Dellacasa Antoine, pescatore di anni 25. Testimone Cuneo Gaspare   commerciante di anni 35. Muore a Bastia il 1/1/1845, rue des Zéphires.

  1. Roverano Leonardo

  Nato a Capraia il 6/3/1800 da Roverano Antonio e Sabatini Maria Giuseppina. Il 25/1/1817 a Bastia, marinaio   testimonia la morte di Lamberti Marie Louise. Il 2/12/1824, marinaio, sposa a Bastia Bosio Marie Antoinette. Gli   sposi dichiarano di non sapere scrivere. Il 3/11/1832 muore a Bastia, a la Porte du Saveur, la figlia Marie   Dominique di anni 1 e mesi 3.

  1. Roverano Maria

  Nata a Capraia il 18/1/1795 da Roverano Ventura e Cuneo Paola Maria. Il 17/9/1840 sposa a Bastia Il marinaio   Ficarella Francois Marie, i genitori della sposa sono defunti. Alla data del matrimonio gli sposi hanno già una   figlia, Marie Therese nata il 1/9/1823 a Bastia. Muore il 3/12/1855 a Bastia rue St. Charles.

  1. Roverano Michele

  Nato a Capraia il 6/5/1783 da Roverano Ventura di Michele e da Cuneo Paola Maria di Andrea. Il 25/1/1817 a   Bastia, marinaio, testimonia la morte di Lamberti Marie Louise.

  1. Sabatini Angelica Maria

  Nata a Capraia l’8/5/1820 da Sabatini Giuseppe e da Cuneo Maria Caterina. Il 20/4/1844, abitante a Meria   con i genitori, sposa a Bastia il capraiese Giovannetti Andrea.

  1. Sabatini Antonio

  Nato a Capraia circa 1758 da Sabattini Filippo. Il 25/3/1786, marinaio ad Aiaccio sposa Tolla Santa. Il padre è   defunto, testimone Sabatini Leonardo.

  1. Sabatini Antonio

  Nato a Capraia il 25/5/1806 da Sabbatini Giuseppe Maria q. Gian Domenico e da Chiama Cattarina di Antonio.    Il 31/8/1832, marinaio, risiede a Bastia e testimonia la morte di Cuneo Maria Caterina. Il 12/9/1832, marinaio   dimorante a Bastia testimonia la morte di Bargone Agostino. Il 12/9/1832, marinaio dimorante a Bastia,   testimonia la morte di Bargone Agostino. Il 30/9/1838, padrone marittimo, testimonia a Bastia la morte di   Bernardini Marie Jeanne Dominique, figlia di Bernardini Bernardino.

  1. Sabatini Domenico

  Nato a Capraia il 23/4/1775 da Sabatini Gio Domenico e Cunio Maria Agostina. Marinaio, il 20/9/1816 dichiara   alla Mairie di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico in quella città, dichiarazione che rinnova il 2/1/ e il   7/1/1817.L’11/1/1817 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione, dichiarando di aver   navigato sui bastimenti mercantili francesi per oltre 15 anni. Il 4/6/1817 gli viene concesso il domicilio in Francia.

  1. Sabatini Elisabetta

  Nata a Capraia nel 1781. Sposata con Sabatini Francesco. L’8/3/1839, vedova, muore a Bastia, dove dimora   in rue de la Citadelle.

  1. Sabatini Francesco

  Nato a Capraia. Sposato con — Elisabetta.

  1. Sabatini Gian Domenico

  Nato a Capraia da Sabatini Giuseppe. Sposa a Capraia il 12/7/1803 Lamberti Giovanna.

  1. Sabatini Giovanni Domenico

  Nato a Capraia il 20/1/1809 da Sabatini Gian Domenico e Lamberti Giovanna. L’8/6/1831, marinaio, è   testimone della morte di Cuneo Dominique. Muore a Franklin (Stati Uniti) il 10/4/1837. L’atto di morte, dopo   sentenza del tribunale civile di Bastia, viene registrato alla Marie di Bastia dalla madre, giornaliera vedova, il   4/9/1838.

  1. Sabatini Giovan Battista

  Nato a Capraia l’8/6/1769 da Sabadini Gio Domenico e da Cunio Maria Agostina. Sposa a Capraia il 5/10/1807   Bargone Maria Girolama. Il 28/5/1816, marinaio, dichiara alla Mairie di Bastia di voler fissare il suo domicilio   politico in quella città, dichiarazione che rinnova il 12/6/1816. Il 23/7/1816 scrive al Ministero di Giustizia per   chiedere la naturalizzazione dichiarando di aver navigato per molti anni su bastimenti francesi. Il 25/12/1816 gli   viene accordato il domicilio in Francia. Il 24/4/1824, marinaio dimorante e domiciliato a Bastia è testimone del   matrimonio di Lai Maria Felicia e Paoli Philippe. Il 12/9/1824 muore a Bastia a Saint Charles, la figlia Marie   Antoinette di anni 2 mesi 3 e giorni 12, testimoni Cuneo Francesco Antonio negoziante abitante alla rue du   Mole di anni 32 e Princivalle Giuseppe marinaio abitante alla rue du Vieux Marchè di anni 52.

  1. Sabatini Giovanni Leonardo

  Nato a Capraia il 19/3/1806 da Sabatini Paolo e Lamberti Lucia. Il 8/7/1826, commerciante e residente a   Bastia, sposa, presenti i genitori, Sanguinetti Maria Caterina di Bastia. Conciatore, abitante e domiciliato a   Bastia, nella Cittadella. Il 31/8/1831 gli muore la figlia Marie Benoite.  Muore a Calvi, rue Saint Charles, il   22/11/1837.

  1. Sabatini Giuseppe

  Nato a Capraia il 21/12/1809 da Sabatini Giovanni Domenico e da Lamberti Giovanna. Il 12/9/1832, calzolaio   dimorante a Bastia, testimonia la morte di Bargone Agostino. Il 29/12/1833, calzolaio domiciliato a Bastia,   sposa, presente la madre e il padre defunto, Vicensini Marie Assomption di Bastia.

  1. Sabatini Giuseppe

  Nato a Capraia Il 5/3/1785 da Sabadini Giuseppe e da Cuneo Giovanna di Andrea. Marinaio, celibe, vive in   località la Parrocchia. Sposato con Cuneo Maria Caterina. Nel 1844 abita a Meria con la moglie e la figlia   Sabatini Angelica Maria. Nel Censimento del 1846 di Meria è registrato come falegname e ha un figlio Giovanni   Domenico di anni 19 e una figlia Giuseppina di anni 17.

  1. Sabatini Giuseppe

  Nato a Capraia. Sposato con Morgana Maria. Il 5/11/1862, ex militare residente a Bastia, è presente alle nozze   della figlia Sabatini Maria Giuseppina.

  1. Sabatini Giuseppe Maria

  Nato a Capraia Il 25/2/1771 da Sabadini Gio Domenico e da Cuneo Maria Agostina. Il 17/10/1800 sposa a   Capraia Chiama Caterina di Antonio. Nel 1803 (anno 11) viene iscritto come mastro al piccolo cabotaggio nei   registri di Capraia.  Tra il 1808 e il 1813, iscritto nei registri di Capraia, comanda la feluca San Leonardo. Il   25/4/1808, dopo aver passato un esame dettagliato sulle sue conoscenze marinare, viene iscritto come mastro   al piccolo cabotaggio nei registri di Bastia. Il 20/3/1812 dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il suo   domicilio politica in quella città, dichiarazione che rinnova il 6/2/1816.  Nello stesso mese scrive al Ministero di   Giustizia per chiedere la naturalizzazione. Il 15/6/1816 L’intendente di Marina a Tolone scrive al Ministero di   Giustizia dichiarando che Sabatini Giuseppe Maria si è trasferito a Bastia, non appena Capraia ha cessato di   essere francese, con la moglie e i suoi due figli, e che momentaneamente la moglie è rientrata a Capraia per   sbrigare alcuni affari di famiglia.  Il 20/11/1816 riceve il permesso di domicilio in Francia. Il 22/6/1820, padrone   di un postale, gli muore a Bastia il figlio Jean Leonard di mesi 1 e dieci giorni, testimoni Solari Giuseppe   marinaio, e Solari Giuseppe padrone marittimo di Capraia.[31]

  1. Sabatini Leonardo

  Nato a Capraia. Il 12/4/1810, mercante, è testimone della morte di Cuneo Paola.

  1. Sabatini Leonardo

  Nato a Capraia circa 1753 da Sabattini Giuliano. Il 9/6/1778 sposa ad Aiaccio nell’Oratorio di S. Rocco.   Lambroschini Maria Antonia.

  1. Sabatini Maddalena

  Nata a Capraia. Sposata con Princivalle Leonardo. Il 16/7/1837, muore a Bastia il marito marinaio di anni 41.   Dimora in rue du Viex Marché.

  1. Sabatini Maria

  Nata a Capraia il 14/10/1793 da Sabattini Giuseppe q. Giuseppe e da Cuneo Giovanna q. Andrea. Il 16/6/1819   sposa ad Aiaccio Bastianelli Sebastiano. Il padre è defunto la madre è presente al matrimonio. La sposa abita   in località Forcone in Aiaccio.

  1. Sabatini Maria

  Nata a Capraia il 22/8/1809 da Sabatini Paolo e Lamberti Lucia. Il 24/11/1827, naturalizzata francese e   domiciliata a Bastia, sposa a Bastia alla presenza dei genitori, Cuneo Andrea. Muore a Vescovato il 6/4/1875.

  1. Sabatini Maria

  Nata a Capraia il 22/11/1781 da Sabadino Gio Batta q. Domenico e da Sussone Caterina di Agostino. Sposata   con Cassinelli Domenico.  Muore all’Algaiola il 23/8/1843.

  1. Sabatini Maria Francesca

  Nata a Capraia il 2/8/1815 da Sabatini Giuseppe e da Cuneo Caterina. Il 7/5/1835 sposa a Meria Morazzani   Francesco Andrea. Muore a Meria il 28/5/1847

  1. Sabatini Maria Giuseppa

  Nata a Capraia il 13/7/1789 da Sabadini Gio Leonardo q. Domenico e da Ferandi Angela Maria q. Domenico.   Sposata con Sabatini Paolo. Muore a Bastia, rue Saint Charles il 13/11/1855.

  1. Sabatini Maria Giuseppa

  Nata a Capraia. Il 28/8/1809 sposa a Capraia Princivalle Nicola.

  1. Sabatini Maria Giuseppina

  Nata a Capraia il 22/5/1836 da Sabatini Giuseppe e da Morgana Maria. Il 5/11/1862 sposa a Bastia Marcelli   Pasquale, alla presenza del padre, già militare, residente a Bastia, la madre defunta.

  1. Sabatini Paolo

  Nato a Capraia il 9/3/1769 da Sabatini Giovanni Leonardo e Austini Maria. Il 13/8/1799 sposa a Capraia   Lamberti Lucia di Gio Batta. Il 29/5/1816 dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico   in quella città, dichiarazione che rinnova il 12/6/1816 e il 25/7/1816. Il 23/7/1816, marinaio, scrive al Ministero   di Giustizia per richiedere la naturalizzazione dichiarando di aver navigato per molto tempo sui bastimenti   francesi. Il 17/9/1817 riscrive al Ministero di Giustizia lamentando che la sua richiesta non sia stata ancora   considerata mentre altri suoi compatrioti hanno già ricevuto la naturalizzazione, dichiara inoltre di aver navigato   per circa 30 anni sui bastimenti postali francesi tra la Corsica e la Francia e sui bastimenti mercantili francesi.   Ottiene il permesso di domicilio il 25/2/1818. Secondo il censimento del 1818 risiede in Bastia (Terra Nuova)   marinaio di anni 40 con la moglie Lamberti Lucia di anni 45 e ha due figli di anni 12 e 11. Il 24/11/1827   presenzia a Bastia alle nozze della figlia Sabbatini Maria con Cuneo Andrea. Il 27/6/1832, commerciante,   testimonia la morte di Cuneo Barthelemy.[32]Muore, vedovo, a Bastia, rue Saint Charles il 11/4/1856.

  1. Santone Antonio Giuseppe

  Nato a Capraia nel 1787. Il 18/-/1827 residente a Venzolasca, giardiniere testimonia la nascita di Tardi   Silvestre.

  1. Santone Chiara Maria

  Nata a Capraia il 14/9/1776 da Santone Giuseppe di Anton Giuseppe e da Gregorj Angela Maria q. Gio   Leonardo. Il 26/7/1799 sposa a Capraia Colombani Giovanni Tommaso. Muore a Bastia il 29/12/1814, sono   testimoni Osè Andrè marinaio di Bastia di anni 41 e Olivieri Antonio nativo di Capraia marinaio di anni 51   dimorante a Bastia.

  1. Santone Maria Caterina

  Nata a Capraia il 5/5/1791 da Santone Giuseppe di Anton Giuseppe e da Gregorj Angela Maria q. Stefano 1791.   Sposa Gian Tomaso Colombani.

  1. Santone Giuliano

  Nato a Capraia il 15/11/1783 da Santone Giuseppe e Gregorj Angelica Maria. Giornaliero domiciliato a Bastia   dal 1813, il 23/12/1824 sposa a Bastia la capraiese Solari Maria. Testimone Colombani Giovanni Tommaso,   cognato dello sposo, marinaio di anni 50. Il 7/5/1828, rivenditore al Vieux Marchè, gli muore a Bastia, la figlia   Marie Magdalene di un anno e due mesi, testimone Raffi Giuseppe Maria, padrone marittimo di anni 25 abitante   a Saint Charles e Lamberti Giovanni, marinaio di anni 24 abitante a Saint Jean.

  1. Sarzana Giovanna.

  Nata a Capraia il 24/—/1797 da Sarzana Antonio e Sesini Maria Agostina. Il 27/10/1827 sposa a Bastia, dove   risiede, Vincensini Jean, preposto delle Dogane Reali in Corsica, nativo di Aiaccio.

  1. Sarzana Giuseppe

  Nato a Capraia nel 1802. Il 18/-/1827 residente a Venzolasca, venditore ambulante, testimonia la nascita di Tardi      Silvestre.

  1. Sarzana Giuseppe

  Nato a Capraia nel 1745. Sposato con Rogliani Marie Ursule. Il 14/11/1811, marinaio dimorante a Bastia   testimonia la morte di Princivalle Maddalena. Muore a Bastia il 22/4/1825. Il 10/12/1826 muore a Bastia la   figlia Sarzana Maria Devota? di anni 35.

  1. Sarzana Maddalena

  Nata a Capraia nel 1786 da Sarzana Domenico e Chiama Maddalena. Sposata con Solari Giuseppe. Il   14/7/1834, muore a Bastia dove abita in rue Saint Charles, testimone Sabatini Giuseppe, calzolaio di anni 24.

  1. Sarzana Padovano

  Nasce a Capraia il 20/6/1764 da Sarzana Pasquale e di Olivieri Caterina. Il 26/4/1789 sposa a Capraia Cuneo   Caterina q. Domenico. Nel 1809 è marinaio sul leudo Assunzione e nel 1813 sul leudo San Leonardo (base   Capraia). Nel 1808 è testimone a Bastia alle nozze di Princivalle Stefano.

  1. Sesini Andrea

  Nato a Capraia nel 1802 da Susini Guglielmo e Cuneo Maddalena

  1. Sesini Angela Maria

  Nata a Capraia il 15/8/1799 da Sesini Giovanni Gerolamo, e da Cuneo Maddalena q. Andrea. Il 13/8/1825,   naturalizzata francese sposa a Bastia Sesini (Susini) Francesco, marinaio, nato a Capraia il 6/8/1797 figlio di   Sesini Francesco e di Cuneo Maria Caterina.

  1. Sesini Angela Maria

  Nata a Capraia circa 1762. Sposata a Capraia con Sussone Antonio. Nel 1818 risiede a Santa Reparata di   Balagna con 3 figli e una figlia. Muore a Santa Reparata di Balagna il 15/5/1819.

  1. Sesini Bartolomeo

  Nato a Capraia il 12/6/1755. Il 27/4/ 1783 sposa a Bastia, nella chiesa di San Giovanni Battista in Terra Vecchia,   Lombardi Marie Agnese. Il 31/5/1783 il re Luigi XVI scrive al Ministro della Marina che, al seguito di una richiesta   di Susini Bartolomeo pur essendo straniero ma avendo presentato domanda di naturalizzazione di essere   autorizzato a comandare vascelli francesi, gli concede quanto da lui richiesto. Il 1/10/1783 gli viene affidato il   comando della feluca La Rosée, del servizio di Dogana in Corsica, in sostituzione dello zio Susini Gerolamo,   anziano e infermo, con il compito di sorvegliare che non vengano introdotte in Corsica merci proibite e del caso   confiscarle insieme ai bastimenti e di redigere un processo verbale. Il 28/4/1787 gli viene affidato il comando   della tartana La Prudence destinata al trasporto del sale per conto della dogana di Bastia con uno stipendio di   100 Lire/mese. Il 2/4/1800 viene iscritto nei ruoli di marina di Bastia come Capitano di lungo corso e di gran   cabotaggio. Il 25/7/1805 il Ministro della marina gli rinnova l’iscrizione. Il 4/11/1807 capitano marittimo   domiciliato a Bastia, è testimonio delle nozze di Subrero Catherine con Thier Francois. Il 26/6/1817 scrive al   Ministero di Giustizia per chiedere una nuova lettera di naturalizzazione. Lo stesso giorno l’ufficio delle imposte   dirette di Bastia certifica che ha regolarmente pagato le imposte personale e sugli immobili per gli anni 1813-  1816. Il 27/6/1817 la Marie di Bastia certifica che ha sempre avuto una condotta saggia e regolare dimostrando   attaccamento e devozione per il re Luigi XVIII e la casa dei Borboni. Il 22/8/1817 il commissario di marina di   Bastia certifica che è domiciliato a Bastia dal 1772, possiede una importante panetteria. La domanda di rinnovo   della naturalizzazione viene accolta con decreto reale del 29/10/1817.[33]

  1. Sesini Francesco

  Nato a Capraia il 6/8/1797 figlio di Sesini Francesco e di Cuneo Maria Caterina. Il 13/8/1825, marinaio in   Bastia, si sposa a Bastia, il padre defunto la madre presente al matrimonio, con Sesini (Susini) Angela Maria,   naturalizzata francese, nata a Capraia il 15/8/1799 da Sesini Giovanni Gerolamo, presente al matrimonio, e   da Cuneo Maddalena defunta. Testimoni Cuneo Gaspare di anni 41 commerciante e Trama Costanzo di anni   28 marinaio, dimoranti e domiciliati in Bastia. Il 29/8/1831 muore la figlia Magdalene di giorni 1. Il 13/10/1840   muore in rue Saint Charles la figlia Marie Catherine nata il 12/10/1840.

  1. Sesini Giovanni Gerolamo

  Nato a Capraia il 31/8/1761 da Sesini Andrea e Cuneo Caterina. Il 22/7/1788 sposa a Capraia Cuneo   Maddalena di Andrea. Il 23/3/1812 dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il proprio domicilio politico in   quella città. Marinaio di 3° classe, il 13/7/1816 presenta domanda di naturalizzazione dichiarando di essersi   stabilito con la sua numerosa famiglia a Bastia da 20 anni circa e di aver navigato su bastimenti francesi. Il   23/10/1816 ottiene il permesso di domicilio a Bastia. Il 12/4/1832 è imbarcato come marinaio sulla bombarda   francese L’Heureuse Luise che naufraga davanti a Cannes. Avendo perduto nel naufragio tutti i suoi documenti   l’8/3/1834 chiede al Ministro della Giustizia una copia del certificato di naturalizzazione (sic). Muore a Bastia,   rue Saint Charles, vedovo il 4/10/1843.[34]

  1. Sesini Maria

  Nata a Capraia circa 1769 da Andrea. Il 15/6/1793 sposa a Capraia Bargone Antonio Domenico. Il 28/9/1796   nasce a Capraia il figlio Bargone Gio Leonardo. Muore a Bastia il 13/9/1814 in rue Juliette, vedova.

  1. Sesini Maria Giuseppa

  Nata a Capraia nel 1782? da Gio Francesco. Il 15/11/1796 sposa a Capraia Lamberti Antonio q. Andrea. Il   24/2/1821 è presente a Bastia alle nozze della figlia Lamberti Maria Francesca con il capraiese Cuneo   Domenico.Muore, vedova, a Bastia, rue du Vieux Marchè dove abita, il 5/2/1842.

  1. Sesini Maria Lucrezia

  Nata a Capraia il 26/7/1784 da Sesino Francesco q. Lorenzo e Cunio Maria Catterina q. Padovano. Il 22/8/1829   sposa a Bastia in seconde nozze, presente la madre il padre defunto, Righi Francois di Bastia, mulattiero.   Testimoni alle nozze Danove Stefano, marinaio di anni 31, e Cuneo Francesco, commerciante di anni 31   anni, abitanti e domiciliati a Bastia.

  1. Sesini Maria Padovana

  Nata a Capraia nel 1783. Sposata con Filippi Antonio nel 1779. Nel Censimento del 1818 risiede a Cateri con il   marito Filippi Antonio e tre figli, il primo Filippi Paolo nato a Capraia il 29/4/1805, il secondo Filippi Francesco   nato a Capraia il 8/10/1809, il terzo Filippi Filippo nato a Cateri il 4/7/1818. Solari (Maria) Agostina

  Nata a Capraia il 24/10/1809 da Solari Giuseppe e Olivieri Maria Agostina. Si trasferisce con i genitori all’Ile   Rousse

  1. Solari Angelica

  Nata a Capraia il 24/3/1798 da Solari Giovanni q. Bastiano e Subrero Maria Nicoletta q. Agostino, Sposata   con Tristani Francois Sauveur. Muore a Bastia il 20/6/1824. orfana di padre. Denuncia fatta dal fratello Solari   Bastiano.

  1. Solari Antonio

  Nato a Capraia il 3/3/1761 da Solari Giustiniano q. Giacomo e da Grimaldi Maria di Nicola. Sposato con Gregorj   Maria Giuseppa. Iscritto come marinaio nei ruoli di Capraia. È marinaio fino al 1809 e poi nel 1810 comanda la   gondola San Leonardo. Il 20/6/1817 dichiara alla Marie di Bastia di voler stabilire il proprio domicilio in quella   città, dichiarazione che rinnova il 28/6 e il 5/7/1817.Il 23/7/1817 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la   naturalizzazione. Il 10/4/1818 il referendario del Ministero C. De Mery appoggia la richiesta. Il 20/6/1818 il   commissario di marina di Bastia riferisce che abita a Bastia con tre figli e che ha inviato la moglie a Capraia per   disfarsi dei beni che ivi possiede e che commercia in grano. Il 19/8/1818 è autorizzato a stabilire il suo domicilio   in Francia.[35]

  1. Solari Bartolomeo

  Nato a Capraia nel 1755. Muore a Bastia il 7/5/1815, testimoni il cugino Solari Francesco, abitante a Bastia di   anni 48, e Olivieri Antonio, marinaio parente del defunto e abitante in Bastia di anni 60.

  1. Solari Bastiano (Sebastiano)

  Nato a Capraia circa 1808 da Solari Giovanni e Subrero Maria Nicoletta. Il 13/4/1834 sposa a Vescovato Chilini   Maria Caterina, il padre defunto la madre vivente, entrambi residenti a Bastia. Muore a Bastia, calzolaio, il   25/6/1877.

  1. Solari Catterina

  Nata a Capraia il 15/8/1807 da Solari Giuseppe e Olivieri Maria Agostina. Si trasferisce con i genitori all’Ile   Rousse. Il 30/4/1831 sposa all’Ile Rousse Orsoni Dominique marinaio. Muore, vedova, il 2/3/1876 all’Ile Rousse   (Corsica) di professione rivenditrice.

  1. Solari Caterina

  Nata a Capraia. Sposata con Lamberti Principio. Il 25/7/1819, a Bastia dove abita con il marito, è presente   alle nozze della figlia Lamberti Maddalena.

  1. Solari Chiara Maria

  Nata a Capraia circa 1767. Sposata con Solari Domenico Nel 1821, negoziante e residente nel borgo di   Aiaccio, e presente a Sant’Andrea d’Orcino alle nozze della figlia Solari Elisabetta. Muore a Sant’Andrea   d’Orcino il 19/3/1827

  1. Solari Domenico

  Nato a Capraia nel 1749. Il 9/3/1817, marinaio, dichiara la nascita di Rogliano Geronimo figlio di Rogliano   Francesco, marinaio assente, e di Solari Vittoria.

  1. Solari Domenico

  Nasce a Capraia il 7/7/1791 da Solari Francesco Maria e da Princivalle Margherita Il 19/9/1814 sposa a Loreto   di Casinca Antonini Laura Maria. Nel Censimento 1818 è indicato come lavorante di anni 30, la sposa ha 32 anni,   e ha una figlia di 3 anni.

  1. Solari Domenico

  Nato a Capraia circa 1799 da Solari Domenico e da — Chiara Maria. Sposato con Monachetti Caterina. Muore,   carrettiere, ad Ajaccio il 17/5/1844, rue Fesch.

  1. Solari Domenico

  Nato a Capraia il 18/2/1756 da Solari Giovanni e da Subrero Giuseppa Maria. Sposato con Solari Chiara Maria.   Tra il 1802 e il 1809 si trasferice con la famiglia ad Aiaccio. Il 4/1/1821, padrone e negoziante e residente nel   borgo di Aiaccio, è presente a Sant’Andrea d’Orcino alle nozze della figlia Solari Elisabetta. Muore, negoziante,   a Sant’Andrea D’Orcino il 14/10/1826, la moglie vivente.

  1. Solari Domenico

  Nato a Capraia il 25/11/1802 da Solari Domenico e da Solari Chiara Maria. Il 27/10/1830, giornaliero sposa a   Sant’Andrea d’Orcino, dove dimora, Casanova Brigida.

  1. Solari Elisabetta.

  Nata a Capraia il 30/1/1798 da Solari Domenico q. Gio e da Giovannetti Chiara Maria q. Nicola. Il 4/1/1821,   negoziante domiciliata nel borgo di Ajaccio, sposa a Sant’Andrea di Orcino Casanova Francesco Saverio.

  1. Solari Francesco Maria

  Nato a Capraia il 6/12/1757 da Solari Domenico e da Compiano Maria Giuseppa. Nel 1803-1804 è iscritto nel   ruolo dei marinai di Capraia. Sposato con Princivalle Margherita. A Capraia abita in località Lazzareto. Il   24/4/1816, marinaio dimorante a Bastia è testimone della nascita di Princivalle Francois figlio di Princivalle Giuseppe Maria. Muore a Loreto di Casinca il 23/8/1816.

  1. Solari Giovanna

  Nata Capraia il 2/5/1782 da Solari Maria e Austini Mara? Il 17/2/1814 sposa a Bastia Olivieri Antonio, i genitori   sono deceduti e lavora come serva presso Curiani —, che assiste al matrimonio.

  1. Solari Giovanna

  Nata a Capraia il 20/11/1802 da Solari Antonio e da Trama Maria. Il 3/5/1819 sposa a Venzolasca il capraiese   Tardi Silvestro. Muore a Venzolasca il 20/10/1859.

  1. Solari Giovanni

  Nato a Capraia. Sposato con Subrero Maria Nicoletta. Marinaio.

  1. Solari Giovanni Girolamo

  Nato a Capraia il 25/10/1808 da Solari Giuseppe q. Giovanni Girolamo e da Paoletti Francesca Maria. Nel 1846   risiede a Venzolasca, coltivatore, con la moglie Grottiete Margherita e i figli Maria Agostina Maria Domenica,   e Nicola. Muore a Venzolasca nel 1847.

  1. Solari Giovanni Tommaso

  Nato a Capraia da Solari Giustiniano. Il 28/7/1775 sposa a Capraia Tarascone Lucia di Gio Leonardo. Marinaio   già deceduto nel 1812.

  1. Solari Giuseppe

  Nato a Capraia il 12/10/1766 da Solari Giustiniano q. Giacomo e da Grimaldi Maria q. Nicolao. Il 19/6/1817,   capitano marittimo e negoziante, dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico in detta   città insieme alla sua famiglia composta di sette persone, dichiarazione che rinnova il 26/6 e il 4/7/1817. Il   28/5/1818 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione. Il 7/91818 il Syndic della gente di   mare di Bastia certifica che Solari Giuseppe, dopo che Capraia è passata al Regno Sardo, si è trasferito con la   moglie e due figlie a Bastia; le figlie sono a Bastia mentre la moglie è a Capraia per vendere i loro beni e poi   rientrare a Bastia; il suddetto è un antico mastro al piccolo cabotaggio e attualmente si trova a Marsiglia; è un   piccolo commerciante di formaggio ma vorrebbe ritornare a navigare sui bastimenti francesi. Il 4/11/1818 gli   viene concesso di stabilire il suo domicilio in Francia. Il 24/2/1821 commerciante dimorante e domiciliato a   Bastia è testimone delle nozze di Cuneo Domenico.[36]

  1. Solari Giuseppe

Nato a Capraia nel 1780? da Solari Giustiniano. Il 9/1/1796 sposa a Capraia Olivieri Maria Agostina di Michele. Il 10/1/1815, marinaio, dichiara all’Ile Rousse la nascita del figlio Michele. Secondo il censimento del 1818 vive a l’Ile Rousse, marinaio di anni 40, con la moglie Olivieri Maria Agostina di anni 36, due figli di 16 e 9 anni, quattro figlie di 17, 15, 9, 6 anni. Il 20/1/1820 muore all’Isola Rossa il figlio Solari Giustiniano di anni 18. Il 13/4/1823 è presente con la moglie al Matrimonio della figlia Solari Maria con Mancini Pierre. Il 30/4/1831 è presente, all’Ile Rousse, alle nozze della figlia maggiore Solari Caterina con Orsoni Domenico. Secondo il censimento del 1846 vive a L’Ile Rousse, ha 66 anni, ha una moglie Olivieri Maria Agostina (Clara) di anni 62 e una figlia Solari Agostina di anni 33. Muore all’Ile Rousse il 20/1/1853.

  1. Solari Giuseppe

Nato a Capraia circa 1805 da Solari Francesco Maria e da Princivalle Margherita. Il 30/12/1832 sposa a Loreto di Casinca Mattei Maria Caterina. Dal matrimonio nascono la figlia Solari Nunzia Maria, il figlio Solari Francesco Maria, e la figlia Solari Giulia. Muore a Loreto di Casinca il 17/12/1845.

  1. Solari Giuseppina Maria

Nata a Capraia circa 1792 da Solari Giuseppe e da Artisi Maria Domenica. Sposata con Gallettini Carlo. Muore a Loreto di Casinca il 4/8/1867.

  1. Solari Lucia

Nata a Capraia circa 1789 da Solari Antonio e Trama Maria. Muore a Venzolasca il 7/10/1845.

  1. Solari Margherita

Nata a Capraia nel 1765 da Solari Giuseppe e — Maria. Sposata con Bernardini Simone. Muore a Bastia, in rue Pontetto il 12/3/1839, testimonio Sabbatini Giuseppe, calzolaio, di anni 32.

  1. Solari Maria

Nata a Capraia nel 1734. Moglie di Solari Lucca, marinaio. Muore a Bastia il 15/11/1809. Sono testimoni Cuneo Giuseppe di anni 60, marinaio, (di anni 30), e Colombani Angelo marinaio di anni 33.

  1. Solari Maria

Nata a Capraia nel 1767. Il 18/-/1827 residente a Venzolasca, donna di casa, testimonia la data di nascita di Tardi Silvestre. Muore a Venzolasca il 25/11/1831.

  1. Solari Maria

Nata a Capraia circa 1798 da Solari Giuseppe e Olivieri Maria Agostina. Il 13/4/1823, sposa, i genitori presenti, a L’Ile Rousse Mancini Pierre proprietario. Muore a L’Ile Rousse il 29/12/1742, i genitori viventi.

  1. Solari Maria

Nata a Capraia il 16/2/1800 da Solari Antonio di Giustiniano e da Subrero Maddalena q. Agostino. Il 23/12/1824 sposa a Bastia il capraiese Santone Giuliano. La sposa non sa scrivere.

  1. Solari Maria Caterina

Nata a Capraia il 9/5/1773 da Solari Giovanni Girolamo q. Giacomo e Grimaldi Margherita di Nicheroso. Sposata con Lamberti Principio. Muore a Bastia il 23/2/1825, testimone Raffo Giuseppe Maria marinaio di anni 22 abitante a Saint Charles.

  1. Solari Maria Caterina

Nata a Capraia. Sposata con Lamberti Francesco. Il 16/2/1814 nasce a Bastia la figlia Louise Nonce Marie che muore Il 25/1/1817 a Bastia.

  1. Solari Maria Domenica

Nata a Capraia nel 1778. Sposata con Princivalle Giuseppe. Il 15/10/1838 muore a Bastia il marito Princivalle Giuseppe.

  1. Solari Maria Domenica

Nasce a Capraia il 9/3/1783 da Solari Natale q. Giustiniano e Tardi Maria Francesca di Silvestro. Sposa Luccari Nicola. Muore a Cagnano (Corsica) il 23/4/1832.

  1. Solari Maria Giuseppa

Nata a Capraia circa 1792 da Solari Giuseppe e da Artisi Maria Domenica. Sposata con Gallettini Carlo Muore a Loreto di Casinca il 4/8/1867

  1. Solari Maria Giuseppina

Nata a Capraia. Sposata con Morgana Giovanni Battista. Il 6/12/1827 nasce a Capraia il figlio Morgana Giuseppe Ambrogio. Nel 1854 risiede con il marito a Bastia. Muore a Loreto di Casinca il 3/1/1860

  1. Solari Maria Giuseppina

Nata a Capraia il 26/9/1783 da Solari Gio Tommaso e Tarascone Lucia di Gio Leonardo. Il 26/3/1834, domiciliata a Bastia, sposa il vedovo Olivieri Giovanni Battista nativo di Capraia. Muore a Bastia, rue Giulietta, vedova donna di casa, il 12/3/1847.

Nata a Capraia. Sposa a Capraia Grimaldi Stefano q. Girolamo. Il 6/7/1815, vedova, abita a Murato da dove invia il suo consenso alle nozze della figlia Grimaldi Margherita, che abita a Bastia.

  1. Solari Maria Lucrezia

Nata a Capraia il 12/7/1776 da Solari Gio Santo q. Domenico e da Chiama Maria Antonia di Simone. Il 18/-/1827 residente a Venzolasca, testimonia la nascita di Tardi Silvestre nato a Capraia.

  1. Solari Sebastiano

Nato a Capraia circa 1803 da Solari Giuseppe e da Fabreri Maria Nicoletta. Il 13/4/1834 sposa a Vescovato Chilini Marie Catherine.

  1. Solari (Maria) Vittoria

Nata a Capraia nel 1769 da Solari Giuseppe Maria e Subrero Maria Giuseppina. Moglie di Olivieri Antonio. Muore il 5/4/1813 a Bastia in rue du Vieux Marché.

  1. Subrero Giuseppe

Nato a Capraia nel 1756 figlio di Subrero Gerolamo e — Maria Lucia. Sposato con Bonavia Marie Josephine. Il 15/5/1794, mercante abitante in località Fontanavecchia in Bastia, gli nascono due gemelle Maria Vincenza e Mariafiore. Il 4/11/1807 è presente a Bastia con la moglie alle nozze della figlia Catherine di anni venti nata a Bastia, con Thier Francois nativo di Ville Vielle, dipartimento delle Hautes Alpes, domiciliato a Bastia, arrotino di professione, testimone il capraiese Susini Bartolomeo capitano marittimo domiciliato a Bastia di anni 50. Il 15/1/1809, mercante, è testimone della morte di Romaroni Maria Giuseppina. Il 3/1/1816 in Bastia, consente alle nozze di Biaggini Angelo, di cui è zio germano, con Bernardini Elisabetta. Muore a Bastia, località Fontanavecchia, vedovo, il 6/10/1822.

  1. Subrero Giuseppe Maria

Nasce a Capraia il 6/12/1748 da Subrero Nicola. Il 13/10/1773 sposa a Capraia Bargone Maria Giuseppa nata il 27/10/1745. Ebbero quattro figli tutti nati a Capraia: Subrero Nicola (30/11/1776), Subrero Giuseppe Maria (26/3/1784), Subrero Maria Agostina (5/9/1786) e Subrero Maddalena (22/5/1792). Il 8/7/1791 ottiene la naturalizzazione francese e 31/3/1792 viene registrato come capitano o padrone marittimo presso l’Ammiragliato di Bastia. Il 9/11/1792 è imbarcato sul vascello Conception. Probabilmente tra il marzo e il novembre 1792 trasferisce la moglie e le due figlie a Bastia.

  1. Subrero Maddalena

Nata a Capraia il 22/5/1792 (22/5/1788) figlia di Subrero Giuseppe e di Bargone Maria Giuseppa q. Giuseppe Maria. Il 23/8/1814 sposa a Bastia Cuneo Simone, naturalizzata francese, il padre defunto la madre presente e consenziente, sono testimoni Danove Giuseppe di Capraia, padrone marittimo di 39 anni, abitante a Bastia, e Olivieri Antonio Giuseppe di Capraia, di 40 anni, marinaio abitante a Bastia che non sa scrivere e firmare. Muore a Pino il 13/1/1834

  1. Subrero Margherita

Nata a Capraia nel 1752. Sposata con Bernardini Paolo. Il 10/10/1809 sbarca a Rogliano, proveniente da Capraia con il leudo L’Annunciazione, insieme a cinque figli. Il 12/5/1813, vedova, dichiara alla Mairie di Bastia di voler stabilire il suo domicilio politico, insieme ai figli Bernardini Bernardino di anni 14 e Bernardini Giovanni Domenico di anni 11, in quella città, dichiarazione che ribadisce il 17/7/1816. Nel luglio del 1816 scrive al Ministero di Giustizia dichiarando che i suoi due figli hanno sempre navigato su bastimenti francesi e di avere anche due figlie. Il 30/9/1816 il Prefetto della Corsica certifica che essa gode di buona reputazione e che oltre ai due figli suddetti ne ha un terzo, Bernardini Agostino, che è appena arrivato dall’Inghilterra e che gode di buona reputazione. Il 23/10/1816 gli viene concesso il domicilio in Francia assieme ai due figli e Giovanni Domenico Muore a Bastia, rue du Marché, il 30/1/1832, testimone Costa Domenico marinaio di anni 30.[37]

  1. Subrero Maria Agostina

Nata a Capraia il 4/9/1786 figlia di Subrero Giuseppe e di Bargone Maria Giuseppa. Il 19/9/1810 sposa a Bastia Serpentini Pompeo. Al momento del matrimonio è naturalizzata francese, madre presente e consenziente e padre defunto.

  1. Subrero Maria Antonia

Nata a Capraia il 2/10/1791 da Costa Domenico di Emanuelle e da Subrero Maria Rosa di Gio Domenico. Il 23/4/1816, domestica, sposa a Bastia Giannettini Jean Antoine di Bastia, il padre defunto, la madre presente e consenziente.

  1. Subrero Maria Nicoletta

Nata a Capraia nel 1776. Sposata con Solari Giovanni, marinaio. Muore a Bastia, rue Napoleon, giornaliera e vedova il 7/4/1846.

  1. Subrero Maria Rosa

Nata a Capraia nel 1772? da Subrero Nicola e — Lucia. Il 10/9/1788 sposa a Capraia Costa Domenico di Emanuelle marinaio. Il 23/4/1816, vedova, è presente a Bastia al matrimonio della figlia Costa Maria Antonietta con Giannettini Jean Antoine. Muore a Bastia, rue Colonetta, vedova, il 2/10/1842.

  1. Susini Maria Giuseppa

Nata a Capraia nel 1782? da Gio Francesco. Il 15/11/1796 sposa a Capraia Lamberti Antonio q. Andrea. Il 24/2/1821 è presente a Bastia alle nozze della figlia Lamberti Maria Francesca con il capraiese Cuneo Domenico.Muore, vedova, a Bastia, rue du Vieux Marchè dove abita, il 5/2/1842.

  1. Sussone Agostino

Nato a Capraia il 1/9/1775 da Sussone Leonardo e da Federici Maria Luisa di Gasparo. L’8/9/1796 sposa a Capraia Bargone Maria Caterina di Domenico. Il 16/10/1817, capitano di lungo corso e grande cabotaggio si presenta alla Mairie di Calvi dichiarando di voler stabilire il proprio domicilio politico in detta città. Il 30/10 e il 3/11/1817 rinnova la dichiarazione. L’8/12/1817 scrive al Ministero di Giustizia per chiedere la naturalizzazione necessaria per continuare a navigare sui vascelli francesi, dichiarando di abitare a Calvi da circa 12 anni con la sua famiglia e d aver sempre navigato su vascelli francesi e di aver ottenuto il 25/4/1808 il brevetto di capitano di lungo corso e di gran cabotaggio di bastimenti commerciali dal Ministero della Marina, brevetto registrato all’iscrizione Marittima di Aiaccio il 25/5/1808. Ottiene la naturalizzazione il 28/2/1818. Il 13/3/1820, marinaio, gli muore a Bastia il figlio Sussone Antoine Joseph di anni 5, testimone Raffi Giovanni Battista.

  1. Sussone Antonio

Nato a Capraia il 13/5/1748 da Sussone Giovanni e Ferandi Barbara. Sposa a Capraia Sesini Angela Maria. A Capraia nascono i figli Sussone Elisabetta, Sussone Domenico, Sussone Leonardo, e Sussone Barbara Maria. Nel 1818, marinaio, risiede a Santa Reparata di Balagna con moglie e figli. Muore il 5/1/1823 a santa Reparata di Balagna.

  1. Sussone Barbara Maria

Nata a Capraia circa 1806 da Sussone Antonio e Sesini Angela Maria. Il 16/5/1829 sposa a L’Ile Rousse Jean Marie Boiron ex gendarme, presente il fratello Domenico e i genitori entrambi defunti.

  1. Sussone Caterina

Nata a Capraia. Sposa Cuneo Domenico.

  1. Sussone Catterina

Nata a Capraia circa 1783 da Sussone Pasquale. Il 21/11/1803 sposa a Capraia Austini (Agostini) Agostino.  Muore a Bastia il 22/7/1820 all’età di 37 anni.

  1. Sussone Domenico

Nato a Capraia il 14/2/1789 da Sussone Antonio e Sesini Angela Maria. Negoziante, sposa il 5/11/1820 a Santa Reparata di Balagna Olivi Marie Lucia. Muore a Santa Reparata di Balagna il 15/2/1867.

  1. Sussone Elisabetta

Nata a Capraia nel 1785? da Sussone Antonio e da Sesini Angela Maria. Muore il 17/11/1861 a Santa Reparata di Balagna.

  1. Sussone Francesco

Nato a Capraia il 21/3/1795 Sussone Francesco di Stefano e da Chiama Geronima di Giuseppe. Il 4/2/1816 dichiara alla Mairie dell’Isola Rossa che il 8/11/1815 gli è nato il figlio Suzzoni Giovan Battista partorito dalla moglie Subrini (Subrero) Orsola Maria.

  1. Sussone Gasparo Domenico

Nato a Capraia il 12/8/1778 da Sussone Leonardo di Agostino e da Federici Maria Luisa di Gasparo. Naviga come capitano su vascelli mercantili appartenenti alla famiglia. Il 31/7/1803 viene nominato capitano della compagnia franca di Capraia che il 22/4/1805 viene trasformata in compagnia cannonieri guardacoste sedentari. Il 11/2/1806 viene nominato comandante della compagnia 101bis dei cannonieri guardacoste della Corsica. Il 17/1/1808, capitano dei cannonieri guardacoste di Bastia, assente, gli nasce a Bastia, il figlio illegittimo Gaspard da — Anne Felix. Si dimette dal comando della compagnia per motivi personali il 1/6/1808.

  1. Sussone Gerolama

Moglie di Chiama Antonio Giuseppe.

  1. Sussone Giovanna

Nata a Capraia il 21/4/1783 da Sussone Stefano e Chiama Maria Geronima. Il 6/10/1811 sposa a Bastia Princivalle Giuseppe Maria, Il padre presente e la madre vivente.

  1. Sussone Leonardo

Nato a Capraia il 3/5/1794 da Sussone Antonio e Sesini Angela Maria. Il 16/5/1819 a Santa Reparata testimonia, insieme al padre, la morte della madre, ma non sa scrivere. Muore, marinaio, a L’Ile Rousse il 6/2/1741.

  1. Sussone (Giovanni) Leonardo

Nato a Capraia il 30/4/1800 da Sussone Pietro Giovanni e da Ferrandi Maria Stefania. Il 25/12/1816 ottiene il permesso di domicilio a Bastia richiesto per lui dal padre. Il 12/1/1830 marinaio domiciliato a Bastia, sposa, presenti i genitori naturalizzati francesi e domiciliati a Bastia, Olivieri Caterina nativa di Capraia. Sono testimoni Raffi Giuseppe Maria capitano marittimo di anni 25 parente in 3° grado della sposa e Gattuso Giovanni mastro carpentiere di anni 34 parente in 3°grado della sposa, entrambi domiciliati a Bastia.

  1. Sussone Leonardo

Nato a Capraia il 30/4/1800 da Sussone Pietro Giovanni e da Ferrandi Maria Stefania. Il 25/12/1816 ottiene il permesso di domicilio a Bastia richiesto per lui dal padre. Marinaio

  1. Sussone Leonardo

Nato a Capraia il 24/4/1731 da Sussone Pietro Gio q. Leonardo e da Chiama Lucrezia q. Lazzarino. Il 10/10/1811 testimonia a Bastia la morte del nipote Sussone Nicola.

  1. Sussone Leonardo

Nato a Capraia da Sussone Leonardo. Il 2/9/1799 sposa a Capraia Filippi Maria Giuseppa di Antonio. Il 29/7/1804 nasce a Capraia il figlio Sussone Leonardo. Il 18/2/1810 nasce a Capraia il figlio Nicola. Il 9/10/1811, marinaio dimorante a Bastia, gli muore il figlio Sussone Nicola.

  1. Sussone Leonardo

Nato a Capraia il 3/5/1794 da Sussone Antonio di Giuliano e da Sesini Angela Maria q. Domenico. Muore il 6/2/1841 a L’Ile Rousse, marinaio.

  1. Sussone Maria Domenica

Nata a Capraia da Sussone Antonio. Il 28/12/1796 sposa a Capraia Princivalle Giuseppe q. Giuseppe.

Il 9/10/1826 è presente a Bastia al matrimonio della figlia Princivalle Maria Maddalena con il capraiese Danove Domenico. Muore a Bastia, vedova abitante rue Fontaine, il 18/11/1855.

  1. Sussone Maria Francesca

Nata a Capraia. Sposata con Garbano Paolo, pescatore. Il 13/3/1805, a Bastia, con il marito dal consenso al matrimonio del figlio Garbano Anton Giuseppe, marinaro, nato a Capraia e residente a Bastia da molti anni, con Pianelli Maria Domenica

  1. Sussone Maria Stefania

Nata a Capraia il 18/8/1769 da Sussone Pasquale q. Stefano e da Colombano Maria. Sposata con Giovannetti Pasquale. Muore a Bastia il 18/3/1820, testimoni Olivieri Antonio Giuseppe, padrone di anni 43, e Cuneo Giuseppe Maria di anni 38, entrambi di Capraia.

  1. Sussone Nicola (Nicolao)

Nato a Capraia il 18/2/1810 da Sussone Leonardo e Filippi Maria Giuseppa. Muore a Bastia il 9/10/1811 il padre è marinaio dimorante con la moglie a Bastia. Testimoni Sussone Leonardo, marinaio nonno del defunto di anni 80, e Paoli Giovanni marinaio di anni 60, entrambi di Capraia.

  1. Sussone Pasquale

Nato a Capraia il 28/8/1795 da Sussone Stefano di Pasquale, padrone marittimo, e Cunio Giovanna q. Domenico. Il 6/6/1816 dichiara alla Marie di Bastia di avere 19 anni di essere uomo di mare e di voler fissare il domicilio politico in detta città. Rinnova la dichiarazione il 15/7 e il 25/7/181. Il 5/8/1817 scrive al ministro di Giustizia per chiedere la naturalizzazione che gli serve per essere iscritto nei ruoIi della marina e poter così aiutare la madre vedova che ha a suo carico una numerosa famiglia in giovane età. 1/9/1817, marinaio, presenta domanda di naturalizzazione. Il 9/8/1819, marinaio dimorante a Bastia, sposa Cambiaggio Antoinette Marie, nativa di Bastia. La madre dello sposo è presente al matrimonio.[38]

  1. Sussone Pietro

Nato il 17/9/1806 a Capraia da Sussone Pietro Giovanni e da Bargone Maria Stefana. Il 18/7/1849 si presenta al Sindaco di Brest dichiarando di risiedere in Francia dall’età di anni 7, di aver navigato come mozzo e marinaio su vascelli commerciali e di essere stato iscritto nei ruoli marittimi di Bastia fino al 7/2/1830. Dopo quella data si è arruolato come volontario per otto anni nella Divisione degli equipaggi militari a Tolone; arruolamento che ha rinnovato due volte, il secondo per cinque anni il 1/1/1847 a Brest dove tuttora presta servizio come secondo mastro cannoniere di seconda classe. La dichiarazione è fatta per ottenere la naturalizzazione. La dichiarazione viene presentata al Prefetto marittimo a Brest che a sua volta la trasmette, dando parere favorevole al Ministro della Marina. Il 10/9/1849 Il ministro della Marina chiede al Ministro di Giustizia di accordare al Sussone la naturalizzazione con la preghiera di accordargli uno sconto sulle tasse dovute. Il 27/9/1849 il Ministero di Giustizia gli concede la naturalizzazione e l’esenzione dal pagamento dei diritti.[39]

  1. Sussone Pietro Giovanni

Nato a Capraia il 30/5/1771 da Sussone Leonardo e Agostini Maria Giovanna q. Agostino. Il 4/2/1795 sposa a Capraia Ferandi Maria Giuseppa (Stefana) q. Giuseppe. A Capraia nascono i figli Sussone Giuseppe (10/4/1797) e Sussone Leonardo (11/4/1800). Il 29/5/1816 dichiara al Sindaco di Bastia di voler prendere il domicilio politico in detto comune insieme ai figli Giuseppe e Leonardo, dichiarazione che rinnova il 12/6/1816. Il 23/7/1816 scrive al Ministro di Giustizia a Parigi per chiedere la naturalizzazione per sé e i suoi due figli, necessaria per poter navigare sui vascelli francesi, dichiarando di aver navigato per molti anni sui vascelli francesi. Il 25/12/1816 gli viene concesso il permesso di domicilio insieme ai figli Giuseppe e Leonardo, mentre gli viene rifiutata la naturalizzazione in quanto non risiede in Francia da più di dieci anni. Secondo il Censimento del 1818 risiede a Bastia (Terra Vecchia), ha 40 anni, è sposato con Olivetti (sic) Maria Giuseppa di anni 46, ha due figli rispettivamente di anni 20 e 16. Il 24/4/1824, marinaio dimorante e domiciliato a Bastia è testimone del matrimonio di Lai Maria Felicia sua conoscente. Il 16/7/1828, a 57 anni, naturalizzato francese, vedovo di Ferandi Maria Giuseppa, morta a Capraia il 9/3/1828, sposa a Bastia Paoli Chiara Maria, nata a Capraia il 19/5/1781, residente a Bastia, figlia del fu Paoli Stefano e della fu Tardi Francesca Maria, testimone Bargone Giuseppe Maria, marinaio di anni 42. Il 21/4/1829 è testimone alla nascita di Filippi Antoine. Muore a Bastia, rue du Vieux Marché, il 17/4/1841.[40]

  1. Sussone Simone

Nato a Capraia il 30/10/1749 da Sussone Giovanni q. Stefano e da Chiama Maria Girolama q. Simone. Il 3/5/1809 testimonia a Bastia la morte di Chiama Giuseppe.

  1. Sussone Stefano

Nato a Capraia il 7/5/1747 da Sussone Giovanni q. Stefano e da Chiama Maria Girolama q. Simone. Il 13/10/1781 sposa a Capraia Chiama Maria Geronima q. Francesco. Padrone marittimo, risiede a Bastia dal 1801. Il 6/10/1811 si sposa a Bastia la figlia Sussone Giovanna nata a Capraia il 21/4/1783. Il 24/4/1816 è testimone della nascita di Princivalle Francois, figlio di Princivalle Giuseppe Maria.

  1. Sussone Stefano

Nato a Capraia il 19/3/1758 da Sussone Domenico e Chiama Maria. Sposato con Danove Maria Angela. Nel 1808 è marinaio sulla gondola La Pace, nel 1809 comanda la gondola San Leonardo e nel 1811 il brigantino L’Assunzione. Marinaio residente a Bastia, muore nel locale ospizio il 2/6/1817.

  1. Tarascone Maria Francesca

Nata a Capraia nel 1736. Muore miserabile nell’ospizio civile di Bastia il 20/4/1816.

  1. Tarascone Lucia

Nata a Capraia il 3/5/1756 da Tarascone Gio Leonardo e Sesino Maria Giuseppa. Il 28/7/1775 sposa a Capraia Solari Giovanni Tommaso di Giustiniano. Il 27/8/1812 muore vedova a Bastia dove dimora. Dichiarazione di morte fatta da De Franceschi Francesco Maria marinaio capraiese di 36 anni, parente della deceduta.

  1. Tardi Antonio

Nasce a Capraia il 21/5/1773 da Tardi Girolamo di Domenico e da Solari Giovanna q. Domenico. Il 1/1/1796 sposa a Capraia Princivalle Margherita q. Gio Batta. Il 29/4/1835 è presente a Bastia alle nozze del figlio Tardi Giovanni Battista.

  1. Tardi (Gio) Domenico

Nato a Capraia il 24/12/1755 da Tardi Angelo Maria e da Tarascone — Maria di Agostino. Marinaio. Sposato con Suzzoni Caterina. Nel 1811 è testimone a Bastia della morte di Bargone Angela Maria. Il 3/12/1835 muore a Bastia, marinaio e vedovo, abitante in rue Saint Charles, testimoni Princivalle Salvatore, marinaio e parente che non sa scrivere, e Olivieri Antonio Giuseppe, marinaio di anni 61

  1. Tardi Gerolamo

Nato a Capraia il 31/10/1797 da Tardi Antonio e Princivalle Margherita. Il 18/12/1825 sposa a Bastia, dove risiede da diciassette anni, Passalacqua Marie Pierre di Bastia. Il 12/10/1826 muore il figlio Antoine Francois di giorni 8, il padre è panettiere. Il 26/11/1827 nasce a Bastia il figlio Antoine Dominique. Il 28/4/1863 è presente con la moglie alle nozze a Bastia del figlio Antoine Dominique.

  1. Tardi Giovanna

Nata a Capraia il 25/5/1804 da Tardi Antonio di Girolamo e da Princivalle Margherita q. Gio. Muore a Bastia, rue du Fosso, orfana di madre, il 27/6/1831.

  1. Tardi Giovan Battista

Nato a Capraia il 6/6/1807 da Tardi Antonio e Princivalle Margherita. Il 29/4/1835, panettiere domiciliato a Bastia, sposa, presente il padre la madre defunta, Sisco Anne Marie di Bastia.

  1. Tardi Maria Geronima

Nata a Capraia. Sposata con Lamberti Francesco. È deceduta a Bastia prima delle nozze del figlio Lamberti Lorenzo svoltesi a Bastia il 23/4/1818.

  1. Tardi Maria Giuseppa

Nata a Capraia il 27/4/1784 da Tardi Michele di Silvestro e Biagini Maria Caterina q. Paolo. Il 12/5/1807 sposa a Capraia Osé Andrea marinaio. Il 16/2/1814 nasce a Bastia la figlia Marie Catherine che muore il 16/5/1817. Morto il primo marito, il 29/12/1832 sposa a Bastia Giovannucci Pier Paul Francois, pescatore di Bastia.

  1. Tardi Michele

Nato a Capraia nel 1752 da Tardi Bartolomeo e Filippi Caterina. Sposato con Filippi Caterina. Il 16/7/1822, abitante e domiciliato a Bastia, muore a bordo del postale l’Assomption, ancorato in località la Piantarella, dipartimento di Sartene. Stila la dichiarazione di morte il capitano comandante del vascello Raffi Jean Baptiste.

  1. Tardi Silvestro

Nato a Capraia il 14/2/1795 da Tardi Girolamo q. Silvestro e da Sabadini Maria Caterina di Gio Leonardo. Il 3/5/1819 sposa a Venzolasca la capraiese Solari Giovanna. Il 16/2/1827 presenta domanda di naturalizzazione dichiarando di risiedere a Venzolasca come lavoratore giornaliero da oltre 14 anni, secondo tre dichiarazioni successive rilasciate dal Sindaco di Venzolasca, Cantone di Casinca, Dipartimento di Bastia. Per la data di nascita ottiene la testimonianza giurata di Fasci Domenico, venditore ambulante di anni 37, Santone Giuseppe, giardiniere di anni 40, Solari Maria, donna di casa di anni 60, Sarzana Giuseppe, venditore ambulante di anni 25, Solari Lucrezia, di anni 50, Giorgi Lucia, giornaliera di anni 30, e — Maria Giuseppina di anni 30, tutti nativi di Capraia e residenti a Venzolasca. La domanda di naturalizzazione viene rifiutata per mancanza dei requisiti (10 anni in Francia prima della legge 1814) ma viene concesso il permesso di domicilio.[41] Muore a Venzolasca il 8/3/1851.

  1. Tomei Antonio Giuseppe

Nato a Capraia il 20/6/1761 da Tomei Antonio Giacomo q. Stefano e da Colombani Angela q. Antonio. Il 15/8/1790 sposa a Capraia Rinesi Giovanna di Giuseppe.  A Capraia abita in località Poggiolo. Marinaio, nei ruoli di Capraia, il 8/5/1804 imbarca sulla gondola S. Antonio, padrone Artisi Gian Francesco. Marinaio abitante a Bastia, il 27/8/1800 è presente e consenziente alle nozze della figlia Tomei Maria. Muore a Bastia rue du Vieux Marchè il 18/9/1818.

  1. Tomei Giuseppe

Nato a Capraia il 8/8/1805 da Tomei Antonio Giuseppe e Rinesi Giovanna. Il 29/8/1831, marinaio domiciliato a Bastia, sposa, il padre defunto e la madre presente, Princivalle Maria Francesca nativa di Capraia. Testimone Cuneo Giovanni Battista, falegname di anni 29, dimorante e domiciliato a Bastia.

  1. Tomei Maria

Nata a Capraia il 15/5/1800 da Tomei Antonio Giuseppe e Rinesi Giovanna. Il 27/8/1818 sposa a Bastia dove abita ed è domiciliata, presente il padre Tomei Antonio Giuseppe marinaio e la madre Rinesi Giovanna, entrambi abitanti a Bastia, Tavera Francois, nativo di Tavera (Corsica) di anni 38, doganiere a Bastia, testimoni Gallettini Nicola commerciante di anni 34 e Romaroni Girolamo commerciante di anni 35 abitanti e domiciliati a Bastia.

  1. Tomei Maria Caterina

Nata a Capraia il 27/12/1755 da Tomei Anton Giacomo e da Colombani Angela Maria. Il 19/8/1782 sposa a Bastia Bonavita Damiano. Muore vedova a Bastia, a San Rocco, il 16/12/1826.

  1. Trama Costanzo

Nato a Capraia il 26/5/1797 figlio di Trama Francesco e di Solari Maria Francesca.

Nel 1814 si imbarca come marinaio di 3° classe sul brick Incostant della marina elbana di Napoleone. Partecipa quindi al viaggio di ritorno in Francia di Napoleone. Assente il 19 maggio 1815 alla partenza del brick da Bastia. Il 19/11/1817 ottiene il certificato di domicilio in Francia insieme al padre. Marinaio naturalizzato francese abitante in Bastia, il 11/8/1825, presenti i genitori, sposa a Bastia De Filippi Maria Antonietta, nata a Capraia il 3/8/1795 dai fu De Filippi Antonio e Biaggini Maria Giuseppina, domiciliata a Bastia. Sono testimoni Cuneo Gaspare, commerciante di anni 40 e Suzzoni Pietro Giovanni marinaio di anni 53, entrambi con dimora a Bastia.

  1. Trama Francesco

Nato a Capraia il 2/1/1771 da Trama Costanzo, pescatore, di Napoli e da Benedetti Maria Lucia di Antonio di Bastia. Il 1/1/1795 sposa a Capraia Solari Maria Francesca q. Gio Girolamo. Marinaio, vive in località Poggiolo. Il 26/5/1797 nasce a Capraia il figlio Trama Costanzo. Il 28/12/1799 nasce a Capraia il figlio Trama Giovanni Girolamo. Il 22/7/1805 (3 termidoro anno XIII) nasce a Capraia la figlia Trama Maddalena.

Nel 1814 si imbarca come marinaio veterano di 1° classe sul brick Incostant della marina elbana di Napoleone. Viene poi promosso aiutante timoniere di 1a classe. Partecipa quindi al viaggio di ritorno in Francia di Napoleone. Sbarca a Tolone il 1° luglio 1815 e congedato l’8 luglio dal vascello Agamemnone dove era destinato. Il 29 maggio 1817 dichiara al Sindaco di Bastia di voler fissare la sua residenza in città con la famiglia, composta dalla moglie e dai figli Costanzo di anni 19, Giovanni Girolamo di anni 15, e due figlie Luisa e Maddalena. Il 6 giugno e il 20 giugno conferma la sua dichiarazione. Il 23/6/1817 scrive al Ministero di Giustizia per richiedere la naturalizzazione per sé e per i due figli maschi al fine di poter navigare sui vascelli francesi, specificando che risiede a Bastia da dodici anni. Il 16/9/1817 il commissario di marina di Bastia certifica che il Trama non è iscritto nei ruoli di Bastia ma che gode di buona reputazione. Il 19/11/1817 ottiene il certificato di domicilio. Muore il 4/4/1849.

  1. Trama Giovanni Girolamo

Nato a Capraia il 28/12/1799, figlio di Trama Francesco e di Solari Maria Francesca. Sposato con Rinesi Maria. Nel 1814 si imbarca come novizio sul brick incostant della marina elbana di Napoleone. Partecipa quindi al viaggio di ritorno in Francia di Napoleone. Sbarca il 1o luglio a Tolone e passa sul vascello Agamemnone, batteria flottante. Il 19/11/1817 ottiene il certificato di domicilio in Francia insieme al padre.  A Cagnano, dove risiede con la moglie, nascono i figli Francesco (11/9/1825) padrini di battesimo Rinesi Nicola e Trama Maddalena residenti a Bastia, Maria Giuseppa (15/1/1827) e Maria Cattarina (30/1/1830).

  1. Trama Maddalena

Nata a Capraia il 22/7/1805 (3 termidoro anno XIII) da Trama Francesco e Solari Maria Francesca. Il 11/9/1825 a Cagnano è madrina al battesimo del nipote Trama Francesco, risulta risiedere a Bastia.

  1. Trama Maria Lucia

Nata a Capraia da Trama Francesco e Solari Maria Francesca. Sposata con Rinesi Benedetto. A Cagnano dove abita nascono i figli Pasquale (16/1/1825) battezzato nella parrocchia di S. Giovanni, e Francesco (2/10/1826) battezzato nella chiesa di S. Fruttuoso.

  1. Valerj Maria Giovanna Domenica Bernardina

Nata a Capraia il 17/10/1798 da Valery Ambrogio di Brando e Gregory Maria Caterina q. Gio Leonardo. Il 24/2/1817 sposa a Bastia Leonetti Antoine Philippe. Il padre marinaio è assente. La madre è presente e consenziente.

 Roberto Moresco                         Gennaio 2020

 Fonti documentarie

  1. Certificati di Nascita e di matrimonio

Provengono dall’ Archivio Diocesano di Livorno, Parrocchia di Capraia Isola, che partono dal 1720 e dal sito https://www.haute-corse.fr/site/index.php?page=etat-civil per i comuni dell’Alta Corsica e dal sito http://archives.corsedusud.fr/Internet_THOT/FrmSomsindacoFrame.asp per quelli della Corsica del Sud

  1. Certificati di Morte

Provengono quasi esclusivamente dal sito https://www.haute-corse.fr/site/index.php?page=etat-civil.

  1. Censimenti

Si trovano in http://archives.corsedusud.fr/Internet_THOT/FrmSomsindacoFrame.asp.

  1. Genealogie corse e capraiesi

Si possono trovare in https://geneanet.org

  1. Registri del Porto di Capraia

Si trovano nell’Archive Départementale de la Haute Corse a Bastia: fondo Depot de la Marine

Note

[1] Archives National de France (ANF), Nat, 6680 B3

[2] ANF, Nat, 1449 B3 e 6164 B3

[3] ANF, Nat, 2774 B3

[4] ANF, Nat, 3294 B3

[5] ANF, Nat, 1274 B4

[6] ANF, Nat, 2472 B3

[7] ANF, Nat, 8962 X 2

[8] ANF, Nat, 0488 X

[9] ANF, Nat, 5262 B 4

[10]  ANF, Nat, 2183 B3

[11] ANF, Nat, 6165 B3.

[12] ANF, Nat, 7807 B 3

[13] ANF, Nat, 7807 B 3 

[14] ANF, Nat, 7807 B 3

[15] ANF, Nat, 7525 B3

[16] ANF, Nat, 3299 B3

[17] ANF, Nat, 0186 B 3

[18]  ANF, Nat, 9199 B 3

[19] ANF, Nat, 7149 B 3

[20] ANF, Nat, 2473 B 3

[21] ANF, Nat,  7091 B 3

[22] ANF, Nat, 7225 B 3

[23] ANF, Nat, 3298 B 3

[24] ANF, Nat, 3297 B 3

[25] ANF, Nat, 3296 B 3

[26] ANF, Nat, 6909 X 2

[27] ANF, Nat, 425 B3

[28]  ANF, Nat, 424 B3

[29] ANF, Nat, 5129 B 4

[30] ANF, Nat, 2706 B 3

[31] ANF, Nat, 1128 B 3

[32] ANF, Nat, 3306 B 3

[33] ANF, Nat, 8035 B 3

[34] ANF, Nat, 2475 B 3

[35] ANF, Nat, 1275 B 4

[36] ANF, Nat, 1661 B 4

[37] ANF, Nat,  3444 B 3

[38] ANF, Nat, 8582 B3

[39] ANF, Nat, 2735 X5

[40] ANF, Nat, 3301 B3

[41] ANF, Nat, 7076 B6

Pubblicato in L'Ottocento | Contrassegnato , , , , , | 1 commento

Un testamento del 1684: Giuseppe Cunio lascia soldi, case, e palmenti ai suoi nipoti

Palmnnto sotto Tramontana

I palmenti sotto il baluardo di Tramontana del Forte di Capraia

Giuseppe Cunio figlio di Domenico, fa parte di una delle più grandi ed antiche famiglie capraiesi del suo tempo.[1] È un pescatore e probabilmente possiede una imbarcazione da pesca. Con la sua attività ha raccolto una discreta fortuna che gli ha permesso di acquistare diversi immobili nell’isola. Nel 1656 fa parte del consorzio di pescatori locali che partecipa alla gara di appalto per l’assegnazione della riscossione della gabella sui pesci salati, sotto mirto e in scabeccio.[2] Nel 1659 è uno dei Padri del Comune. Sposa in prime nozze una certa Maddalena che gli dà tre figli e una figlia: Pasqualino, Andrea, Paolo, e Angela Maria. Pasqualino e Andrea si sposano ma muoiono presto lasciando entrambi una prole. Paolo, fin dalla sua natività è disubbidiente e dedito a male operazioni.

Morta la prima moglie Giuseppe Cunio decide di sposarsi con con Paolina Tarascone, ma la decisione del padre suscita l’ira del figlio Paolo che proferisce minaccie crudeli contro i promessi sposi. Quando i due promessi sposi celebrano in chiesa la prima promessa di matrimonio, Paolo decide di uccidere la donna: la sorprende e l’ammazza mentre sta cogliendo fichi in sua vigna. Paolo si rifugia in chiesa ma la sera dello stesso giorno esce dalla chiesa e da solo con uno schifo raggiunge Livorno. Qui entra nella famiglia di Anton Paolo Francisci, un mercante, con il quale si mette a trafficare e a guadagnare una discreta fortuna tanto da potersi comprare una grande quantità di spioni e ottenere, pagando, un salvacondotto che lo rende libero di svolgere la sua attività.

Morta la promessa sposa, Giuseppe Cunio sposa in seconde nozze Nicoletta figlia di Domenico Solaro q. Raffellino.

Intanto anche la figlia di Giuseppe, Angela Maria sposa Michele Sussone.

Il 28 marzo 1684 Giuseppe Cunio, realizzando che il giorno della sua scomparsa si stava approssimando decide di stendere il suo testamento in cui nomina suoi esecutori testamentari Damiano Morgana e Bartolomeo Princivalle. Giuseppe muore probabilmente negli ultimi mesi del 1684. Alla notizia della sua morte il figlio Paolo rientra a Capraia con un salvacondotto e quando scopre che il padre lo ha diseredato minaccia pubblicamente di morte i due esecutori testamentari. Questi, il 6 marzo 1685, scrivono al Magistrato di Corsica a Genova perché intervenga contro Paolo Cunio. Il Magistrato ordina al Commissario e capitano di Capraia, Marc’Aurelio Centurione, di mettere in carcere il bandito. Ma, nel settembre 1685, il Magistrato viene a sapere che il Cunio è stato rilasciato e ne chiede i motivi al commissario. Questi evidentemente giustifica il suo operato inviando a Genova i salvacondotti di cui gode il Paolo Cuneo.[3]

Il testamento è un interessante documento che permette di capire il relativo benessere dei capraiesi che all’inizio del XVII si sono dedicati alle attività legate alla pesca, che nel secolo successivo, sempre utilizzando le loro gondole, si estenderà ai trasporti e alla mercatura. E`importante notare che Damiano Morgana e Bartolomeo Princivalle, esecutori testamentari e Domenico Solaro, cognato di Giuseppe, sono dei pescatori che in diverse occasioni partecipano alle aste per l’assegnazione dell’appalto delle ggelle sui pesi salati, sotto mirto e in scabeccio.

Vediamo ora le disposizioni date nel testamento:

  • Il suo corpo dovrà essere seppellito nella Chiesa di S, Antonio del Convento de Frati Minori di S. Francesco in Capraia e il suo funerale sarà accompagnato dal numero di religiosi a piacere degli esecutori testamentari. Questi dovranno pagare le spese con i soldi che troveranno nella sua casa al momento del decesso.
  • Nomina suoi eredi universali tutti i figli maschi e femine, nati, e da nascere di legitimo matrimonio, del q. Pasqualino suo figlio maggiore e del q. Andrea suo secondo figlio, e di Paulo suo figlio vivente
  • Esclude dall’eredità suo figlio Paolo perché gli è stato dissubidiente
  • A Nicoletta, sua moglie, lascia una cassetta con i vestiti che gli ha regalato, una

    FAB_0243- macina per grano

    Macina per grano

    coperta di lana a sua scelta, una botte nuova da tre barili per il vino, una botte vecchia per tenervi la biada, un quarto delle cibarie che si trovano nella sua casa, due lenzuoli nuovi di canapetta, con due sachi da prenedersi a suo modo, con il cerniglio, staccio, coperchio per fare il pane, un paro di macine con suo macinile per macinare, … una zappa, et una meruccia, una rostaglia, et un pinnato che ha ricevuto da suo suocero. Tutto questo lo lascia alla moglie accioche prieghi per l’anima sua, come anche per la bona servitù, e fedeltà usata verso di esso.[4]

  • Di quanto in vita ha dato ai figli maschi, sia denari sia stabili sia spioni ed altre cose non vuole che alcuno degl’heredi possa domandare cosa alcuna l’uno all’altro di debito.
  • Agli eredi di suo figlio Pasqualino, tanto maschi che femmine, lascia il Magazzino con solaio e cantina che si trova dirimpetto la casa del Prete Francesco Morgana, una stanza allo scalo della Grotta, il palmento sotto il baluardo di Tramontana che ha coperto di tegole.
  • Ai figli di Paolo, tanto maschi che femmine, nati e da nascere da legittimo matrimonio, lascia il Magazzino, solario e cantina. Dove lui ha abitato e che rimane sotto la Fortezza confinante con uno che ha dato in dote a sua figlia Angela Maria, la piazza che vi resta dirimpetto, dove sono molti arbori di fichi, e melograni, et il palmento sotto il medesmo Baloardo di Tramontana, a fianco a quello lascito agli eredi di Pasqualino, e la grotta che si trova nel luogo detto.

    067-Anonimo-1769

    Pianta del paese di Capraia del 1769

  • Ai eredi di suo figlio Andrea, tanto maschi che femmine, lascia Il Magazzino con solaio e cantina dove abita Gio Grimaldo insieme il palmento coperto sotto Tramontana, attaccato a quello assegnato agli eredi di Paolo, la stanza (in realtà due stanze), che si trova sotto la Torre salendo dalla Grotta, un altro suo palmento sotto il baluardo di Tramontana insieme a quello lasciato da sua moglie defunta Maddalena, che potranno dividersi e aggiustare.
  • In tre parti dovranno essere divisi i i denari che ha dato ad interesse come documentato gli Instrumenti in sua Cassia di Censi.[5]

Una notevole ricchezza quella di Giuseppe Cunio che prova quanto fosse reddittizia per i pescatori di Capraia la pesca delle acciughe e il loro commercio: i guadagni almeno in questo caso venivano impiegati per l’acquisto di beni immobili, fabbricati e terreni. Di notevole interesse anche il fatto che Giuseppe Cunio possieda quattro palmenti sotto il baluardo di Tramontana della Fortezza: la presenza di questi palmenti è stata appurata dalle ricerche archeologiche degli ultimi decenni, ma solo questo documento ne attesta la natura privata.

Appendice – Il Testamento

Nel nome del Signore sia sempre

Essendo conditione humana il morire, e non essendo cosa più certa della morte ne cosa più incerta dell’hora di essa; e perciò considerando bene Giuseppe Cunio q. Domenico di Capraia sano per la Divina gratia di Infermità corporale, Senso, Loquela et Intelletto, e Volontà, si è disposto voler fare il suo ultimo Testamento nuncupativo, e disposizione dela sua ultima volontà come in appresso.

Quindi è che costituito alla presenza di me Cancelliere e Testimoni infrascritti sponte e per ogni miglior modo primieramente ha raccomandato e racomanda l’anima sua all’altissimo Creatore Giesù Cristo e alla Beatissima sempre V. M. et al Glorioso S. Giuseppe suo Avvocato et a tutta la Corte Celestiale, acciò si degnino intercedere appresso sua D.M. Misericordia per l’anima sua, Dichiara, e vuole, che mentre il suo Corpo sarà fatto cadavere sia sepeli nella Chiesa di S, Antonio del Convento de Frati Minori di S. Francesco in Capraia et il suo Corpo sia accompagnato e fattoli il funerale, come in appresso dirà. Lascia il detto Giuseppe Cunio de suoi Fidecommissarij, o sia Fidecommissi, Damiano Morgana, e Bartolomeo Princivalle ambi di Capraia che doppo la sua morte ad essi sia subito consegnate le sue chiavi tanto della sua Cassa come della casa dove habita detto Testatore, e cantina di sotto, acciò niuno possa pigliare, ne tenere cosa alcuna, e di ciò, che troveranno in sua Cassa debbano, e possano spendere nel suo Funerale tutto quello che a lor due parerà, e chiamare per accompagnar il suo Corpo quanti Religiosi essi vogliono; Dichiara, e di sua propria bocca nomina per suoi heredi universali tutti i figli maschi e femine, nati, e da nascere di legitimo matrimonio, del q. Pasqualino suo figlio maggiore e del q. Andrea suo secondo figlio, e di Paulo suo figlio vivente; Tanto dichiara si come di sopra ha dichiarato tutti li figli, e figlie nate, e da nascere in avvenire di legitimo matrimonio di detto Paulo, heredi nati e da nascere. Item lascia detto Testatore, e proibisce della sua heredità, e beni, niuna cosa esclusa, e di qualsiasi sorte, a Paulo suo figlio vivente d’esserli stato dissubidiente, e quando pretendesse muover lite per la sua legitima debba prenderla (quando però le fusse douta di giustizia) sopra ciò, che detto Testatore ha dato alli figli del medesmo Paulo e non in altro modo. Item lascia il Testatore a Nicoletta sua moglie, e figlia di Domenico q. Raffelllino Solaro una cascietta nuova con tutte le sue robbe di dosso, come vestiti, camicie, et ogn’altra sorte di robba, che a suo detto, detto Giuseppe suo marito le havesse fatto, e nessuno possa pretendere, ne levargliele. Item lascia alla detta Nicoletta una coperta di lana, che fra quelle che esso Giuseppe lascierà, debba prendersi quella che ad essa pare e piacerà. Item di più li lascia una botte nuova di tenuta di barili tre circa da tener vino. Item li lascia un’altra botte vecchia da ponervi biada dentro. Item lascia, che tutte le robbe mangiative di qualsiasi sorte, per uso della casa, e sostegno delle persone che si ritroveranno in sua casa doppo la morte, debba farne quattro parti, una delle quali sia data alla Nicoletta, e tre una per ciascheduno agl’heredi nominati. Item lascia alla detta Nicoletta due lenzuoli nuovi di canapetta, con due sachi da prendersi a suo modo, con il cerniglio, staccio, coperchio per fare il pane, un paro di macine con suo macinile per macinare. Item dice detto Testatore di haver riceuto da suo suocero una zappa, et una meruccia, una rostaglia, et un pinnato per sua moglie, e queste lascia che detta Nicoletta debba prendersile, e che non le siano impedite. Dichiara detto Testatore, che tutto ciò, che ha lassato alla detta Nicoletta sua moglie glielo lassa per l’amor di Dio, et accioche prieghi per l’anima sua, come anche per la bona servitù, e fedeltà usata verso di esso, e non vuole che alcuno gliene dia impedimento ne molestia delle cose da esso fatteli, ma pacificamente le siano date, e consegnate, che così dichiara essere la sua volontà. Item lascia detto Giuseppe Testatore che tutta la robba che si troverà in sua casa e cantina, quale da esso non sia stata data, e partita agl’heredi di detti suoi figli già nominati tanto maschi  come femine, niuna cosa esclusa siasi di mobili, e immobili, et ogni sorte di qualsiasi robba. ne sia fatto tre parti uguali e sia data alli heredi de suoi figli, acciò godino quel poco che li lassa per amor di Dio e per l’anima sua. Item lascia detto Giuseppe Testatore et ordina, che quando si ritrovasse scritture di qualsivoglia sorte niuna esclusa, che qualcheduno de suoi figli li fusse debitore di denari riceuti in qualsivoglia modo, si chiama da tutti e tre Pasqualino, Andrea, e Paulo pagato e sodisfatto e non vuole che alcuno degl’heredi possa domandare cosa alcuna l’uno all’altro di debito. Item dichiara detto Testatore prima di adesso dato, e assegnato, si come al presente conferma detta assignatione a ciascheduna heredita la sua portione delli stabili, e spioni, e altre cose, che da esso prima d’hora hanno hauto, e ricevuto, e godono. Item dichiara detto Testatore di havere assegnati doppo la sua morte si come assegna il Magazino tanto di solaro, come di tutta la Cantina agli heredi del q. Pasqualino suo figlio maggiore nel luoco detto la Cala, confinante da Levante con l’heredi del Sig. Gio Tomeo, e da ponente l’horto del Reverendo Prete Francesco Morgana, con la strada, e di sopra di rimpetto inrecto la casa dove habita detto Reverendo; e di più li ha dato, et assegnato una stanza, o sia Grotta nel scalo detto la Grotta, che confina con gl’heredi di Paulo Morgana, e Gio q. Gregorio, et il Palmento sotto il baluardo di Tramontana, quale godono, che ha coperto di teghe.

Item lascia agl’heredi di Paulo suo figlio minore tanto maschi, come femine, nati, e da nascere di legitimo matrimonio, doppo sua morte il Magazino tanto di solaro, come di sotto la cantina dove habita adesso detto Giuseppe, che resta sotto la Fortezza, confinante con uno che ha dato in dote ad Angela Maria sua figlia e moglie di Michele Sussone assieme con la piazza, che vi resta  di rimpetto, dove sono molti arbori di fichi , e melograni, et il Palmento sotto il medesmo Baloardo di Tramontana attaccato a quello degl’heredi del medesmo Pasqualino, quale il presente godono, assieme con la grotta posta nel luogo detto Fariglione. Item lascia agl’heredi tanto maschi, quanto femine del q. Andrea  suo secondo figlio il Magazino di solaro, e cantina di sotto, quale adesso dentro vi habita Gio Grimaldo confinante da mezzogiorno con quello dato per dote ad Angela Maria sua figlia, e da tramontana con gl’heredi del Sig. Michele Solaro suo cugnato, assieme con il palmento posto sotto Tramontana coperto attaccato di sopra con gl’heredi del Paulo, e confina con la strada publica, quale al presente godono, e di più li ha dato et assegnato a detti heredi quella stanza che resta sotto la Torre , salendo dalla Grotta resta di rimpetto alla strada Commune, quale fa due stanze; e perché detto Testatore sotto il baluardo di Tramontana ni ha ancora un altro Palmento, et uno vene è parimente di sua moglie q. Madalena, quello lascia alli detti heredi, che con quello della  q. sua moglie, potranno spartirlo, et aggiustarlo. Item lascia e dichiara detto Testatore, che mancando alcuno degl’heredi succedino quelli, che restano casata per casata. Item dichiara detto Testatore, che lassa un suo Libro nel quale vi saranno segnati alcuni debitori, e vi sono molte riceute di alcuni suoi censuarij, et altri, che hanno danari di suo ad intersse, li quali per sua negligenza, e trascuraggine non hanno riceute pubbliche, che per ciò dichiara, e lascia, come sopra, che di questo se ne debba tener conto, acciò non si guasti, e coloro che vorranno le loro riceute, che contiene in detto Libro, che se gli dijno, et a queste si li dij fede, come le fosse fatto di attuario publico, e non in altro modo, perché in questo ha segnato, e fatto segnare con fedeltà tanto per esso come per suoi debitori. Item dichiara, e dice detto Testatore, che ha alquanti Instrumenti in sua Cassia di Censi e di altri denari dati ad interesse, e questi ordina che li habbino da prendere i suoi Fidecommissi in mano appresso di se Damiano Morgana e Bartolomeo Princivalle, e partirli in tre parti, e a ciascheduna delle heredità sopranominate dijno, et assegnino la sua parte de conti, e debitori, che li ritroveranno dopo la morte. Tanto dice, che si intendi Instrumenti come se fossero polize, o in altro modo li ritrovasse debitori. Item ha dichiarato e di nuovo dichiara per magior cautela di haver fatto, et eletto Domenico Morgana, e Bartolomeo Princivalle per suoi Fidecommissi, e confidenti, a dividere tutto quello che essi ritroveranno nella Cassia, Casa, e Cantina di esso Giuseppe doppo la morte, et a questi subito le sia consegnato le chiavi della sua Cassia, Casa, e Cantina quando non havesse spatio di tempo consegnargliela da se  e tutto ciò che troveranno, levato il Funerale come di sopra si è detto partiranno in tre parti et a ciascheduna heredità de figlioli suoi tre nominati Pasqualino, Andrea, e Paulo alli loro figli di ciascheduno di essi, diano la sua parte cioè casata per casata e li heredi da spartire poi fra essi dichiara detto Testatore, sicome di sopra ha dichiarato, che siano heredi del suo tanto i maschi quanto le femine, et al suo maritare le femine habbino la sua parte di quello haveranno riceuto da detto Testatore e che gli sarà stato consegnato dalli Fidecommissi; e se alcuno degl’heredi pretendesse overo movesse lite, e non intendesse stare al presente Testamento sia di subito privo di quanto detto Testatore gl’ha dato, et assegnato, e vada a quelli fratelli e sorelle, che stanno fermi, e si contentano, e se fossero concordi alcuni dell’heredità a voler litigare uno control’altro, quella quella sia priva, e vada ogni cosa a quello, e a quella heredità che stanno fermi e che si contentano stare  al presente Testamento, che così vuole dichiara sia osservato per sua ultima volontà, e Testamento. Volendo che solo il presente vagli e non altro Testamento e codicillo, che si ritrovasse, e questo solo vagli e tenga per ogni tempo, che tanto … delle quali cose… . Letto attestato nella Casa, et habitatione dove al presente habita l’anno di Nostra Salute milleseicenti ottanta quattro li ventiotto marzo hora di …. Testimonij Gio Batta Da Nove q. Pietro Batta, Gio Batta q. Andrea, Carlo Morgana q. Bartolomeo, Geronimo Lamberti q. Lorenzo, Gio Sussone q. Leonardo tutti di Capraia chiamati.”[6]

[1] A Capraia il cognome Cunio diventa Cuneo all’inizio dell’Ottocento.

[2] Spioni, reti per la pesca di altura di acciughe e sardine.

[3] ASGe, Corsica, n. 611, lettera del 6 mar. 1685; Ibidem, n. 462, lettere del 26 nov. 1685 e 9 gen. 1686

[4] Cerniglio, potrebbe trattarsi dei resti della setacciatura; staccio o setaccio; macinile, probalmente la parte mobile della macina; meruccia, probabilmente un attrezzo per la coltivazione; rostaglia forse rastrello; pinnato o pennato, attrezzo da boscaiolo a forma di grossa roncola con una cresta (o penna) tagliente sul dorso.

[5] ASGe, Corsica, n. 611, testamento di Giuseppe Cuneo allegato alla lettera di Bartolomeo Princivalle e Damiano Morgana del 6 mar. 1685. Cassia dei Censi è la cassa dove Giuseppe Cunio tiene denari e documenti relativi ai suoi beni e rendite

[6] AGS, Corsica, n. 611, lettera di Bartolomeo Princivalle e Damiano Morgana del 6 mar. 1685.

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento