1979 – L’erbario di Lydia



LogoNel 1978 la Pro Loco di Capraia Isola, che da poco tempo aveva ottenuto in concessione la Torre del Porto come sede dell’associazione, decise di inaugurare la nuova sede con una mostra sulla flora medicinale e aromatica da tenersi nell’anno successivo.

L’organizzazione della mostra fu affidata ai tre soci Lydia Giusti, Carlo (Gigetto) Moresco e Giorgio Perotti.  L’iniziativa ottenne il patrocinio del Museo di Storia Naturale di Livorno, nella persona del direttore Gianfranco Barsotti, e il supporto economico della Provincia di Livorno che stampò per l’occasione un piccolo catalogo della mostra.

MostraGigetto Moresco e Giogio Perotti si occuparono della preparazione del catalogo (Clicca qui Catalogo Mostra) e dell’allestimento della mostra.

Lydia Giusti, valente disegnatrice, si dedicò alla preparazione di quaranta disegni di piante medicinali e aromatiche dell’isola. I disegni furono realizzati tra il 1978 e il 1979 su carta da disegno a matita e a colori pastello. I modelli dei disegno furono le piante  e i fiori dell’isola ripresi nel corso delle stagioni. I disegni furono corredati con la loro nomenclatura latina da Gigetto Moresco.

Le tavole di Lydia Giusti furono esposte alla mostra ma poi se ne perse traccia, finchè la figlia Cinzia Giusti li ritrovò per caso alcuni anni or sono.

Mi è sembrato doveroso riproporli qui a testimonianza dell’opera di Lydia Giusti e dell’amore che i tre organizzatori, nessuno di loro era originario di Capraia, avevano per l’isola e per la sua incontaminata natura.

P1160248n

Tav. 1 – Urtica atrovirens (Ortica)

P1160246n

Tav. 2 – Tribulus terrestris (Tribolo)

P1160244n

Tav. 3 – Teucrium marum (Erba gatta)

P1160240n

Tav. 4 – Ruscus aculeatus (Pungitopo)

P1160242n

Tav. 5 – Tarascacum officinalis (Dente di leone)

P1160238n

Tav. 6 – Polypodium vulgare (Felce dolce)

P1160236n

Tav. 7 – Plantago lanceolata (Piantaggine)

P1160233n

Tav. 8 – Parietaria officinalis (Erba vetriola)

P1160229n

Tav. 9 – Malva sylvestris (Malva)

P1160226n

Tav. 10 – Anagallis arvensis (Centonchio rosso o Centonchio dei campi)

P1160224n

Tav. 11 – Asparagus acutifolius (Asparago selvatico)

P1160221n

Tav. 12 – Helichrysum angustifolium (Elicriso)

P1160220n

Tav. 13 – Opuntia ficus-indica (Fico d’India)

P1160217n

Tav. 14 – Rubus fruticosus ( Mare)

P1160216n

Tav. 15 – Agropyron repens o Elytrigia repens (Granaccio)

P1160213n

Tav. 16 – Rosa canina (Rosa di macchia)

P1160211n

Tav. 17 – Linaria capraria (Linajola della Capraia)

P1160208n

Tav. 18 – Eucalyptus (Eucalipto)

P1160205n

Tav. 19 – Borago officinalis (Borragine in fiore)

P1160204n

Tav. 20 – Borago officinalis (Borragine)

P1160202n

Tav. 21 – Crataegus oxyacantha (Biancospino)

P1160200n

Tav. 22 – Iris germanica (Giaggiolo)

P1160198n

Tav. 23 – Ruta graveolens (Ruta)

P1160196n

Tav. 24 – Pistacia lentiscus (Lentisco o sundaro)

P1160193n

Tav. 25 – Nerium oleander (Oleandro in fiore)

P1160184n

Tav. 26 – Nerium oleander (Oleandro)

P1160191n

Tav. 27 – Viola hirta (Viola)

P1160189n

Tav. 28 – Allium triquetrum (Sammola)

P1160187n

Tav. 29 – Crithmum maritimum (Finocchio di mare)

P1160182n

Tav. 30 – Lavandula spica o angustifolia (Lavanda)

P1160180n

Tav. 31 – Senecio cineraria o jacobaea maritima (Cineraria)

P1160177n

Tav. 32 – Asphodelus (Asfodelo)

P1160176n

Tav. 33 – Rosmarinus officinalis (Rosmarino)

P1160173n

Tav. 34 – Arbustus Unedo (Corbezzolo)

P1160172n

Tav. 35 – Narcissus Jonquilla (Giunchiglia)

P1160170n

Tav. 36 – Lonicera implexa (Caprifoglio)

P1160165n

Tav. 37 – Lonicera implexa (Caprifoglio in fiore)

P1160167n

Tav. 38 – Lupinus angustifolius (Lupino)

P1160164n

Tav. 39 – Mentha pulegium (Mentuccia)

P1160250n

Tav. 40 – Hedera helix (Edera)

Roberto Moresco                                                                Dicembre 2013

Lidia Albertina Giusti, è nata a Livorno l’otto agosto 1918, da Giuseppe Matteelli, uno spedizioniere di origini fiorentine, e da Edilia Bartoli, gentildonna livornese. Morto presto il padre a seguito di ferite riportate al fronte della prima guerra mondiale, fin da piccola si è distinta negli studi, riuscendo a ben qualificarsi in tutte le materie, in particolare, in disegno. Cresciuta all’ombra delle associazioni fasciste per gli orfani di guerra, risultò vincitrice di un premio nazionale di pittura, venendo ricevuta a Roma dal Duce in persona. Dedicatasi subito all’insegnamento, per provvedere alle esigenze di ciò che restava della sua famiglia (la madre e la più giovane sorella Anna), non ha mai trascurato la sua passione per le arti figurative, aderendo alla tradizione degli artisti livornesi di scuola post-macchiaiola. Sposata nel 1942, con Giuseppe Giusti di Massa, allora tenente dei Reali Carabinieri, dopo una sola settimana dal matrimonio rimase sola, per il trasferimento al fronte africano del marito.

Subita la perdita della casa paterna, a seguito dei bombardamenti alleati di Livorno, dovette rifugiarsi nella campagna pisana dove, il primo di Aprile del 1943, partorì il suo primo figlio Folco. Terminata la guerra e riunita al marito, nel frattempo rientrato ferito dall’Egitto, ha avuto ventura, assieme a lui, di scoprire e di innamorarsi dell’isola di Capraia, dove per alcuni ha vissuto stabilmente, partorendovi la figlia Cinzia. Durante gli anni trascorsi a Capraia, ha messo a frutto le sue qualità di insegnante, prestandosi a supplire all’assenza sul posto di scuole medie e superiori, preparando agli esami di diploma alcuni dei giovani locali più dotati e volenterosi. Finalmente, con la definitiva normalizzazione postbellica, ha seguito il marito nei suoi vari comandi, facendo alfine ritorno a Livorno, dove ha ripreso la sua attività di insegnante fino all’età del pensionamento. Avida lettrice, negli anni non ha mai cessato di applicarsi allo studio, frequentando l’università della terza età e apprendendo l’esperanto. Altresì ha continuato a dedicarsi amatorialmente al disegno e alla pittura. Deceduta a Livorno l’11 ottobre 2010, ora riposa, accanto al marito, nel piccolo cimitero di Capraia. (C. e F. Giusti)

Carlo Moresco (Gigetto) (Bargagli 1911-Genova 1990) nel 1937 sposa Iole Silvestrini di antiche origini capraiesi e fin dalla sua prima vacanza si innamora dell’isola. Dopo la guerra, nel 1948, torna a Capraia con la moglie e i figli e da quell’anno l’isola diviene per tutta la famiglia il punto di ritrovo estivo. Giunto all’età della pensione si dedia con passione allo studio delle erbe e piante dell’isola, frequentando a Genova il corso in farmacia dell’Università della terza età. Molti ancora lo ricordano quando portava gli amici a scoprire piante e palmenti nella campagna di Capraia. (R.M.)

Giorgio Perotti, famoso botanico, agronomo e biochimico impegnato nell’opera di inserimento di nuovi principi attivi vegetali nella pratica terapeutica, studioso della tradizione popolare alla quale va il merito di aver tramandato impieghi e virtù delle piante che la medicina attuale sta rivalutando. Fondatore dei laboratori Vegetal-Progress. A metà degli anni ’50 visitò con il padre l’isola di Capraia per poi frequentarla stabilmente a partire dai primi anni ’70. Tramite il suo maestro il prof Arturo Ceruti (a lungo direttore dell’Ortobotanico di Torino) ebbe accesso alla Florula Caprariae di Moris et De Notaris ed all’aggiunta di Sommier delle quali fece una ricognizione completa.(M. Perotti)

Questa voce è stata pubblicata in Il Novecento e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...